L’ ipomafia

23 September 2021

25 agosto 2021

Blog de Il Fatto

Commento al post di E. Mattioni “Crespi e i film antimafia dopo la condanna per concorso esterno. I giudici lo scarcerano: “La pena sarebbe una doppia riabilitazione”. E resta in attesa dopo la richiesta di grazia”

Al di là del caso personale di Crespi, è una conferma della vicinanza funzionale – e probabilmente della convergenza ai livelli dei burattinai sovranazionali che controllano il Paese – tra mafia e antimafia, che contrapposte formano un unico dispositivo di potere. E mostra la volontà dei magistrati di alimentare, culturalmente, il tema della mafia, mentre non li si sente molto su quello che dovrebbe essere l’obiettivo primario, spegnere la mafia eradicandola come fattore criminale di primaria importanza. Nel dispositivo mafia-antimafia la mafia perenne consente l’antimafia perenne, e l’antimafia perenne permette di mantenere, servendo da paravento e da alibi, l’ipomafia, cioè i routinari metodi mafiosi al netto della violenza omicida diretta propri delle istituzioni dello Stato. Che in questi tempi vengono applicati nell’operazione covid, es. introducendo – solo in Italia – il sinallagma ipomafioso “se non riconosci allo Stato un controllo farmacologico sul tuo corpo io Stato ti tolgo il lavoro”. Non si vedono né interventi della magistratura né denunce di cineasti a contrastarli. Mentre all’ipomafia viene affidato il compito di eliminare per via amministrativa figure d’intralcio, così come si è usata in precedenza la violenza mafiosa per epurazioni che sono servite a imprimere al Paese la direzione voluta.

@ Antonio Informatico: La “colpa” di mafia e ipomafia è anche dei magistrati che, in consonanza col Quirinale, fanno gli splendidi sulla mafia e i don Abbondio – o i don Rodrigo – sull’ipomafia. E anche dei cittadini che tollerano e applaudono l’estetizzazione dannunziana di quella che dovrebbe essere una guerra senza quartiere, dove conti l’eliminazione della mafia, senza fronzoli. Diseducati in effetti da B e le sue tv, oltre che dalla storica consuetudine del barocco, dove la ricchezza retorica copre la miseria della sostanza. Consuetudine anche di quelli si atteggiano ad avversari del loro compare B, oltre che della mafia. Della quale coltivano la cultura e praticano la versione civile, ipomafiosa, tra un dopocena antimafia e l’ennesima trovata da cicisbei dell’antimafia.

§ § §

18 settembre 2021
Blog de Il Fatto
Commento al post di L. Musolino “Nel 2013 la ‘ndrangheta voleva uccidere il figlio di Gratteri investendolo”. Le rivelazioni del pentito alla Dda di Reggio Calabria”

Censurato in blocco dopo una mia risposta a un blogger

Una pensata da mafiosi cretini: avrebbe fatto inferocire Gratteri contro di loro. Inoltre con la Ur-mafia, cioè i poteri sovranazionali che sono i patron del suo patron politico Renzi, il primo cacciatore di malacarne d’Italia va d’accordo. Come verifica a sue spese in Calabria – e nel civile Nord – chi sia inviso a tali poteri, e riceva pertanto le attenzioni ostili degli amici istituzionali di Gratteri. Sono poteri che i vastasi, i massoni e i clericali (categorie non mutualmente esclusive) delle ndrine, logge e congreghe di paese servono anche loro, senza fiatare.

Anzi, ora che è in corso il golpe covid si può prevedere un futuro professionale luminoso per i suoi figli che, ha detto Gratteri in tv, studiano medicina. Non dovranno temere la crociata dei Goffredo di Bugliolo degli Ordini dei medici – popò e camicia coi magistrati – contro i medici che non vogliono né fare la puncitina né fare i piazzisti di Big Pharma. Gratteri si è espresso per un obbligo generale di puncitina.

Se qualcuno dei rari magistrato-magistrato facesse il magistrato contro l’attuale spadroneggiare delle Ur-mafie, dei poteri forti sovranaizonali che hanno imposto di trasformare l’Italia in un ghetto da lebbrosi, allora potrebbe correre dei rischi gravissimi, come è accaduto in passato per le passate operazioni. E, come è accaduto in passato, la falange dei colleghi normali lo renderebbe un bersaglio facendogli un vuoto circolare attorno.

Il commento è stato pubblicato al secondo tentativo. Quando “Wilson3” lo ha commentato e io ho gli risposto, tutti e tre i commenti sono stati tolti. La mia risposta a Wilson3, mai pubblicata da Il Fatto:

Mi sembra fumettistico, i mafiosi “arte e fattura diabolica”, il singolo che solo può salvare l’Italia. Di ndrangheta so poco; mentre conosco l’ipomafia, la mafia del mondo legale e istituzionale che non spara ma pratica con metodi altrimenti mafiosi indisturbata gli affari che quelli come Renzi curano dietro al paravento e all’alibi della lotta alla mafia. Ipomafia i cui interessi in campo biomedico ora emergono col covid. Ricordo Gratteri a una conferenza a Brescia accanto a Pecorelli. Rettore e capo dell’AIFA (dimessosi per magagne), cioè del controllo scientifico di Stato sui farmaci, quando il grande ospedale pubblico che dominava innescò e alimentò – senza tema di galera – la rozza truffa propagandistica Stamina*. E’ stato uno dei portaordini da Washington sui vaccini; gli effetti si vedono oggi, con lo sconquasso del Paese, e del diritto. Bisognerebbe cogliere queste “displasie” poco appariscenti ma reali dietro alle uscite alla Gomorra.

Credo che la mafia dal dopoguerra sia stata virulentata da chi controlla l’Italia, per farne uno strumento di potere. E che tra le sue funzioni ci sia – soprattutto dopo la caduta del Muro e l’avvento del liberismo sfrenato – questa di distrazione e legittimazione; che spiega l’interesse – che dovrebbe portare gli spettatori a interrogarsi – di un Renzi per il campione dell’antimafia; e perché di eradicare la mafia non se ne parla, se non a livello retorico.

* Stamina come esca per le frodi della medicina ufficiale

§ § §

(fotoBresciaoggi)

 

Brescia, Unibsdays, 23 maggio 2014, aula magna di Giurisprudenza, ore 18. Contemporaneamente, nell’aula 5 di Giurisprudenza, conferenza ““Dal bancone del laboratorio al letto del paziente oncologico”, lo slogan accattivante e demenziale della “medicina traslazionale” (I trucchi della medicina traslazionale), l’ideologia medica dello sloanismo, del getto continuo – come gli aggiornamenti Microsoft di Windows – di prodotti “innovativi” inefficaci e dannosi, funzionale all’impiego della medicina come comoda fonte di enormi profitti. Gratteri, dopo avere entusiasmato l’uditorio, me compreso, parlando di come combatte la mafia, è stato zitto e sorridente, facendo da testimonial, mentre Pecorelli esponeva il suo progetto “Health and wealth”. Il progetto di fare affari sulla salute; che non può funzionare senza frodi, senza impunità e aiuti istituzionali alle frodi, senza la soppressione delle voci di denuncia. Un progetto che la tradizione ipomafiosa delle nostre istituzioni e classi dirigenti propizia. Uno dei “laboratori” intermedi dai quali è uscita l’operazione covid; inclusa la strage di pazienti a Bergamo e Brescia (Lo knock-on dell’operazione covid in Lombardia orientale). Con la collaborazione della magistratura.

Quattro mesi dopo la conferenza Pecorelli era a Washington, da dove ha portato la consegna di fare dell’Italia la capofila mondiale dell’imposizione dei vaccini. Che è ciò che abbiamo vissuto in questi mesi e stiamo vivendo in questi giorni, e che Gratteri appoggia esprimendosi in tv per l’obbligatorietà. Nonostante che il suo ruolo di PM e la popolarità – che i media allineati alimentano – comportino il non pronunciarsi a favore di ciò che deroga dai principi costituzionali e che da molti viene contestato come un grave abuso.

Alla suggestio falsi si aggiunge la suppressio veri con l’eliminazione di chi si oppone. In particolare di chi si oppone alla medicina iatrogena, e si sarebbe quindi opposto, se non fosse stato fatto fuori, alla gestione “clinica” iatrogena che ha prodotto la strage knock-on in Lombardia orientale. Eliminazione attuata mediante i consumati sistemi obliqui dell’ipomafia, e con metodi nuovi d’importazione come il gaslighting. Tramite “fratelli” e clericali che in nella Presila cosentina, a Lamezia, a Brescia, hanno pochi gradi di separazione dalla mafia di ndrina alla quale invece Gratteri è avverso.

Come minimo pratica forme di ragionamento circolare il magistrato – Gratteri non è il solo – che senza conoscere il merito ma dando per certi i benefici si dice a favore dell’obbligatorietà dell’introduzione nel corpo di tutti cittadini di sostanze ad attività farmacologica non ben nota e dotate comunque di una accertata capacità di ledere, anche gravemente (meglio, introduzione nelle cellule, i nuovi vaccini potendosi definire “intracellulari”). Sostanze per di più sbucate fuori in maniera anomala da una vicenda tumultuosa e opaca, che dovrebbe portare a interrogarsi sulla asserità necessarietà e centralità delle vaccinazioni e sull’asserito loro essere “l’unica via di salvezza”. Una obbligatorietà o un costringere che viola non solo il dettato Costituzionale sulla tutela della salute, ma la stessa ontologia implicita nella Costituzione, sostituita con un modello del mondo psicotico, dove il cittadino non ha salute ma deve riceverla dalla case farmaceutiche tramite lo Stato (L’esproprio della salute da parte della medicina dei banchieri). Dove si definisce il cittadino come un uomo inerme, privo di difese, che necessita dei farmaci come chi non abbia i reni della dialisi. In una finzione che criminalmente la malattia la crea (v. es. Vaccinating people who have had Covid-19: why doesn’t natural immunity count in US? BMJ, 13 set 2021). Ragionamenti di infimo livello, discorsi da richiesta di pizzo, tanto più indegni per chi giudica per professione, che ottengono la circolarità col bulverismo (Il bulverismo giuridico e giudiziario su questioni mediche) e con la fallacia del saltare alla conclusione “selecting on the dependent variable”. Pratiche diffusissime, costanti, tra chi conduce e appoggia la campagna covid, e segno certo di cattivo giudizio, per inadeguatezza morale o intellettuale.

§  §  §

25 ottobre 2021

Blog de Il Fatto

Commento al post di   “Foggia, Mattarella all’inaugurazione dell’anno accademico: “La criminalità si combatte con la formazione delle coscienze in tutto il Paese”

Come la mafia mussoliniana serve a mimetizzare l’asservimento della “sinistra” al fascismo dei banchieri, e a meglio praticare il fascismo dei banchieri ergendosi ad autorità morali in quanto “antifascisti”, così la mafia dei tagliagole serve a mimetizzare l’ipomafia istituzionale, cioè culture e pratiche amministrative mafioidi a fini illeciti abusando dei poteri dello Stato; e serve a meglio praticare l’ipomafia istituzionale ergendosi a maestri di legalità in quanto “antimafia”. Il teppismo fascista e i tagliagole organizzati vengono lasciati crescere quanto basta a usarli per declamazioni che ormai suonano come i rintocchi di campane crettate. Ciò spiega perché vergognosamente dopo decenni di lutti e devastazioni in Sicilia, Campania, Calabria, dopo avere immolato i migliori ed essersi vestiti delle loro spoglie, si lascia proliferare un areale della malapianta in Puglia.

§  §  §

29 ottobre 2021

Blog de Il Fatto

Commento al post di S. Frequente “Buccinasco, flash mob di 40 sindaci: “La mafia non è in tv, noi la incontriamo al mercato”. Il pm: “Olimpiadi e Pnrr, non cadiamo nella trappola””

La mafia scempia il Paese anche in via indiretta. Con un meccanismo che in farmacologia si dice di “inibizione competitiva” le mafie impegnando le risorse preposte al contrasto alla criminalità lasciano libere di agire altre forme di grande criminalità. Penso a quelle del business biomedico – fiorente in Lombardia. Dovrebbe essere un motivo in più per eliminate la mafie; invece non se ne parla. Forse la mafia non è un corpo estraneo, non trae la sovrannaturale capacità di esercitare il Male che le viene attribuita da sulfuree fonti interiori, ma è parte del sistema: è protetta, venendo impiegata come uno degli ingredienti di una miscela di poteri volti allo sfruttamento. Nelle dosi giuste, non solo come “imprenditoria” ma anche come inibitore competitivo a favore di grandi business legali. Che beneficiano di una “disattenzione” del controllo di legalità – mentre in coro con magistrati e polizia raccontano quanto sono tremendi e invincibili i samurai mafiosi – tanto estrema, e a volte attivamente complice, che chi ne è vittima deve constatare di avere a che fare con una forma di mafia che non spara; ma che abusa del potere legale applicandolo impunemente nelle forme criminali subdole e silenziose della vecchia mafia.

§  §  §

Brescia, 29 novembre 2021
Dr. ssa Elisabetta Melotti
Procuratore della Repubblica
Rimini

prot.procura.rimini@giustiziacert.it

La censura del gatto e la volpe su Antimafia e caso Pantani al tempo del Covid

in Per cosa è morto Pantani. Lo sport e il marketing farmaceutico

§  §  §

Vedi anche:

I professionisti della metamafia

Il sinallagma ipomafioso e la giustizia a cricchetto nell’operazione Shylock

Mafia fordista e neoliberismo

Un certificato di decenza per le attività antimafia

La convergenza di mafia e antimafia. Pizzo mafioso e pizzo di Stato

La mafia e l’antimafia favoriscono la soggezione dell’Italia a poteri extra-nazionali ?

La mafia murina

Mafia padana e magistrati

Antimafia e cultura dell’emergenza

Lotta alla mafia nell’anno domini 2010: Saviano e Lea Garofalo

I magistrati “business friendly” e la mafia come sineddoche tendenziosa

Definizioni calde e definizioni fredde della mafia

%d bloggers like this: