Il sinallagma ipomafioso e la giustizia a cricchetto nell’operazione Shylock

15 August 2021

“in questa operazione Shylock, nel bruciare la Costituzione e vendersi gli italiani con contratti a scambio denaro-carne umana, i politici e i loro compari si avvalgono anche di troll.”

(dalla mia risposta a un troll, censurata da Il Fatto. V. sotto, commento a: Scuola, ok dai sindacati al protocollo sicurezza per la riapertura. Il ministro Bianchi precisa: “Tamponi gratis a docenti fragili, non no-vax”)

§  §  §

20 agosto 2021

Blog de Il Fatto

Commento al post “Mattarella: “La libertà per essere tale deve misurarsi con quella degli altri. Vaccinarsi è un dovere e un atto d’amore verso i più deboli”

Per chi volesse un po’ di ossigeno, leggendo parole di verità sulla realtà biologica, la norma etica e il rapporto tra loro: M. Kendrick, “Vaccine certification – An ethical minefield”.
Il doubletalk, praticato dai tempi di Tacito “hanno fatto un deserto e lo chiamano pace” ora viene trasmesso dai maggiori pulpiti, chiamando amore, dovere, responsabilità etc. norme e contratti per i quali la denominazione appropriata è “Shylock”: norme Shylock, contratti Shylock, per i quali si deve cedere il controllo del proprio corpo per non perdere il denaro e i diritti necessari alla sopravvivenza.

2 agosto 2021
Blog de Il Fatto
Commento al post “Terni, Oss non vaccinata sospesa da lavoro e stipendio: il giudice rigetta il suo ricorso. “Sanzione è adeguata e proporzionata”

Il sinallagma

Non c’è solo l’obbligo di legge, in realtà l’obbligo tramite l’abuso pretestuoso della legge. C’è anche che nel “sinallagma”, ciò che il dipendente fornisce in cambio di uno stipendio col quale vivere, ora viene inserito il lasciarsi inoculare, in nome di vantaggi a livello aggregato, intangibili e a dir poco altamente dubbi*, sostanze dagli effetti non bene conosciuti che si è visto possedere la capacità di nuocere. Contribuendo così all’afflusso di una marea di denaro pubblico nelle casse di grandi corporation che hanno elenchi di precedenti per truffe biomediche e danni iatrogeni voluminosi quanto i codici che fanno da fermacarte sulle scrivanie dei magistrati. Si è osservato che le miocarditi da vaccino – una patologia che può essere grave – potrebbero portare, nel giro di un decennio dall’apparente guarigione, alla necessità del trapianto di cuore** . Il nuovo sinallagma stabilito dal potere giudiziario qui da noi, nella patria del diritto, prima che nel resto del mondo, avrà trasformato persone sane in relitti. Bisognerebbe chiedersi cosa prevede il sinallagma reale dei magistrati, e segnatamente il rapporto dei loro stipendi e carriere con i grandi interessi che stanno demolendo i capisaldi dello Stato democratico come macchine da guerra che schiantino capanne e baracche senza incontrare resistenza.

* Busting the myth that vaccination prevents transmission. Hart, 29 lug 21.
** Worrying new safety signals emerge. Hart, 24 giu 2021

Excusatio: E’ un abuso del giudice, sotto ho spiegato il perché. La invito a non fare proselitismo no vax, i no vax stanno sbagliando e hanno un metodo di pensiero ignorante e paranoico in modo iperbolico. La miocardite è un evento transitorio d’infiammazione di tessuti del muscolo cardiaco e il virus lo produce ben peggiore facendo danni in tanti organi e non solo nel miocardio. Si sceglie il male minore per rapporto danno beneficio. Il resto è fuffa no vax. Sia chiaro che difendo il diritto dei lavoratori e non le sciocchezze no vax. Oggi con le leggi di oggi per poter continuare a lavorare NON esiste proprio che esista l’obbligo vaccinale al covid fintanto che il Legislatore non legifera in tal senso. Per esempio ha legiferato in tal senso per il tetano coi ferrovieri e se non vuoi perdere il lavoro o vuoi fare il ferroviere allora ti fai il vaccino antitetanica e il richiamo ogni 5 anni. Con tutte le conseguenze della cosa.

@ Excusatio: “University of Michigan cardiologist Venk Murthy, MD, a specialist in imaging, rebutted the “mild” framing: “people with myocarditis are usually counseled to limit activity, placed on 1 or more meds and are at lifetime increased risk of cardiac complications. This can have profound consequences”.

As an electrophysiologist, I see the complications of myocarditis: heart failure and ventricular arrythmia due to scar. Availability bias notwithstanding, heart rhythm doctors feel the asymmetry of myocarditis risk. Although it is true that most myocarditis resolves without issue, it is also true that sometimes it does not.” Da “Vaccine-Induced Myocarditis Concerns Demand Respect, Not Absolutism”. 29 lug 21, Mandrola J, su Medscape, fonte bene allineata al mainstream.

Lei all’abuso del giudice contrappone quello del sindacalista e del legislatore che campano nell’ambiguità. E che ora aggiungono al loro repertorio di doppiezza la definizione di comodo, falsa, della malattia. Per la quale il covid è la peste bubbonica, i danni da vaccino bazzecole. I condimenti della sua untuosa posizione, “ignorante”, “paranoico”, “sciocchezze”, confermano che se i lavoratori italiani vengono, primi al mondo, posti davanti a questo ricatto, lo si deve alla classe politica, alla magistratura, e anche a sindacalisti di consumata abilità nel fare gli interessi padronali mentre fingono di difendere quelli dei lavoratori.

franco adani: certe persono non meriterebbero niente.

@ franco adani: Se, stimolato da questa illuminata sentenza che sollecita a ciò gli spiriti eletti, vuole stabilire cosa spetta e non spetta alle persone secondo gerarchie di merito, potrebbe applicare metodologie scientifiche*. Comunque, essendo un costrutto soggettivo, valoriale, e in tempi di sospensione delle libertà democratiche e della libera informazione, la scala potrà essere letta da altri invertendone l’ordine e la conseguente distribuzione. E’ celebre la scala di don Mariano ne Il Giorno della Civetta: “E infine i quaquaraquà: che dovrebbero vivere come le anatre nelle pozzanghere, ché la loro vita non ha più senso e più espressione di quella delle anatre”.

*DeVellis RF. Scale Development. Theory and applications. Sage, 2017.

playzero: A questa bella paginata sa cosa le dice il datore di lavoro? “Se non ti piace quella è la porta!”

@ playzero: Il lavoro mutato in una forma occulta di caporalato, sinistra dietro alla maschera di misura sanitaria e della benedizione dei don Abbondio di Stato. Starà peggio chi l’accetta o chi la rifiuta?

playzero: Ma secondo lei, con le rette assurde che chiedono le RSA a quei poveri anziani e parenti degli stessi per ogni mese di assistenza, la direzione può permettersi di avere personale non vaccinato? Le chiacchiere stanno a zero. Sempre quella è la porta!

@ playzero: Ho l’impressione che lei si stia immedesimando un po’ troppo nella figura del padrone delle ferriere. Totò e Sordi ricorrevano alla gag del vessato che assume i toni e i modi imperiosi di chi comanda e ne prende il posto; portando alla luce dall’inconscio un meccanismo psicologico di difesa. Invece di immaginarci pescecani della sanità dovremmo chiederci se permettere che siano dissipate a bischero sciolto risorse finanziarie pubbliche in vaccini “miracolosi”, mascherine tappa respiro, PCR tarocche, controlli orwelliani, risarcimenti a cerotto, etc. lasciando scoperte necessità assistenziali autentiche come quelle degli anziani.

playzero: Tutto quello che lei mette in elenco fa parte delle “munizioni” che abbiamo contro il covid. Se lei lavorasse in sanità farebbe meno lo spiritoso su presidi di protezione, tamponi, vaccini. Viva la sua vita come vuole ma lasci che chi è responsabile della salute altrui faccia tutto quello che deve per cure il più sicure possibili.

@ playzero. CENSURATO. Io non faccio lo spiritoso. Quanto dico è grave e documentato da fonti affidabili. E censurato. Pochi esempi. “47 studies confirm ineffectiveness of masks for COVID and 32 more confirm their negative health effects. Young children being forced to wear masks is of particular concern”, Lifesite, lug 2021. Lo studio del National Bureau of Economic Research USA sugli effetti del lockdown sulla mortalità “The impact of the Covid-19 pandemic and policy responses on excess mortality”, giu 2021, che conclude “we fail to find that SIP [shelter in place] policies saved lives. To the contrary, we find a positive association between SIP policies and excess deaths”. “Outcome Reporting Bias in COVID-19 mRNA Vaccine Clinical Trials”, feb 2021. “PCR positives: what do they mean?”, Centre for EBM, Oxford Univ, set 2020. Questa non è “sanità”. E’ la sua degenerazione mostruosa in instrumentum regni. Come i massacri, l’oscurantismo, lo sfruttamento in nome del Vangelo nel corso della storia. E’ lei che mostra il carattere buffonesco, e rivoltante, della narrazione ufficiale. Con la war metaphor, noto attrezzo per frodi biomediche, quando le sue “munizioni” le state usando come fece Bava Beccaris, che usò i cannoni contro il popolo. Dicendo ”viva la sua vita come vuole” mentre appoggia le costrizioni illecite e assurde che coartano e mutilano la vita di tutti. E per di più adottando il classico tono severo dell’impegnato che sta correndo in soccorso al vincitore.

Nota sul commento censurato

La censura al mio commento è rivelatrice di un mosaico ordinato di deviazioni.

“racconta come gli assassini arrivino sulla scena per buon ultimi, quando i sepolcri imbiancati hanno fallito nel fuori scena tutti i tentativi necessari per convincere la vittima ad ascoltare, per il suo bene e quello della sua famiglia, i consigli degli amici, sicché, come sono solite fare le persone istruite e timorose di Dio, allargando sconsolati le braccia ripetono: “Dio sa che è lui che ha voluto farsi uccidere …”. (Scarpinato).

Analogamente, il togliere il lavoro per il non rispetto del nuovo sinallgama “jab for job” è ipomafioso, cioè proprio di una classe dirigente che differisce dalla mafia per non usare l’omicidio diretto, ma pratica per il resto i modi e i mezzi mafiosi, essendo imbevuta di quella cultura. Nel praticare la soverchieria, e nell’eliminare le voci contrarie. Modi e sistemi che sono proverbialmente obliqui e indiretti, l’opposto di quelli fragorosi che la mafia ha assunto con la funzione di spauracchio a copertura e alibi per l’ipomafia ( I professionisti della metamafia ).

E’ ipomafioso anche il bulverismo sulle misure antocovid e i vaccini ( Il bulverismo giuridico e giudiziario su questioni mediche  ): dove si assiste allo spettacolo squallido di professionisti del diritto e della valutazione della veridicità e fondatezza assumere per veri i fatti di una della parti, quella forte ovviamente. Un giudicare e deliberare considerando la versione dei fatti fornita dal potere come al di sopra di ogni sospetto, come l’unica pensabile e legittima. Facendosi così complici del diritto di chi ha il coltello dalla parte del manico. Quando il loro ruolo dovrebbe essere quello di verificare se il potere non sta tralignando.

Non è irrilevante che questa magistrato, Michela Francorsi, sia la stessa che ha aperto la via dell’assoluzione e della prescrizione a Ilaria Capua, per reati che sono un’eco retrograda, verso il passato, di ciò che sta avvenendo. La Capua oggi partecipa, ben pagata con denaro pubblico, alla nefanda disinformazione covid. Vi partecipa anche Alberto Mantovani, anche lui beneficiato da un provvedimento di un magistrato, Sofia Fioretta, per la falsificazione sistematica di ricerche scientifiche. “Falsi innocui e innocenti”, ha scritto. Barbacetto (Il Fatto, 28 novembre 2019), ha commentato:

“1. Esistono, nella pratica scientifica, falsi “innocui e innocenti”, manipolazioni, ma “poco significative”? 2. È normale che sette luminari della ricerca oncologica pubblichino sulle riviste scientifiche internazionali delle immagini che risultano manipolate in 21 casi su 27 analizzati? 3. È compatibile con il metodo scientifico che, eseguito il primo esperimento, si tarocchi la replica, “perché non c’era tempo o denaro” per eseguirla, “o perché concorrenti stavano arrivando prima”?

Invece di chiedere riscontri sui presupposti tecnici – e procedure e garanzie di riscontro, la accountability senza la quale non vi è democrazia – si prendono per oro colato le esternazioni di soggetti del genere. Che divengono legge. E che portano a cancellare la legge, ad annientare i principi costituzionali, in nome di elaborazioni cervellotiche dei dati “scientifici” ufficiali. A loro volta manipolati grossolanamente. Il povero esile “honour code” ottocentesco che garantirebbe l’integrità dei risultati scientifici ha sempre avuto vita grama, che è andata peggiorando nel tempo. Già prima del covid era ormai poco più di un simulacro (Edwards MA, Roy S. Academic Research in the 21st Century: Maintaining Scientific Integrity in a Climate of Perverse Incentives and Hypercompetition. Environmental Engineering Science. 2016)). Adesso l’onore dei ricercatori viene messo a sorreggere la voracità di corporations giganti pluripregiudicate, le bugie di manipolatori della scienza da galera, i latinorum di professionisti del diritto del più forte. E’ come consegnare le chiavi della città a donnicciole di  piccola virtù, o nel migliore dei casi assegnare il compito di fermare un’orda mongola a quattro vigili urbani armati di paletta, fischietto e blocchetto delle multe.

Col loro credere, per insufficienze intellettuali o morali, che sia “la scienza” ad animare le decisioni sul covid, i giuristi accettano e attuano il sovvertimento ontologico della Costituzione. Il sovvertimento della concezione della realtà materiale e sociale che la Costituzione riconosce come autentica.

Nella narrazione covid gli efficienti sistemi di difesa, come i meccanismi di immunità innata individuali e quello dell’immunità di gregge, vengono censurati come inesistenti; sostituendoli con i preparati dell’industria, “miracolosamente” tirati fuori dal cilindro, e invocati e imposti come “unica salvezza”. Si dipinge un uomo nudo, biologicamente privo di difese, analogo al nude mouse di laboratorio. In realtà lo si vuole nudo, cioè inerme, sul piano psicologico, sociale e politico.

Non furono credenze ingenue e superate quelle di coloro che scrivendo la Costituzione considerarono una realtà nella quale di norma si è in uno stato di salute, da tutelare, per evitare di cadere malati e se possibile per evitare di rimanere malati. E’ al contrario psicotica ed eversiva l’attuale concezione per la quale l’intera cittadinanza è in uno stato perenne tale da necessitare la medicalizzazione, così che ad ogni cittadino non è riconosciuto il suo stato di salute, ma è considerato e trattato come portatore di grave malattia in atto, o sull’orlo di essa ( L’esproprio della salute da parte della medicina dei banchieri ). Prima che la liceità di trattamenti obbligatori, la questione è la cancellazione del diritto alla tutela della salute manomettendone il presupposto di realtà; è la conseguente espropriazione, sulla base di quattro balle sgangherate, dello stato di salute di ciascun cittadino per rivenderglielo dietro denaro e sottomissione a restrizioni schiaviste. Espropriazione che, agendo tramite la leva della paura e della disinformazione, non potrebbe avere luogo se fossero presenti l’immunità intellettuale innata aspecifica, quella che dovrebbe essere rappresentata da intellettuali, e da magistrati, che senza conoscere la biologia e la medicina conoscano il mondo, siano dotati di colonna vertebrale, e non considerino la logica come facoltativa. E se fosse lasciata libera l’immunità intellettuale specifica, gli “anticorpi”, data da persone del settore oneste; come chi scrive, che deve passare la vita a registrare come viene sistematicamente ostracizzato, censurato, minacciato, impestato e imbrattato dall’ipomafia di Stato.

Dopo la strage knock-on ottenuta in Lombardia orientale ( Lo knock-on dell’operazione covid in Lombardia orientale ), c’è da chiedersi fino a che punto siano disposti a sostanziare con pile di cadaveri la loro follia orwelliana . “War is peace; ignorance is strength; freedom is slavery – and now we have the latest example Orwellian doublespeak – health is disease.” Iona Heath, già presidente del Royal College of General Practitioners. (Overdiagnosis: when good intentions meet vested interests. BMJ, 2013).

L’assoluzione di Mantovani e soci, l’assoluzione della Capua, fanno parte del quadro preparatorio dell’operazione covid. Vi rientra anche, a livello internazionale, la vergognosa defenestrazione dalla Cochrane nel 2019 di Peter Gotzsche (che aveva denunciato, tra l’altro, le manipolazioni pro vaccini di Guido Rasi, un altro corista del covid). E nel mio piccolo l’accentuazione delle misure di boicottaggio, repressione, guerra psicologica e discredito nei miei confronti, tramite gli stipendiati addetti alla tutela della legalità. E’ rilevante che tra quelli messi a dare una maschera scientifica e umanistica a questo sciamanesimo tecnologico, a questo golpe, vi siano soggetti che non solo sono incompetenti sul merito tecnico ma hanno precedenti: il matematico Sebastiani, procedimento disciplinare per plagio, e il filosofo Galimberti, sulla cui metodica di supercazzola (peraltro di critica di scienza e tecnica come pericolose forme di volontà di dominio) è stato scritto un libro (Bucci F. Umberto Galimberti e la mistificazione intellettuale).

I magistrati fanno orecchie da mercante davanti alla devastazione dei diritti di base, del nucleo di civiltà faticosamente raggranellato nei secoli, e arrivano a volte a fornire di una veste legale la barbarie. Selezionano le voci che devono essere sentite e quelle che vanno represse. Lavorano discretamente, a cricchetto: come un nottolino, o il diavoletto di Maxwell, fanno passare ciò che è favorevole al grande crimine e bloccano ciò che gli è contrario.

Ilaria Capua: «Quando uno mi sta sul cazzo deve crepare!» (dalle intercettazioni).

La cazzimma, o l’esaltazione, da personaggio di Gomorra di questa nobildonna e di altri si nutre dei servigi pro deep State non soltanto dei soliti politici, ma anche di giornalisti engagé facili al censurare la campana sgradita ai poteri forti; di sindacalisti gialli; di magistrati che si presentano come colleghi di Falcone e Borsellino e lavorano per i mandanti; di forze di polizia che praticano un collaborazionismo vile quanto quello dei delatori del dopo l’8 settembre 1943 mentre dicono di ispirarsi a Salvo D’Acquisto; di preti dai cuori neri.

§ § §

8 agosto 2021

Blog de Il Fatto

Commento al post “Green pass, il presidente dei presidi: “Favorevole, contribuirà a far vaccinare quasi tutti i docenti. Criticità? Non abbiamo risorse per i controlli”

Per il capo del sindacato dei presidi strappare via lo stipendio a chi non si vaccina è una misura morbida. Non è una sanzione, sei tu che ci rinunci. Aggiunge che i presidi devono essere pagati un extra per questo lavoro di epurazione. Altrimenti sciopero. Tempi difficili, ma istruttivi: il rappresentante dei presidi mostra come si educhi nelle scuole all’ipomafia. Cioè alla cultura, ai mezzi e i sistemi obliqui propri della cultura mafiosa. Un’ipomafia prevalente nella società dei “perbene”, che differisce dalla mafia per non praticare la violenza fisica diretta e dichiarata. Ma ne ricalca per il resto la mentalità e la prassi. Incluso l’attribuire la responsabilità della violenza su chi resiste alla vittima, come questo “Dio mi è testimone che è lui che ha voluto farsi uccidere” in versione soft. Giannelli mostra come si insegni ai cittadini di domani che bisogna praticare al balzo l’ipomafia se si è nella posizione di caporale, subirla docili davanti al più forte, farsi i fatti propri quando se ne è testimoni. L‘ipomafia ha occupato lo Stato, la politica, i sindacati, la società civile, nascondendosi e prosperando dietro alle continue celebrazioni delle vittime della mafia che spara. E’ questa ipomafia che spiega più della mafia di cosca e di ‘ndrina la nostra situazione sociale e politica. Situazione che ora ci fa primeggiare sul resto del mondo in ricatti vili con scuse grottesche, buone per sudditi tenuti in uno stato di semi-analfabetismo scientifico e civile.

§ § §

12 agosto 2021

Blog de Il Fatto

Commento al post “Dalla Liguria al Veneto, scattano centinaia di provvedimenti per sanitari non vaccinati. Il caso Sardegna: 700 senza neanche una dose”

E’ come dire che accusare ingegneri di avere sbagliato, perseguendo il profitto, il modello di una diga, permettendo ad un monte di essere infiltrato dall’acqua raccolta dalla diga, e quindi di franare, provocando un onda gigante che causa due migliaia di morti, è non credere a quelle vette dell’ingegno umano che sono senza dubbio l’analisi matematica, la statica, etc. O che è da analfabeti pensare che un ponte di Morandi, senza dubbio un grande ingegnere, possa crollare. O che accusare un ragioniere di avere falsificato un bilancio aziendale, che si esprime in termini aritmetici, è un ridicolo mettere in dubbio gli assiomi di Peano. “mathematics is a tool and only a tool. For the conclusion to be correct, the mathematics along the way must be correct, but the converse is not necessarily true.” (Dworsky LN. Probably not. Future prediction using probability and statistical inference. Wiley, 2008). Anzi; il covid dovrebbe fare entrare nel bagaglio culturale del pubblico, dei commentatori non prezzolati, dei magistrati che vogliano svolgere correttamente il loro lavoro, la consapevolezza che l’uso intimidatorio della scienza e della matematica su questioni di politica sanitaria non è affatto segno di competenza e integrità.

@ donatellasavastafiore2. Il servirsi di successi reali della scienza in senso magico, il promuovere ciarlataneria e frodi attaccandoli a risultati autentici, è usato da imbroglioni di vario livello da secoli. Lo si può fare risalire al “fluido magnetico” di Mesmer (massone) intorno al 1770, mentre fioriva l’interesse scientifico per l’elettricità e il magnetismo. Quando nell’800 Lister diede all’umanità l’antisepsi, usando l’acido carbolico, fu messa in commercio la “carbolic smoke ball” affermando che curava l’influenza, la difterite, la pertosse, il mal di testa e una dozzina di altri mali. Con la scoperta della radioattività nel 900 vi fu chi beveva acqua radioattiva convinto che gli avrebbe dato vita lunga e sana, col risultato di perdere la mandibola per necrosi. Oggetti di scena di aspetto scientifico sono comuni negli studi di santoni e guaritori. Sarebbe lungo mostrare come diversi sofisticatissimi filoni di ricerca biomedica odierni siano la trasposizione in termini pseudoscientifici di istanze magiche, e come molti farmaci siano prescritti e assunti come talismani.

@Gino Latilla. Ho scelto gli esempi del Vajont e il ponte Morandi proprio per mostrare le tragedie che derivano dal vantarsi di una parte, valida, del progetto e ignorare il resto. Grazie per completare l’esempio. La politica sanitaria dovrebbe essere decisa da soggetti validi che operino in favore del popolo e non dei poteri forti. Non da soggetti come il leghista Toti e la DS Zampa, concordi nell’andare oltre il “chi non si vaccina non lavora” verso il “chi non si vaccina non mangia” vietando l’accesso a negozi e supermarket a chi non abbia il pass. Politici capaci e leali a chi li ha eletti, che decidano sulla base di informazioni di esperti competenti e onesti. Che non esprimano pareri a juke-box, a gettone, aiutati da una impostazione meschina e irresponsabile come quelli che dissero “sono un ingegnere, la colpa è del geologo”, e domani diranno “sono un infettivologo – epidemiologo, la colpa è del biologo molecolare”, nelle varie permutazioni dello scaricabarile. Impostazione gretta che li porta inoltre a non concepire la politica altro che come squallida lotta di potere tra i seguaci di Trump e quelli di Biden.

@ GinoLatilla. Lei ha descritto una distopia che ricalca abbastanza la situazione attuale: un grande progetto acefalo e parcellizzato. Chi disegna la diga non si cura di dove la costruzione va a incidere. Né ci sarebbero responsabili dell’intero progetto tecnico, diga e invaso, che ne rispondono. Come col covid, dove es. politici, giornalisti e tecnici possono scaricarsi tra loro il barile. In realtà, si tratti di dighe o di medicalizzare un’intera nazione, il comandante in capo c’è, ma è dato dagli interessi economici e politici; esenti da responsabilità, come oggi sono immuni finanza, industria e politica mentre costringono a vaccinarsi. Cosa c’entri un immaginario focolaio di meningite con l’attuale ricatto vaccinale ingiustificato lo sa solo lei. Sulle sue insistite attenzioni alla scelta tra Trump e Biden, è questione di gusti, e di appartenenze a fazioni. Se li tenga tutti e due. PS. Correzione: Toti è un forzista alleato con la Lega.

@ Kenny Craig. Se i ricercatori possono sbagliare, o essere corrotti, o banalmente compiacenti, allora non si può chiedere di “avere fede” in loro. Ciò che la scienza vera non chiede e anzi ripudia. Tanto più se i gran sacerdoti sono supportati da troll che inventano solidità scientifiche inesistenti e praticano la diffamazione di chi non abbraccia questo cultismo che usurpa il ruolo della scienza. Ad essere pericolosi sono i politici e i tecnici che costringono a non fidarsi dello Stato, come invece dovrebbe essere. Ma siamo in fraudocrazia, dove i governanti ingannano il popolo; e scientismo e medicina sono strumenti adatti a ciò.

Kenny Craig. “Se i ricercatori possono sbagliare, o essere corrotti, o banalmente compiacenti, allora non si può chiedere di “avere fede” in loro.” E’ la colpevolezza che va dimostrata, non l’innocenza. E qui non abbiamo solo un ricercatore, ma praticamente l’intera comunità scientifica mondiale: un piano di corruzione planetario?

 

@ Kenny Craig. CENSURATO. Se vuoi che ti si obbedisca come Abramo a Dio nel sacrificare Isacco, è l’infallibilità e l’innocenza che vanno dimostrate.

E’ falso che l’intera comunità scientifica mondiale sia d’accordo. Per farlo sembrare hanno dovuto censurare e denigrare scienziati come il Nobel Levitt, o il più citato epidemiologo e metodologo Ioannidis, e come decine di scienziati di prim’ordine (The smear campaign against the Great Barrington Declaration. Spiked, 2 ago 2021).

La comunità scientifica è frutto di una selezione (con epurazioni che a mio parere sono la prosecuzione dell’eversione di Stato dei tempi del terrorismo). Tra i salvati che tengono banco abbiamo Capua, che deve ringraziare lo stesso magistrato che oggi, lupus in fabula, sentenzia che è lecito togliere lo stipendio a chi non si vaccina. Mantovani (Barbacetto Ricerche mediche “aggiustate”. Il Fatto 28 nov 2019). Sebastiani, procedimento disciplinare per plagio. Galimberti, sulla cui tecnica di plagio è stato scritto un libro, come riportò Il Fatto. Burioni, che esulta per l’approvazione dell’aducanumab, scandalo sul quale in USA sono aperte inchieste.

L’argomento del “tutti corrotti?” è inoltre fallace perché ignora le dinamiche di normalizzazione della corruzione (Ashfort, Anand, THE NORMALIZATION OF CORRUPTION IN ORGANIZATIONS, 2003). Aiutate, si vede qui, dal criterio ipomafioso “Chi non ci sta va a spasso”; che in USA è detto “It’s cold out there”.

@ GinoLatilla. CENSURATO. Il Fatto ha cominciato a censurare le mie risposte agli attacchi, come fa spesso. Quindi non proseguirò lo scambio. Riporterò le risposte censurate in un post nel mio sito, dal titolo “Il sinallagma ipomafioso e la giustizia a cricchetto nell’operazione covid”. Confesso che nel caso di questo suo commento, che contiene sia una teorizzazione dell’impunità tramite la distribuzione dei compiti, sia la tesi “si farebbe per la peste bubbonica, ergo è lecito farlo per una peste tarocca”, l’impedirmi di risponderle ha anche aspetti positivi. Continui da solo, lei che ha il pass per parlare. Buona fortuna a lei e agli altri “neomaccartisti” per le ottime cure che riceverà dai medici che risulteranno dall’epurazione che lei chiede con voce tonante dei medici che non ragionano come lei.

§ § §

14 agosto 2021
Blog de Il Fatto

Commento al post “Scuola, ok dai sindacati al protocollo sicurezza per la riapertura. Il ministro Bianchi precisa: “Tamponi gratis a docenti fragili, non no-vax””

CENSURATO IN BLOCCO DOPO LE RISPOSTE AI TROLL

Una recente ricerca pone la possibilità che la vaccinazione di massa favorisca il covid*. Questo mostra come andrebbe considerato se le pressioni per la vaccinazione, che sono giunte a prevedere il togliere lo stipendio, non configurino, oltre che forme di coercizione e discriminazione, anche un pericolo per la salute. Sia del singolo, sia collettiva cioè riguardante la pandemia che si dice di voler combattere. Pericolo sostenuto da grave imprudenza, e da elementi di volontarietà come la colpa con previsione, o peggio, dati l’accoppiata da un lato della forte volontà di soddisfare agende internazionali con leggi draconiane e irrazionali non adottate altrove e anzi negate; fino a mostrarsi più lealisti del re; e dall’altro lo scarso peso riconosciuto a quelle doverose considerazioni e misure precauzionali volte a evitare che danni da rischio iatrogeno siano massimizzati, che evidentemente vengono applicate dagli altri Stati. Stati che non usano come da noi i freni automatici in caso di incidente negli impianti di risalita, ma sulle vaccinazioni non spingono per creare situazioni dove il danno alla popolazione – possibilità fondata e concreta – sarà massimo in caso di incidente.

*Infection enhancing anti-SARS-CoV-2 antibodies recognize both the original Wuhan/D614G strain and Delta variants. A potential risk for mass vaccination ? Journal of Infection (5 ago 2021).

digioacchinoantonio: Sei sicuro di aver capito lo studio? Sai cos’è l’ADE?

@ digioacchinoantonio: Il caso accertato di ADE da vaccino anticoronavirus, per infezioni feline, lo citò Ioannidis a inizio pandemia. I gatti vaccinati morivano tutti. Poi c’è stato il “miracolo” dei vaccini istantanei, dopo decenni di tentativi infruttuosi …

Vaccine-induced enhancement of viral infections. Vaccine, 2008. The potential danger of suboptimal antibody responses in COVID-19. Nature Reviews, 2020. Per chi fosse seriamente interessato ho altra bibliografia sulla ADE. E’ singolare che misure estreme del governo (oggi Draghi, e Speranza) e del CTS siano difese da troll. Come le scimmie alate a protezione della strega cattiva nel Mago di Oz…

digioacchinoantonio: Hai scritto: “Una recente ricerca pone la possibilità che la vaccinazione di massa favorisca il covid”. Vuol dire che non hai capito lo studio.

@ digiacchinoantonio: Sei tu un troll, che mente e diffama con l’agilità, la petulanza e il senso dell’onore di una scimmia alata. La vostra provenienza andrebbe indagata in eventuali accertamenti sulla componente dolosa delle responsabilità dei danni.

digioacchinoantonio: In che cosa avrei mentito, di grazia? Non hai forse scritto quello che ho riportato? E forse lo studio non parla di tutt’altro? E’ tanto difficile ammettere di essersi sbagliati?

@ digioacchinoantonio: Dopo le collaborazioni terrorismo-Stato e mafia-Stato, un altro connubio mostruoso: troll e Stato. Siamo nell’era della fraudocrazia.

digioacchinoantonio: Continui a non entrare nel merito. Saluti e baci.

@ digioacchinoantonio: CENSURATO AB INITIO, MAI PUBBLICATO. Con te il merito è che in questa operazione Shylock nel bruciare la Costituzione e vendersi gli italiani con contratti a scambio denaro-carne umana, i politici e i loro compari si avvalgono anche di trolls.

@ Leo 2010. CENSURATO. Questo meccanismo di virulentazione tramite vaccino può spiegare perché con decine di milioni di vaccinati si continuano a registrare “contagi”, in realtà infezioni biologiche, e si continui quindi a gridare alla catastrofe e si impongano misure da film dell’orrore. Inoltre i dati sui danni reali non sono certo quelli ufficiali, annacquati e occultati. Come dimostrano casi precedenti di danni alla popolazione da vaccini, dove il pericolo, pur essendo noto alle autorità, fu tenuto nascosto: Pandemrix vaccine: why was the public not told of early warning signs? BMJ, 2018. Quella che è chiamata “epidemiologia laica” cioè l’osservazione popolare di familiari, parenti e conoscenti, non mostra il quadro minimizzante sui danni da vaccini esibito dagli stessi che pongono il “chi non si vaccina non mangia”.

@ Leo 2010. CENSURATO. Quello che lei dice “domani sera un medicinale a tutta la popolazione italiana” non porterebbe alla confusione come lei crede. E’ una tecnica per vedere l’efficacia e gli effetti avversi, permettendo una comparazione col rumore di fondo, con la situazione prima della somministrazione: si chiama “pulse vaccination”. Ma qui siamo nel mondo onirico della propaganda, dove “i numeri” sono una barzelletta, e la chiarezza è da evitare … come la peste. Dove il vaccino sarebbe con pochi rischi e avrebbe dato grandi risultati, e allo stesso tempo occorre dare un giro di vite, a costo di calpestare diritti e Costituzione, perché la situazione sarebbe grave. A costo di danneggiare su larga scala dei sani. A costo di usare come criterio “scientifico” la ricattabilità: è questa l’unica ratio per individuare gli insegnanti come soggetti ai quali puntare il coltello alla gola perché si vaccinino. Solo in Italia l’epidemia mondiale ha preso questo verso. Io partirei da qui, da cosa rende speciale l’Italia.

§  §  §

18 agosto 2021

Blog de Il Fatto

Commento al post “Federmeccanica: “Green pass sia obbligatorio in tutti gli ambienti di lavoro. Costo tamponi a carico dei dipendenti””

Il lasciapassare sanitario non separa realmente sani e pericolosi, ma forza un controllo continuo sul corpo tramite discriminazioni e costrizioni. Basate su presupposti artefatti. Es. il confondere patogenicità e virulenza*. Si inventa un quadro di comodo estremizzando; così come fa Salvini nel definire il lavoro dei poliziotti “rischiare la vita per 1200 euro al mese”: la paga media non è così bassa e i rischi medi non sono così elevati. La visione del poliziotto che conduce una vita di stenti e fa il mestiere del soldato è puerile e falsa come la concezione per la quale la mera presenza del virus – per di più accertata con test viziati – equivale all’epidemia.
Se i poliziotti invece di partecipare alla eliminazione di medici (tramite mobbizzazione, una pratica questa tollerata e aiutata, rilevante per le recenti scomparse di De Donno e Pedri) che si oppongono a manipolazioni scientifiche e dottrinali volte a commettere illeciti, e ora volte a sciogliere nell’acido la Costituzione, si fossero comportati in maniera degna del loro ruolo, ora, non avendo favorito questo sfacelo, non sarebbero trattati a loro volta in questa maniera. E si sarebbero risparmiati iniezioni che non aumentano affatto benessere e sicurezza.
*What is a pathogen? Toward a process view of host-parasite interactions. Virulence, 2014.

20 agosto 2021

Blog de Il Fatto

Commento al post “Green pass, Tridico: “Favorevole all’obbligo per entrare nei luoghi di lavoro”

Al capo dell’INPS piacerebbe “come professore universitario” che il suo rettore gli dicesse “senza il Green Pass non puoi entrare in aula perché rischi di contagiare gli studenti”. E’ già cosi, visto che il lasciapassare covid è obbligatorio per docenti e studenti universitari. Chissà se qualcuno degli studiosi stipendiati dei nostri atenei dirà che sostenere che i non vaccinati costituiscono un pericolo per i vaccinati è come accusare l’agnello a valle di inquinare l’acqua del lupo a monte.

§  §  §

25 agosto 2021

Blog de Il Fatto

Commento al post di E. Mattioni “Crespi e i film antimafia dopo la condanna per concorso esterno. I giudici lo scarcerano: “La pena sarebbe una doppia riabilitazione”. E resta in attesa dopo la richiesta di grazia”

Al di là del caso personale di Crespi, è una conferma della vicinanza funzionale – e probabilmente della convergenza ai livelli dei burattinai sovranazionali che controllano il Paese – tra mafia e antimafia, che contrapposte formano un unico dispositivo di potere. E mostra la volontà dei magistrati di alimentare, culturalmente, il tema della mafia, mentre non li si sente molto su quello che dovrebbe essere l’obiettivo primario, spegnere la mafia eradicandola come fattore criminale di primaria importanza. Nel dispositivo mafia-antimafia la mafia perenne consente l’antimafia perenne, e l’antimafia perenne permette di mantenere, servendo da paravento e da alibi, l’ipomafia, cioè i routinari metodi mafiosi al netto della violenza omicida diretta propri delle istituzioni dello Stato. Che in questi tempi vengono applicati nell’operazione covid, es. introducendo – solo in Italia – il sinallagma ipomafioso “se non riconosci allo Stato un controllo farmacologico sul tuo corpo io Stato ti tolgo il lavoro”. Non si vedono né interventi della magistratura né denunce di cineasti a contrastarli. Mentre all’ipomafia viene affidato il compito di eliminare per via amministrativa figure d’intralcio, così come si è usata in precedenza la violenza mafiosa per epurazioni che sono servite a imprimere al Paese la direzione voluta.

@ Antonio Informatico. La “colpa” di mafia e ipomafia è anche dei magistrati che, in consonanza col Quirinale, fanno gli splendidi sulla mafia e i don Abbondio – o i don Rodrigo – sull’ipomafia. E anche dei cittadini che tollerano e applaudono l’estetizzazione dannunziana di quella che dovrebbe essere una guerra senza quartiere, dove conti l’eliminazione della mafia, senza fronzoli. Diseducati in effetti da B e le sue tv, oltre che dalla storica consuetudine del barocco, dove la ricchezza retorica copre la miseria della sostanza. Consuetudine anche di quelli che si atteggiano ad avversari del loro compare B, oltre che della mafia. Della quale coltivano la cultura e praticano la versione civile, ipomafiosa, tra un dopocena antimafia e l’ennesima trovata da cicisbei dell’antimafia.

§  §  §

26 agosto 2021

Blog de Il Fatto

Commento al post “Cremona, messaggi no-vax e negazionisti sui social: 66enne indagato per istigazione alla disobbedienza delle leggi”

Una intimidazione a non protestare mentre lo Stato trasforma la nazione in un sanatorio militare con imposizioni che esperti qualificati (es. Barrington declaration) giudicano infondate e dannose. Implica che la copertura legislativa conferisce impunità e poteri dittatoriali alla medicina, anche se nociva.

“In queste cause, i medici sono tenuti a rispondere solo se accusati di aver agito in contrasto col codice sanitario…. Il problema però è che la maggior parte del danno inflitto dal medico moderno … Si verifica nell’ordinario esercizio svolto da uomini e donne ben preparati, che hanno imparato ad adeguarsi ai giudizi e ai metodi imperanti nella professione anche quando sanno (o potrebbero e dovrebbero sapere) quali danni arrecano.” Ivan Illich, Nemesi medica

“Nell’era nazista c’era un funzionario delle ferrovie responsabile della programmazione dei convogli per l’Est. Tutto quello che “faceva” era organizzare le partenze dei treni per Varsavia, Lodz, e naturalmente Treblinka, Sobibor, Auschwitz II, etc. La destinazione, egli riteneva, non lo riguardava. Il paragone non è esagerato.” E. Loewy. Ethics and Evidence-based medicine: is there a conflict? (Citati in “ L’irresponsabilità della medicina in franchising ”)

La PM Saccaro è della scuola bresciana di R. De Martino, che nella mia esperienza era estremamente sensibile ai desiderata “atlantici” sulla medicina. Cosa che a suo tempo – non oggi – mi stupì, perché era il PM che indagava sulla strage di Brescia.

§  §  §

26 agosto 2021

Blog de Il Fatto

Commento al post “Gorizia, preside minacciato con la foto di un proiettile: aveva invitato le famiglie a vaccinarsi”

L’autore della lettera minatoria dovrebbe essere punito severamente anche perché così legittima, tramite l’ondata emotiva, la pratica della medicina de relato. Cioè l’indurre sistematicamente a sottoporsi a trattamenti medici ripetendo l’ortodossia del momento, senza avere le conoscenze per comprenderne motivazioni ed effetti, e senza assumersene la responsabilità. L’emergenza non giustifica l’irresponsabilità della medicina, ma al contrario rende più stretta la necessità della responsabilità medica: spingendo a misure che, va tenuto presente, come un agente patologico agiscono in senso squilibrante sull’organismo – con la motivazione di riequilibrare, in questo caso l’epidemia. In un sistema democratico, di Stato di diritto, non può esserci induzione strutturata a sottoporsi a trattamenti medici senza una corrispondente competenza e responsabilità di chi induce. Dovrebbe quindi essere indagato anche il preside. Considerando l’aggravante della posizione istituzionale e di potere rispetto a coloro sui quali esercita la medicina de relato, gli studenti. Ma appare che alle tecniche indebite di pressione per medicalizzare l’intera popolazione sia riconosciuta la più larga irresponsabilità.

§  §  §

2 settembre 2021

Blog de Il Fatto

Commento al post “Green pass a scuola, Tar respinge la richiesta di sospensiva: “Diritto a non vaccinarsi non è assoluto, giusta la sospensione dei docenti””

“Correttamente e razionalmente giustificabile”. Con una narrazione ad hoc si può giustificare ogni abuso: in campo scientifico è lysenkismo. E qui la narrazione impazza. Tanto da indurre a definire la scienza vera come costituita, prima ancora che dal metodo, da una disposizione morale: la rinuncia alle narrazioni sul mondo, sulla condizione umana e in particolare sulla malattia che da sempre l’uomo costruisce, o accetta da chi gliele presenta già confezionate.

Una misura come la proscrizione dal lavoro dovrebbe essere non “giustificabile” ma giustificata: i magistrati che la coonestano e se ne fanno quindi responsabili dovrebbero reperire e produrre esplicitamente le evidenze per le quali secondo loro il sottrarsi alla medicalizzazione di massa provocherebbe danni di tale gravità che non si può parlare di contratti di lavoro Shylock, stipendio in cambio di cessione del controllo sul proprio corpo. Esistono macroscopici controesempi: altrove, es. Svezia, la ragionata non applicazione delle inaudite misure sanitarie imposte in Italia mediate l’inaudita sospensione dei diritti non ha causato i danni previsti da noi, ma vantaggi.

Anche il nascondere le difese naturali, individuali e di gruppo, quando di fatto le ondate epidemiche si sono sempre esaurite per questo motivo, l’alterare la realtà fino a contare non gli immuni ma i vaccinati, è più vicino alla psicosi di massa, alla mass sociogenic illness – e alla frode iatrogena – che alla razionalità onesta.

§  §  §

4 settembre 2021

Blog de Il Fatto

Commento al post di A. Marfella “Il ministro Cingolani ci ricorda solo quei numeri che tornano utili per supportare le sue tesi”

“Questa intervista aiuta a capire come mai gli uffici giudiziari di Brescia, mentre dicono di avere gravi carenze di personale, e appaiono non carenti ma inesistenti davanti ad abusi che favoriscono il futuro orwelliano decantato da Cingolani (che tra tre giorni terrà una conferenza a Brescia, invitato dal Comune), si spendano generosamente in “battaglie di civiltà” (PM Cassiani) per casi come i cagnolini di Green Hill.

Ottime notizie per gli investitori e altri “shareholders”. Per i malati, il colore del futuro non è rosa: ciò che descrive Cingolani è una cosuccia come la liquidazione del metodo scientifico, ormai ingombrante per il business; per sfornare farmaci “innovativi” a getto continuo, con garanzie di sicurezza ed efficacia azzerate.” (Da un mio commento qui, post “Simulazioni al pc e nuovi farmaci: dalle molecole ai sistemi biologici”, 19 mar 2016).

Come Cingolani, i Terrafuochisti con allarmi smodati e argomenti ritagliati che sopprimono fattori essenziali, come la medicalizzazione commerciale, portano acqua al mulino della medicina corrotta. Il cui “futuro orwelliano” è arrivato. Anche grazie a magistrati come quelli bresciani insieme ai quali Marfella tiene banco. Del resto lo prevede anche il piano Gelli di gestire sia la maggioranza sia l’opposizione. L’importante è che dietro all’opera dei pupi dello scontro entrambe le posizioni portino ai vantaggi voluti dal potere. Mentre le voci non pilotate, fuori dall’alternativa win-win, vengono eliminate.

§  §  §

7 settembre 2021

Blog de Il Fatto

Commento al post “Green pass, l’ad di Conad: “I dipendenti non vaccinati vadano in aspettativa non retribuita” “

Francesco Pugliese, cavaliere del lavoro (Mattarella). Presidente di GS1 e ADM, associazioni di categoria. Ha firmato un libro dal tema a impronta etica e progressista: “Tessiture sociali”. Insieme ad Aldo Bonomi, sociologo, il cui nome notoriamente ricorre nelle ricostruzioni degli anni del terrorismo, nelle analisi sul ruolo dei servizi e dei suoi infiltrati, e sulla falsa sinistra al servizio del peggior liberismo e di interessi stranieri*. Ne parla in termini non lusinghieri anche la sentenza-ordinanza 2322/73 del Tribunale di Milano a carico di Maggi, il fascista condannato all’ergastolo per la strage di Piazza Loggia a Brescia.

La connessione col mondo dei burattinai, dei giochi di specchi, degli omicidi di Stato, aiuta a spiegare l’aut aut. Che probabilmente è volto a intimidire, sia per spingere alla vaccinazione; sia per indurre a sottomissione la forza lavoro, e selezionare informalmente i dipendenti tra i più deboli quanto a doti morali e intellettuali. Un’altra radice è la mentalità nazionale prevalente. Montanelli diceva che gli italiani vogliono fare la rivoluzione coi carabinieri. E’ vero, e non solo. Questo farsi la propria legge sull’onda dell’operazione covid e dire “non siamo noi che ti ricattiamo minacciandoti di toglierti il lavoro se non ti fai bucare, sei tu che rinunci a campare” è un esempio di come tanti italiani non si lasciano scappare l’occasione di fare i mafiosi coi carabinieri.

*es. G. Barbacetto. Il grande vecchio. 2009.

§  §  §

8 settembre 2021

Blog de Il Fatto

Commento al post “Barbero: “Sono vaccinato e sarei per l’obbligo. Penso solo ai diritti fondamentali negati senza che la politica se ne prenda la responsabilità”

“Date le circostanze, tali da ricordare anche ad altri, oltre che a me che ho già avuto modo di farlo da tanti anni, l’imposizione dell’8 ottobre 1931 ai professori universitari del giuramento di fedeltà al regime fascista, non è fuori luogo ricordare l’illegittimità etica della cosiddetta “Nuremberg defense” per i singoli esecutori, che nella banalità dei passaggi burocratici prende la forma di “atto dovuto”, “obbligo di legge”, etc.”. (Dalla mia PEC di risposta all’ATS di rifiuto all’obbligo di vaccinarmi. 23 giu 2021).

A non giurare nel ’31 fu lo 0.96%. Oggi un’università compromessa salva la faccia con le firme di 300 giusti. Ma con per portavoce un brillante storico che allo stesso tempo fa uno spot pro vaccino chiedendone l’obbligatorietà. Identificare nell’ipocrisia la colpa del governo è un po’ come accusare di ipocrisia chi mascheri un omicidio da suicidio o incidente. Lo storico giura in verba magistri sul merito biologico, rivestito dei panni della scienza. Perché non allora su quello sull’esistenza di razze inferiori e superiori degli scienziati del 1938. In quella occasione Bottai, il gerarca intelligente, annotò che era come sparare col cannone a un uccellino, e gli ebrei era meglio discriminarli con atti amministrativi. Oggi il governante fascista dentro ha imparato la lezione; o almeno obbedisce agli esperti di marketing di cui è strumento; mentre Barbero fieramente protesta che è meglio procedere alla Starace, e come in Turkmenistan.

@ Teschio. “Teschio” (uno dei troll di punta pro pillola rossa): “Sono d’accordo con Barbero sul fatto che l’obbligo vaccinale sarebbe opportuno”. Anche Shylock (Shakespeare) sarebbe d’accordo. Barbero, strange bedfellows … (sempre Shakespeare).

§  §  §

15 settembre 2021

Blog de Il Fatto

Commento al post “Il Green Pass sarà esteso. La conferma dei sindacati dopo incontro con Draghi: “Obbligo per lavoratori pubblici e privati”

Leuciscus: Quel che mi sorprende è che non esistano magistrati, in altre situazioni molto solerti nell’ aprire fascicoli per ipotesi di reato anche fantasiose, che in questo caso non si pongano neanche il dubbio dell’illegalità di simili provvedimenti.

@ Leuciscus: La magistratura muta e inerte a me non sorprende, seguendone da anni le posizioni sul crimine biomedico di alto bordo, ed essendo testimone della sua partecipazione ai reati di preparazione di questa eversione dall’alto.

§  §  §

17 settembre 2021

Blog de Il Fatto

Commento al post “Green pass, il Consiglio di Stato: “La richiesta di esibirlo non viola la privacy. È prevalente l’interesse pubblico alla ripresa economica””

Il green pass all’italiana che prolunga il fermo della vita normale che dura da 18 mesi favorisce la ripresa economica e sociale così come i consiglieri di Stato tutelano la giustizia e gli interessi legittimi dei cittadini.

§  §  §

26 settembre 2021

Blog de Il Fatto

Commento al post di P. Ercolani “Green pass in università, i docenti che si oppongono dovrebbero rivedere alcune nozioni”

“Altro discorso sarebbe se il governo utilizzasse il suddetto monopolio contro la popolazione, ma non mi sembra che spingere a vaccinarsi più gente possibile per il bene comune, fornendo a ciascuno la possibilità di farlo gratuitamente, rientri in un quadro del genere”. Invece ci sono evidenze che stia avvenendo proprio questo, che ciò che si persegue è la vaccinazione anche a costo di danneggiare la salute: Vaccinating people who have had covid-19: why doesn’t natural immunity count in the US?. BMJ, 13 set 2021. Vaccinare ignorando lo stato immunitario dovrebbe essere oggetto di indagine della magistratura. Che purtroppo ha una doppia contabilità, e qui e oggi vale quella in nero …

Cittadini, intellettuali, giuristi, politici, magistrati, giornalisti, se onesti, invece di basarsi su quello che hanno capito, o che gli conviene capire, dovrebbero – qualsiasi siano le loro posizioni – chiedere per prima cosa che lo Stato pubblichi, aggiornandola, la versione scientifica ufficiale dell’epidemia in base alla quale prende misure tanto gravi. Corredata dalle evidenze con le quali è stata costruita, e dalle evidenze che giustificano le misure. Anche come bilanciamento – implicito nella Costituzione – a salvaguardia di democrazia, legalità e civiltà. Su tale versione si potrà discutere. Invece lo Stato – in realtà chi lo occupa – fa in modo che fonti disparate vengano mischiate a produrre un rumore sul quale si erge come “ordinatore” sovrano e imperscrutabile.

@ Mauro N. Sui motori di ricerca si trova di tutto – inclusi buoni motivi per fare il contrario di quello che obbligano a fare i nostri governanti – ma non i dati e il ragionamento del governo. Che dovrebbero essere resi espliciti e consultabili, costituendo la giustificazione di questa sostituzione della Costituzione con le regole del ghetto. Per esempio, la magistratura dovrebbe avere un testo di riferimento, uno standard sui fatti in base al quale giudicare; giudicare anche la loro contestazione. Così invece, e la magistratura lo accetta, si giudica senza prima accertare i fatti, inferendoli, circolarmente, dalle misure contestate che lo Stato asserisce derivare da essi. Regolandosi in pratica sul saturation advertising, su quanto ossessivamente ripetuto dai media.

Lei considera lo Stato il braccio secolare della “scienza” cioè della ricerca in mano a Big Pharma. Ed esibisce gusti estetici singolari: trova “stucchevole” la richiesta di chiarezza, trasparenza, motivazioni, assunzione di responsabilità su provvedimenti estremi, e le sembra ricercata la parola “evidenza”. Quando a 19 anni, studente, entrai come interno in un laboratorio di ricerca, la prima cosa notevole che appresi, la prima correzione alla visione comune, è che nella ricerca empirica non ci sono “prove”, ma evidenze. Uno degli effetti delle manipolazioni e capovolgimenti dell’attuale doublespeak è che chi corre in soccorso al vincitore vede premiata la propria incompetenza, tanto che può vantarsene.

@ Mauro N. No, io sono della categoria, descritta dal PM Emilio Alessandrini, di quelli che non vengono pagati ma pagano per il loro lavoro. Su come sia fondamentale, su come sia la cosa da chiedere, per la salute fisica e morale – e per le future epidemie o le future frodi – che si stabilisca che lo Stato metta a disposizione di tutti, e dei magistrati e dei cittadini che ad essi si rivolgano, la sua versione scritta e motivata delle caratteristiche dell’epidemia, e delle ragioni che giustificano le particolari misure distopiche su quella superficie inferiore all’1 per mille delle terre emerse detta Italia, non mi va di parlarne con i troll di Palazzo Chigi, o comunque con lei. Anche perché probabilmente i magistrati che espongono le gigantografie di Alessandrini e degli altri uccisi mi daranno modo con i loro interventi, qui riportati, di illustrare come non si sta solo stracciando la Costituzione, ma si sostituendo l’ontologia, la visione della realtà materiale, biologica, che la Costituzione correttamente implica con un’altra, che suona come i discorsi di un affetto da schizofrenia, essendo espressione della follia predatrice dell’avaro (v. L’esproprio della salute da parte della medicina dei banchieri).

§  §  §

Brescia, 13 ottobre 2021

Dott. Enrico Ravera
Presidente del Tribunale
prot.tribunale.genova@giustizia.cert.it

Censure de Il Fatto su sentenze pro-covid

La barbarie è l’assenza di standard (Ortega y Gasset)

Riporto miei commenti censurati da Il Fatto il 7 ottobre 2021

Post “Vaccini, a Genova respinto il primo ricorso di un sanitario: “L’obbligo protegge dal rischio ambientale, vale anche per chi non è in corsia”

“L’articolo “Vaccine- and natural infection-induced mechanisms that could modulate vaccine safety” Toxicology Reports, 2020, riporta 16 diversi meccanismi di possibile danno da vaccini covid, con la relativa bibliografia. L’elenco comincia con 1. “Antibody-Dependent Enhancement” (con 4 ramificazioni ulteriori) e termina con 16. “Chronic immune activation”). L’articolo cita anche come esempio 22 malattie che possono essere indotte nel tempo dagli inoculi; l’elenco comincia col lupus eritematoso e termina con la fibrosi polmonare.

D’altra parte, don Abbondio cita a Renzo undici impedimenti dirimenti a giustificazione del suo rifiuto di celebrare le nozze: da “error” a “si sis affinis”.

I magistrati nel togliere il pane a chi non vuole correre i rischi riportati – che riguardano non solo il renitente ma anche la comunità, es. prolungando durata e virulenza dell’epidemia, e impegnando risorse mediche – e vorrebbe vivere come vive, senza cataclismi, la stragrande maggioranza dei suoi omologhi nel resto del mondo, dovrebbero citare esplicitamente, coi riferimenti bibliografici, le evidenze scientifiche in base alle quali ritengono di potere applicare al caso i principi generali che citano, e di avere quindi il potere di validare il ricatto sul pane che costringe il soggetto a esporsi a tali rischi; e il potere di fare dell’Italia una eccezione.”

Un “Luca D” mi ha risposto così:

“Luca D: L’articolo citato o non l’ha letto, oppure non lo ha capito. Tertium non datur. Trattasi di articolo (non studio, si badi bene) contenente una mera trattazione ex-ante teorica di possibili (ma non verificati sperimentalmente, quindi pura elucubrazione) meccanismi che potrebbero impattare su sicurezza ed efficacia dei vaccini in generale, non specificatamente quelli anti-COVID.
Di questi possibili meccanismi, su oltre 7 miliardi di dosi inoculate, non pare peraltro essersene ad oggi attivato uno solo, visto il non rilevato aumento di incidenza di patologie correlabili a tali meccanismi nei soggetti vaccinati, diversamente gli autori, invece di pubblicare unicamente articoli didascalici in merito, pubblicherebbero qualche straccio di lavoro su pazienti.
E comunque in breve: un articolo non è uno studio, e di porcherie senza alcun fondamento di carattere sperimentale pubblicate da Shoenfeld ed i suoi sodali, inventore di una malattia causata da vaccini che ad oggi diagnostica e crede esista solo lui al mondo (ASIA), noto patrocinatore di congressi “pay for speaking” a 15k euro esente IVA, ne abbiamo viste fin troppe, grazie.”

Io ho replicato:

“Menici60d15 @ Luca D: Affermazioni come questa che “su 7 miliardi di dosi di questi meccanismi [descritti da studi empirici, di centinaia di autori, che la review riporta] non pare essersene attivato uno solo”, mentre oggi Svezia e Danimarca sospendono il vaccino Moderna per i più giovani, causa miocarditi e pericarditi, bisognerebbe le facessero i magistrati, producendo la documentazione. Magari, vista l’assonanza, potrebbero citare fonti come lei, dei quali l’immacolato business da 50 miliardi di dollari nel solo 2021 dei vaccini covid* dispone in abbondanza. Ma assumendosene comunque la responsabilità, invece di basarsi sull’atmosfera che create.”

*The tangled history of mRNA vaccines. Nature, 16 set 2021.

Il Fatto non ha pubblicato la mia risposta al commento – dal contenuto falso e diffamatorio – di Luca D e ha tolto anche il mio primo commento e la risposta di Luca D.

In precedenza il Fatto ha censurato un’altra mia risposta, su un’altra decisione di un magistrato:

2 agosto 2021

Blog de Il Fatto

Commento al post “Terni, Oss non vaccinata sospesa da lavoro e stipendio: il giudice rigetta il suo ricorso. “Sanzione è adeguata e proporzionata”

“@ playzero. CENSURATO. Io non faccio lo spiritoso. Quanto dico è grave e documentato da fonti affidabili. E censurato. Pochi esempi. “47 studies confirm ineffectiveness of masks for COVID and 32 more confirm their negative health effects. Young children being forced to wear masks is of particular concern”, Lifesite, lug 2021. Lo studio del National Bureau of Economic Research USA sugli effetti del lockdown sulla mortalità “The impact of the Covid-19 pandemic and policy responses on excess mortality”, giu 2021, che conclude “we fail to find that SIP [shelter in place] policies saved lives. To the contrary, we find a positive association between SIP policies and excess deaths”. “Outcome Reporting Bias in COVID-19 mRNA Vaccine Clinical Trials”, feb 2021. “PCR positives: what do they mean?”, Centre for EBM, Oxford Univ, set 2020. Questa non è “sanità”. E’ la sua degenerazione mostruosa in instrumentum regni. Come i massacri, l’oscurantismo, lo sfruttamento in nome del Vangelo nel corso della storia. E’ lei che mostra il carattere buffonesco, e rivoltante, della narrazione ufficiale. Con la war metaphor, noto attrezzo per frodi biomediche, quando le sue “munizioni” le state usando come fece Bava Beccaris, che usò i cannoni contro il popolo. Dicendo ”viva la sua vita come vuole” mentre appoggia le costrizioni illecite e assurde che coartano e mutilano la vita di tutti. E per di più adottando il classico tono severo dell’impegnato che sta correndo in soccorso al vincitore.”

Lo scambio completo, dove anticipavo, citando articoli, i pericoli di miocadite, oggi di nuovo censurati dal Il Fatto, è in “Il sinallagma ipomafioso e la giustizia a cricchetto nell’operazione Shylock”, sito menici60d15. Dopo una ventina di giorni Giuliano Cazzola è uscito sui media a invocare Bava Beccaris, “come provocazione”, disinnescando così il paragone del genere di quello che avevo fatto io e che era stato censurato. Appare esserci un metodo nella censura, come mostra anche questo caso del 7 ottobre, dove è stata attuata tramite una risposta di un commentatore che ha spinto per buttarla in caciara (che non ci sia riuscito ovviamente non è servito).

Come vado ripetendo, dovrebbe esserci una versione ufficiale di Stato sulla epidemia, motivata e periodicamente aggiornata, sulla quale dibattere, anche in sede giudiziaria. Es, appare che i magistrati non
considerino la possibilità, concreta, di effetti avversi a medio e lungo termine, non noti data la “miracolosa” uscita dei vaccini in poche settimane dopo decenni di tentativi infruttuosi, che l’articolo che ho riportato e che è stato censurato documenta. Effetti avversi a medio e lungo termine dei quali gli effetti avversi a breve, che hanno portato Danimarca e Svezia a sospensioni della somministrazione, costituiscono avvisaglie (Why are we vaccinating children against Covid -19? Toxicology Reports, 2021, 8, 1665; Recent deaths in young people in England and Wales. HART, 11 ott 2021). Altri magistrati considerano il basso titolo anticorpale per giustificare la pratica, – più da Corte d’assise che da giudice amministrativo o del lavoro – di vaccinare ignorando l’immunità naturalmente acquisita. Quando “Gandhi and others have been urging reporters away from antibodies as the defining metric of immunity. “It is accurate that your antibodies will go down” after natural infection, she says—that’s how the immune system works. If antibodies didn’t clear from our bloodstream after we recover from a respiratory infection, “our blood would be thick as molasses.” (Vaccinating people who have had covid-19: why doesn’t natural immunity count in the US? BMJ, 13 set 2021).

Ma appare che i magistrati non ci tengano a una descrizione di riferimento della realtà fattuale sulla quale devono giudicare; ad avere uno standard sul quale si possa discutere. Appare che vada bene anche a loro fondare il “sereno convincimento” sull’atmosfera creata dall’azione combinata di governo e media, la cui natura il caso delle censure delle mie segnalazioni sugli effetti avversi mostra. Col risultato che la magistratura contribuisce allo spingere con la minaccia masse di italiani alle inoculazioni basandosi sulla propaganda; e alimenta la propaganda che accompagna le minacce con notizie di sentenze come queste, opportunamente manipolate nascondendo le critiche.

Distinti saluti

Francesco Pansera

§  §  §

11 ottobre 2021

Blog de Il Fatto

Commento al post “Covid, un carabiniere 52enne muore e il collega è grave: entrambi non erano vaccinati”

Nonostante l’obbligo “Hundreds of Thousands of US Troops Remain Unvaccinated” (Medscape, 11 ott 2021). Il sindacato dei CC parla di “campi di battaglia” per spingere a sottoporsi all’inoculazione. La war metaphor è un pezzo forte del marketing, – e degli inganni – in biomedicina*. Piuttosto che la carica di Pastrengo l’immagine da evocare è la strage di italiani dell’Heysel: ammassandosi impauriti incalzati da allarmi apocalittici e minacce mafioidi si schiacciano sia i propri compagni, sia sé stessi, sia princìpi e valori. Farsi pecora non è proteggersi. Restando calmi, ragionando e fronteggiando fermi la tempesta mediatica della propaganda si difende sé stessi e gli altri. Sia quanto a salute, con rischi che si vanno delineando essere più gravi di quanto faccia credere l’ufficialità**, sia quanto a leggi, princìpi e valori, che alcuni per di più hanno giurato di difendere.

*The military metaphor. In Annas GJ, Reframing the debate on Health care reform by replacing our metaphors. NEJM, 16 mar 1995. – Ioannidis JP, How the Pandemic Is Changing the Norms of Science. 9 Set 2021.
** Myocarditis Following Immunization With mRNA COVID-19 Vaccines in Members of the US Military. JAMA, 29 giu 2021. – Recent deaths in young people in England and Wales. HART, 11 ott 2021.

§  §  §

20 ottobre 2021

Blog de Il Fatto

Commento al post di S. Gandini “Green pass e i dubbi sul piano giuridico, la nostra risposta a Massimo Cacciari”

Si accredita come portavoce dei dissidenti il prodiano Cacciari, che li riporterà all’ovile. L’articolo “Anaesthesia and evidence based medicine”, Goodman, 1998, spiega come la scienza sia stata usata, e distorta, per sottomettere la medicina al business. E come “Epidemiology, like microscopy, is a technical not a scientific discipline”. Una tecnica come l’ingegneria, che usa la fisica, modello di solidità scientifica; ma non per questo si può dire che accusando per il ponte Morandi non si comprendono grandezza e limiti della scienza. A questa e ad altre tecniche, fatte passare come scienza, e fatte passare le decisioni politiche come fatti di scienza, si sta facendo dire che gli asini volano. Cioè che le difese naturali non esistono – tanto che criminalmente si vaccinano anche i guariti – le epidemie sono permanenti e la loro forza è stazionaria, e l’unica uscita è il vaccino a oltranza. Prendendo decisioni draconiane sulla base di dati tecnici esili e occultati (Transparency of COVID-19 vaccine trials: decisions without data. BMJ, 2021). Il comma dell’art. 32 rilevante è il primo, sul diritto alla salute: si sono manomesse via dpcm le protezioni naturali individuali e di gruppo, negandole. Per rivendere ai cittadini (50 miliardi US $ nel solo 2021; Nature, The tangled history of mrna vaccines) la salute che gli è stata tolta, fittiziamente e anche materialmente; e per degradarli a terminali delle app con le quali si concede e si toglie lavoro e vita normale.

§  §  §

20 ottobre 2021

Blog de Il Fatto

Commento al post “Vaccino Covid, la sentenza del Consiglio di Stato: “Legittimo l’obbligo per il personale sanitario””

Si apprende dai media che 20 giorni prima della odierna pubblicazione di questa sentenza il Consiglio di Stato ha ospitato nella sua sede una premiazione per meriti medici. Ad alto tasso di inbreeding: quelli del bel mondo si sono premiati tra loro. Tra i nomi, Cristina Messa (attuale ministro dell’università e ricerca), Gianni Letta, Vicenzo Paglia, Silvio Brusaferro, Beatrice Lorenzin, Renato Balduzzi, Livia Turco, Francesco De Lorenzo, Maria Pia Garavaglia, Walter Ricciardi, Corrado Augias, Roberto Burioni, Daniela Minerva, Domenico De Masi. A fare gli onori di casa il presidente di quest’organo costituzionale, Filippo Patroni Griffi.

Sponsor dell’occasione mondana a Palazzo Spada: Industrie Farmaci Accessibili, Intesa Sanpaolo, Igiene Urbana Evolution, Abc Farmaceutici, Accord Healthcare Italia, Baxter, Doc Generici, EG, Laboratorio Farmacologico Milanese, Salf, Teva Italia, Viatris-Mylan. L’atmosfera promiscua tra magistrati e stakeholder fa venire in mente il titolo di un’opera di un parente del presidente, Giuseppe Patroni Griffi: “Gli amanti dei miei amanti sono i miei amanti”.

Le sentenza non lo dice, ma tra i suoi effetti principali vi è quello di selezionare la classe medica – e quella che viene chiamata “comunità” scientifica – in senso conforme. I cittadini italiani dovranno ringraziare anche di questo anfitrioni, ospiti e sponsor della serata di gala nel sontuoso palazzo occupato dai giudici amministrativi.

@ Pollock. Grazie. Mi sono basato su una email del 22 set 2021 ricevuta dalla EDRA spa: “Giuria d’eccellenza e ospiti d’onore alla prima edizione del Premio De Sanctis per la Salute Sociale”, e su questi due articoli: “Augias, Burioni e De Laurentiis, chi ha vinto il premio per la salute sociale” Formiche, 27 set 2021; “Alla Cri il premio della Fondazione De Sanctis”. Giornale della Protezione Civile, 28 set 2021. Non ho approfondito, perché nonostante un passato come anatomopatologo trovo molto sgradevoli certi “quadri diagnostici”.

Apprendo da un altro commentatore che l’estensore della sentenza è stato Franco Frattini. Su questo importante e tipico Consigliere di Stato v. “Riecco Frattini, “fattorino” Nato”. Il Fatto, 6 ott 2012. Credo che molti di questi magistrati appartengano alla categoria, così frequente nei palazzi romani, di quelli che chiamo “i Luna piena”: onnipotenti davanti al cittadino comune perché, come la luna della poesia di Trilussa “La lucciola” (“La Luna piena minchionò la Lucciola …”) vivono di ciò che riflettono da poteri superiori. E questa sentenza, che seleziona e incentiva i medici secondo il criterio di Glengarry Glen Ross (come le epurazioni precedenti delle quali il Consiglio di Stato si è macchiato, che hanno favorito l’attuale “sociogenic mass illness” a danno della nazione) ne è un esempio.

§  §  §

1 novembre 2021

Blog de Il Fatto

Commento al post “Trieste, il prefetto Valenti chiude piazza Unità d’Italia: “Diritto di manifestare temporaneamente compresso per salvaguardare la salute””

A Valenti scrissi, inutilmente, il 23 set 2016, quando era prefetto di Brescia: l’ ACI (presidente l’avv. PierGiorgio Vittorini) nel rinnovarmi la patente me l’aveva consegnata con l’immagine della faccia cancellata, irriconoscibile. Il prefetto Valenti avallò il mascariamento. A proposito di pass e discriminazione, anni dopo Iliad (CEO Benedetto Levi) mi rifiutò un abbonamento a internet, sostenendo che la patente non è valida. Avendo protestato Iliad voleva togliermi anche il primo abbonamento che aveva stipulato con me. Dovetti scrivere al questore di Brescia* per evitare di perdere linea e numero telefonico del cellulare. Un episodio tra tanti più gravi.

Valenti fa un appello ai manifestanti “che si ostinano a violare la liberà altrui”: “Lasciate vivere gli altri”. Per me vi è una rete che abusando del potere istituzionale si occupa di reprimere denunce e dissenso che ostacolino i disegni di potere e sfruttamento sull’Italia. Non lasciando vivere. Un’attività che chiamo “caetanismo”, da via Michelangelo Caetani. Dove ha sede dal dopoguerra il Centro Studi Americani, che oggi trasmette direttive sulla medicina scrupolosamente eseguite dai vari poteri dello Stato. Presidente Gianni De Gennaro, presidente onorario Giuliano Amato. Fu davanti al centro che parcheggiarono la Renault rossa**.

* racc. “Facce annerite e facce di sterco” al questore Signer. 19 ott 2020.
** Il golpe di Via Fani. De Lutiis, 2007.

§  §  §

Blog de Il Fatto

Commento al post di F. Canino

“Imma Tataranni, parla l’attrice Vanessa Scalera: “Sono così diversa da lei che per strada non mi riconosce nessuno”. Ecco il segreto del successo della serie di Rai1”

Ilda e Imma

Sia il magistrato onesto che quello corrotto sa quanto sia vitale il “prestigio”. Eppure la Boccassini, ex magistrato di primo livello – premiata, notare, come “top global thinker” da “Foreign Policy” – esibisce l’immagine di sé goffa e dozzinale dell’avvinghiamento nel volo notturno.

Vi si può forse vedere una correzione della retorica mediatica sui giorni tragici a Palermo nel 1993. Che servirono, dopo che ai vari obiettivi principali per imporre un nuovo corso, anche a fornire copertura e alibi ai magistrati: fatti figurare da allora come colleghi dei valorosi uccisi, quando li hanno traditi da vivi e da morti. Ora col covid siamo a un nuovo snodo; e polizie e magistratura sono impegnati nell’operazione “Hic Rhodus” cioè nel fare gli gnorri davanti allo scempio del diritto e della Costituzione, e anzi collaborare. In futuro sarà peggio. Il nascondersi dietro alla celebre foto di Falcone e Borsellino mostra la corda. Allora si aggiunge la retorica del “magistrato uomo tra gli uomini”, con le sue debolezze; e della PM fedifraga Imma la Rossa, coeva mediatica delle sgraziate rivelazioni amorose della Boccassini. Un cuscinetto soap per la realtà di ben altri rapporti e infedeltà delle toghe con le foreign policies che dominano l’Italia. Gli italiani hanno creduto all’alibi scritto col sangue e crederanno a queste aggiunte scritte col rossetto; mentre Palamara, Ungheria, Cartabia segnano la strada verso “a new low” della giustizia per i cittadini onesti.

§  §  §

8 novembre 2021

Blog de Il Fatto

Commento al post “Green pass a scuola, il Tar del Lazio: “Non introduce obbligo vaccinale indiretto. Tamponi gratis solo a chi non può immunizzarsi””

Possibile che dei magistrati non sappiano distinguere tra obbligo formale e coercizione di fatto? E’ uno scherzo da prete – cui i preti non sono estranei – costringere, pena la perdita immediata dell’accesso al lavoro e dello stipendio, a procurare di farsi introdurre, a proprie spese, tamponi nel proprio faringe, a intervalli misurati in ore, in continuazione per mesi e mesi, senza una data di fine pena certa; sino a che non si cede, e ci si fa inoculare non vaccini ma farmaci che sarebbero preventivi di malattia, noti comportare rischi di salute; farmaci che del vaccino, e quindi dei corrispondenti benefici diretti sulla popolazione, hanno solo il nome, non fermando secondo la stessa narrazione ufficiale l’epidemia, nonostante l’elevato tasso di inoculati.

Non è una sentenza da magistrati, ma una coonestazione, una complicità da burocrati che diranno di avere eseguito ordini, certificare una legittimità legale dell’imposizione di questa progressiva e lenta compressione giugulatoria – contraddittoria anche rispetto al pressoché nullo peso dell’epidemia tra gli scolari – senza esporre in maniera esplicita quelli che si ritiene autonomamente essere gli elementi di fatto giustificativi, dando per buoni a priori quelli sommariamente addotti dai soggetti che occupano lo Stato.

§  §  §

17 novembre 2021

Blog de Il Fatto

Commento al post ““Buona Vita”, il manifesto di Papa Francesco per risvegliarsi alla vita, a ogni età – L’anticipazione su ilfattoquotidiano.it”

Poesia di buona fattura. Ma ha la stessa funzione dei flabelli. Infatti applicando questi insegnamenti papali non si può tacere che nel frattempo il protetto di Bergoglio, “Escuela de mecanica” Ricciardi, si agita per l’obbligo di tampone ogni 24 ore per andare a lavorare se non ci si fa iniettare un “vaccino non vaccino”; che né induce memoria immunologica sufficiente né ha effetti validi sull’immunità di popolazione; secondo la stessa versione dell’ufficialità, che mostra sempre le sue gambe corte per quanto alti siano i trampoli dai quali è diramata. “Vaccino” che in compenso è capace di rendere sfiancato il muscolo cardiaco, la pompa che spinge il sangue nei vasi, con conseguenze non difficili da immaginare.

Un’altra delle misure che si concatenano in una costanza di “derivata seconda positiva”, cioè misure via via più serrate e asfissianti. Una tale forma della curva delle misure anticovid dopo venti mesi di asserita peste è in mostruoso contrasto con quella dell’andamento delle epidemie naturali che il buon Dio ha inflitto, a larghi intervalli e senza castigo di permanenza, per tanti secoli. Ed è in buon accordo invece con le tecniche umane di coercizione progressiva, quelle dello strozzino e del mafioso che vogliono impossessarsi dei beni della preda; e appunto degli addetti con la vocazione a torcere arti e piegare volontà – come i loro predecessori dell’Inquisizione – della Escuela de mecanica de la armada dei tempi di Buenos Aires.

§  §  §

18 novembre 2021

Blog de Il Fatto

Commento al post di A. Sofia “Buccini presenta “Il tempo delle Mani Pulite”. Il procuratore Ielo: “Indagine? Tentativo di legge uguale per tutti, non si voleva la rivoluzione””

Estraneo a quel mondo, mi resi conto della realtà della corruzione casualmente. Fermatomi in una città del Nord industrioso davanti alla sua vetrina, un antiquario attaccò bottone. Nel chiacchierare mi disse che gli affari si erano fortemente ridotti dopo Mani Pulite: suoi pezzi venivano usati per giustificare mazzette, come ritrovamenti in soffitta.

Allora l’azione giudiziaria fu collineare rispetto alla volontà dei poteri forti che negli stessi mesi cambiavano l’assetto dei Paese; e andò allo stesso tempo nel senso della legalità. Anche oggi, col covid, l’azione giudiziaria è coerente con le volontà dei poteri forti e va nello stesso verso; ma stavolta in direzione opposta a quella della legalità, essendo muta, inerte e collaborante davanti al massacro della Costituzione, e al conseguente sconvolgimento sociale ed economico. (Idem per i giornalisti).

La variabile indipendente appare essere la consonanza coi poteri forti. I magistrati si trovano oggi a remare in accordo coi forchettoni cui non garba l’azione anticorruzione. Le toghe dello Stato sono arrivate a dare l’apporto necessario all’eliminazione di chi è di intralcio ai disegni illeciti dei poteri forti; qualcuno dei Giuda (P. Borsellino) ha anche lui intascato, ho saputo dai media, belle somme per pezzi di pregio trovati in soffitta. Le autocelebrazioni per la lotta alla corruzione e alla mafia nascondono la terza testa, segreta, del mostro: il tradimento.

§  §  §

25 novembre 2021

Blog de Il Fatto

Commento al post “Covid, il segretario di Stato Pietro Parolin: “La posizione della Chiesa è chiara. Vaccinarsi atto d’amore come ha detto il Papa””

La posizione della chiesa è ipocrita e doppia, come al solito.

Ieri c’è stato il giro di vite del gesuitico Draghi, sorretto dai clericali come il bergogliano Ricciardi. Centinaia di migliaia di persone perderanno lo stipendio se non si piegano al ricatto e non si fanno inoculare, a loro rischio, l’amore per il prossimo da 50 miliardi di dollari l’anno (The tangled history of mRNA vaccines. Nature, 16 set 2021). Altri subiranno vincoli e forme di pressione diversi, a scapito di dignità, serenità e semplice vita pratica. Non andrà meglio agli illusi che credono di averla scampata per essersi fatti togliere i diritti di base ed avere accettato l’equivalente di un’agocannula in permanenza, nella quale tramite lo Stato il potere può inoculare ciò che vuole quando vuole con qualche scusa da quattro soldi.

All’indomani, tempestivi i vescovi dicono che “non c’è un obbligo”, e parlano di atto d’amore. Per evitare di essere identificati tra i mandanti e i complici. Gli italiani dovrebbero imparare quanto è larga la differenza tra quello che i preti dicono con la bocca e quello che fanno con le mani.

“Quando i grandi di questo mondo si mettono ad amarvi, è che vogliono ridurvi in salsicce da battaglia… È il segnale… È infallibile. È con l’amore che comincia.” Celine

§  §  §

2 dicembre 2021

Blog de Il Fatto

Commento al post “Obbligo vaccinale, Consiglio di Stato respinge il ricorso di un medico: “La salute collettiva prevale su dubbi scientificamente infondati””

La risposta immune che un vaccino in teoria suscita ha due effetti separati: da un lato nell’individuo il contrasto alla malattia; dall’altro sulla popolazione lo spegnimento delle epidemie limitando la trasmissione della malattia – non della positività a test, ora promossa a “caso” e “contagio”. Le epidemie vere terminano per deficit di trasmissione data la risposta immune cumulativa. E’ a questa seconda funzione che può essere attribuito alla vaccinazione un valore per la collettività. Ma questi inoculi sono privi di tale capacità, come dice la versione ufficiale; che, contro ogni plausibilità storica e biologica, vuole che l’epidemia impazzi dopo 20 mesi, per giustificare l’incrudelirsi delle pastoie. Per trovare un barlume di giustificazione sul piano collettivo si usa quella del sovraccarico del sistema sanitario. Nonostante la popolazione nazionale si sia come rimpicciolita di dieci volte dati i tassi di vaccinazione; e più ancora dato che le categorie realmente suscettibili hanno tassi di vaccinazione subtotali.

In nome della salute collettiva si sta costringendo, col ricatto sul lavoro, ad assumere sostanze ad asserita azione preventiva individuale, non prive di gravi rischi, che si ammette non essere efficaci come vaccini sul piano della salute collettiva. Per dare veste legale a un simile legerdemain bisogna essere privi di diverse caratteristiche ed averne altre; in una combinazione che uno si aspetta in figure molto diverse da quella del magistrato.

@ Fabrizio Fabrizi. “Nella persona che non ha credito, l’abitudine a ben ragionare, a non accontentarsi delle vane apparenze, è una colpa. Poiché ogni buon ragionamento offende” Stendhal. Intanto dopo i magistrati USA anche una commissione della Camera dei Lord UK si è espressa contro la vaccinazione obbligatoria del personale medico*. Tu ripeti il commento maligno che si usa in Calabria: “s’anu jungiutu”, si sono uniti, a significare che due sono sulle stesse posizioni essendo della stessa pasta. Il similia cum similibus vale anche per il Consiglio di Stato, che ha tra i suoi meriti quello di avere selezionato, e di continuare a selezionare, medici secondo criteri diciamo internazionali. Togliendo credito agli indegni. Affidando le operazioni a valorosi come il suo Frattini, già curatore dei nostri interessi come ministro degli esteri: “Riecco Frattini, “fattorino” Nato”. Il Fatto, 6 ott 2012. I fattorini di vario tipo** di cui la NATO dispone “jungiuti” permettono di esercitare il controllo sul Paese, anche selezionando la classe dirigente appropriata.

*Evidence is insufficient to back mandatory NHS staff vaccination, says House of Lords committee. BMJ, 3 dic 2021.
**Willan P. Puppetmasters. The political use of terrorism in Italy. 2002.

§  §  §

14 dicembre 2021

Blog de Il Fatto

Commento al post “Ritiro dell’arma e sospensione per gli agenti non vaccinati: mercoledì scatta l’obbligo per le forze dell’ordine, la circolare del Viminale”

Il ritiro di arma, tessera, placca e manette ricorda la “cassiere”, la cerimonia di degradazione del militare. Famosa quella di Dreyfus. Il giorno prima gli fecero scucire da un sarto gradi e mostrine, poi fermate con un solo punto, in modo da potergliele strappare. La spada gli fu limata preventivamente quasi del tutto, così che si poté spezzargliela senza il rischio di scene ridicole. E’ la punizione per il tradimento.

Lo scopo di questa forma soft di cassiere qui è duplice: mortificare, screditare, per indurre a sottoporsi agli inoculi imposti a piacimento da chi comanda; e darsi un tono, per scaricare il peso di cedimenti e obbedienze che non sono esattamente militareschi, né tantomeno da comandante responsabile dei suoi uomini, su quelli che sentono che l’ora impone di pensare e scegliere, senza andare all’ammasso, come fu per le forze armate dopo l’8 settembre.

§  §  §

20 dicembre 2020

Blog de Il Fatto

Commento al post di L. Musolino “Gratteri: “Per la ‘ndrangheta momento magico. Punta ai soldi del Recovery, mentre dall’agenda del governo scompare l’antimafia” “

Di legami e convergenze tra il covid e la mafia ce ne sono diversi. Uno è l’illimitatezza. Le epidemie vere si esauriscono spontaneamente, ma qui avremmo una inedita epidemia a sorgente stazionaria, che come una guerra può perdurare a seconda di come si comportano gli uomini. Anche la mafia, “fenomeno umano che avrà una fine” (Falcone; che forse divenne bersaglio anche per la sua inclinazione a capire troppo) è stata resa sorgente stazionaria, illimitata, di Male. Il male assoluto consente misure assolute; nel caso del covid, quelle legibus solutus. Nel caso della mafia, consente di mostrare solo questa e praticare indisturbati dietro alla perenne lotta alla mafia altre forme di grande predazione. Fino a questo golpe camuffato da lotta al covid, dove il potere sembra potere fare a meno, per il momento, del paravento della lotta alla mafia. Le sorgenti di male infinito – soprattutto se appaiono coltivate, come è sia per il covid che per la mafia – andrebbero riconosciute come possibili coperture per delitti di massima scala, favorendo in vario modo l’esercizio predatorio del potere. Una terza illimitatezza che consente il male in nome del bene è quella del bene agli altri, che nella realtà può essere esercitato in via diretta solo verso il prossimo, cioè per un raggio limitato a piccoli gruppi; mentre si vuole che abbia portata infinita, per giustificare una “accoglienza” forzosa dei migranti economici che di etico non ha nulla.

§  §  §

V. Le banalità tossiche di Carofiglio. In Milizie bresciane

9 dicembre 2021 (Censurato).

§ § §

… Ciò vale anche in sede giudiziaria, altro possibile movente della censura. I magistrati giocano la parola jolly “scienza”, dando per vero a scatola chiusa tutto ciò che porta questo bollino ufficiale. Così facendo non difendono la Costituzione che ostendono solenni quando gli conviene, ma aiutano a seppellirla, sostituendo ad essa come standard di riferimento la scienza inversa delle frodi. Dovrebbero invece essere costretti, dalle richieste dei ricorrenti e dalla dottrina, davanti a sospensioni gravissime dei diritti in nome della scienza, a valutare esplicitamente in primis se si tratta di “scienza scienza” o di scienza inversa. Dovrebbero recuperare la diffidenza per le versioni di parte che è base e dovere della loro professionevre; ed è alla base della democrazia, diceva Demostene. Il ruolo complice della magistratura, sia negli interventi eversivi su commissione dei decenni passati, sia nelle frodi mediche istituzionalizzate, è largamente sottovalutato. Oggi abbiamo una fusione di eversione di Stato su commissione e frode medica istituzionalizzata, in un ibrido che non a caso ha assunto le forme più viruente in Italia: grazie anche al collaborare e rintanarsi dei sedicenti eroi della lotta a mafia, terrorismo e corruzione. Oltre che una scienza inversa vi è un diritto inverso. Le due aberrazioni stanno operando in concorso. In Svezia, dove si è applicata non la scienza inversa ma la scienza diretta, la scienza vera, la media mobile su 7 giorni della mortalità giornaliera per covid è a una cifra, cioè inferiore ai 10 decessi al giorno, dal 22 maggio 2021. Spesso è inferiore a 5. Da noi la scienza inversa ha costruito una epidemia-tsunami che è servita da giustificazione all’instaurare un mostruoso diritto di privati ad accedere, tramite il potere dello Stato, all’interno del corpo dei cittadini e intervenirvi. Le decisioni dei magistrati in nome di una scienza inversa vanno considerate come diritto inverso; e come parte integrante dei meccanismi alla rovescia che alimentano questa “epidemia” e gli sfaceli che comporta. [continua].

da: “Scienza inversa”: un concetto da opporre alla parola tappabocca “scienza”

9 gennaio 2022

Blog de Il Fatto

Commento al post “Covid, Remuzzi a La7: “Nulla al mondo è più sicuro dei vaccini a mRna. No vax duri e puri? Sono una religione, non li convinceremo mai” “

La CISL è un sindacato clericale pesantemente colluso coi poteri e con gli apparati che stanno instaurando un mostruoso diritto di privati ad accedere, tramite il potere dello Stato, all’interno del corpo dei cittadini e intervenirvi. Comunque un suo segretario generale, Pezzotta, anni fa una cosa giusta la disse sulle contrattazioni: o si picchia o si parla. Qui Remuzzi dice che bisogna “convincere” e intanto chi non si convince è oggetto di “misure” ispirate dall’arcivescovo Ruggieri e dalla “aquae et igni interdictio”. [continua]

da: “Scienza inversa”: un concetto da opporre alla parola tappabocca “scienza”

§  §  §

11 gennaio 2022

Blog de Il Fatto

Commento al post “Dipendenti no vax, Ikea in Uk pagherà solo il minimo legale a quelli che prendono il Covid. Citigroup pronta a licenziarli da fine mese”

Ufficialmente da noi è lo Stato che si arroga un diritto di accedere a sua discrezione agli organi interni, ai tessuti, ai citoplasmi del corpo di ogni cittadino e di praticarvi manipolazioni. Con punizioni, per chi resiste, ispirate alla “aquae et igni interdictio”. Queste interdizioni di IKEA, banche e altre enormi corporations mostrano che i mandanti di tale mostruosità sono dei privati, che hanno interesse a soggiogare le persone. Come per i crimini di Stato terroristici dei decenni precedenti, da noi si tratta di eversione di Stato su commissione.

@ cicciobellociccio. Nella terra dove più è forte il sentimento di responsabilità collettiva: “Although we encourage all citizens to receive the COVID-19 vaccination, it is not compulsory or mandatory. … Please do not force anyone in your workplace or those who around you to be vaccinated, and do not discriminate against those who have not been vaccinated” (Ministro della sanità, Giappone).

Da noi abbiamo i kamikaze del fantozzismo verso il Direttore Totale. Tu scambi, ripetendo a pappagallo, responsabilità verso gli altri e Lebensraum. La responsabilità verso gli altri imporrebbe di considerare i danni che questa acquiescenza vile dei Tuttosì ai voleri del Big Money sta causando alla comunità. Es. la pretesa “jab for job”. Danni alla salute, alla dignità umana, alla vita civile, ai propri stessi interessi economici, ai propri figli e familiari. Il Lebensraum, lo spazio vitale, che in questo caso vorrebbe espandersi ai corpi e alle cellule degli altri, è un concetto che fu ripreso e lanciato dal nazismo. (Partito per il quale aveva una simpatia il fondatore dell’IKEA). Draghi, quel “coraggioso filantropo” (Cossiga), dice dalla poltrona di PdC che i nostri guai originerebbero dai novax. Sarebbe ora di cominciare a considerare i disastri che i Tuttosì come te stanno causando alla comunità, oltre che a sé stessi.

@ pot. Certo, è nota la diffidenza di Draghi, vecchio anarchico, verso le banche e il business. Anche se commentatori USA alla mossa della Citibank hanno rilevato piuttosto un’alleanza tra il loro governo e la banca nello promuovere assieme questo metodo di cura (Science proves unemployment cures covid. Briggs WM. 11 gen 2022).

@ Claudio9, Lo fanno per interesse: per accrescere il loro potere sulla forza lavoro; per favorire l’instaurazione di un nuovo corso politico a loro ancor più favorevole; per aiutare le loro gigantesche sorelle e i giochi finanziari dei quali sono partecipi nella creazione di enormi profitti con questo”mercato” biomedico dove “l’offerta” punta il coltello alla gola alla “domanda”; e anche per averne un tornaconto di cassa lesinando la retribuzione.

@ Claudio9. No. E’ risaputo, e gli USA ne sono prova (come anche la sua proposta di fare pagare lo Stato, cioè il contribuente), che il sistema del terzo pagante a dirigenza privatistica porta a fare gonfiare a dismisura i costi, che in ultima analisi sono pagati dai cittadini. In cambio di una medicina che è modellata sugli interessi di chi la vende, creando malattie fittizie e trascurandone di reali, e non sulla tutela della salute.

@ Marco_81. Il sistema mRNA-ribosomi, il target ufficiale degli inoculi, e i vari sistemi ligando-recettore che possono intervenire, riguardano livelli più profondi del sottocute; non sono meno complessi di un chip; e le loro capacità di provocare effetti avversi sull’organismo sono anche più pesanti. E poi, di quali chip ci sarebbe bisogno con tanti come lei, che sembra siano come nati con un’antenna interna per obbedire ai comandi vocali.

@ Giovanni Sbolci. Non ho parlato qui dei danni da vaccino, che pure sono denunciati da voci eminenti, censurate (prima ancora bisognerebbe parlare della loro necessità ed efficacia, e della validità scientifica, aspetti criticati da specialisti rispetto a quanto viene raccontato al pubblico). Ma di una questione preliminare: questo nuovo “diritto”, pena il boicottaggio alla sopravvivenza, ad accedere all’interno del corpo di ogni cittadino e di operarvi manipolazioni biologiche. I nostri organi interni sono chiusi e protetti. Dalla cute, che infatti va perforata con un ago. Dai tessuti linfatici e altri meccanismi. Qui si vuole un diritto generale di accesso e modifica sulle budella dei cittadini. Questi vaccini affrettati, definiti ”unprecedented”, portano comandi genetici alieni, dicendo alle cellule cosa fare. (Con le mascherine si può interferire sui mitocondri). C’è un diritto dello Stato a entrare in casa di tutti i cittadini, frugare le cose più intime, fare ciò che crede dell’appartamento? Indipendentemente dalle intenzioni dichiarate “non ti rubo e non guasto nulla, è per il tuo bene che ti punto il coltello perché tu mi lasci fare” invocheremmo un principio. Questo nuovo “diritto” è peggio.

Oltre al degrado umano la violazione degli organi interni comporta rischi reali di danno iatrogeno di massa. Lei che li cita, avrà sentito parlare dei danni da abuso delle terapie antibiotiche. Sui tumori al cervello, se vuole le posso indicare articoli sui danni dalla loro sovradiagnosi.

@ Giovanni Sbolci. E’ pacifico che la vaccinazione obbligatoria implichi un accesso all’interno dell’organismo e una manipolazione di cellule, tessuti e organi. Non l’ha vista la siringa? Non li ha ascoltati i resoconti dell’attività biologica di ciò che è iniettato, dalla produzione di proteina spike all’induzione di trombi nei vasi? Non capisco che discorsi fa. Se Tizio spara a Caio, Caio necessita di una perizia balistica per dire che Tizio gli ha sparato ?

Quello che sarebbe da discutere è la genuinità della tesi per la quale vi sarebbero ragioni di fatto particolari per imporre il vaccino di massa coi ricatti. Ma è possibile evitare questa infame “epistemologia”, esclusiva dell’Italia, dell’Italia peggiore.

L’intangibilità delle budella non è una concessione dei vicini di casa o dello Stato ma un diritto naturale. Poi codificato e tutelato, ad essere eversivi e parlare di giustizia e civiltà (sottovoce, per non disturbare il sonno dei magistrati).

La ventilazione polmonare (non respirazione) serve alla respirazione cellulare. La respirazione cellulare aerobica ha luogo nei mitocondri. Le mascherine oltre che rappresentazione fittizia della peste in assenza di cataste di morti sono un altro caso di “epistemologia criminale” dove ai danni alla fisiologia si assommano quelli alla dignità della persona: Is ensuring people’s compliance with future diktats the key reason for the re-imposition of masks in the classroom? Masking is not normal and should not be normalized. Hart, 8 Jan 2022.

@ Giovanni Sbolci. Se Tizio ha sparato in piazza a Caio, pubblicamente davanti a una folla (e gli ha pure rilasciato un certificato di avvenuto sparamento) il fatto in sé non è questione di prove “scientifiche” (in realtà perizie tecniche). Se Tizio inietta in uncentro vaccinale un vaccino a Caio, che lo accetta per avere rilasciato un permesso temporaneo di vivere, e Tizio, Caio, Sempronio Nevio etc. lo confermano, non è questione di struttura ternaria delle proteine: la violazione del corpo e del principio è già stabilita. Sull’uso strumentale della “scienza” le segnalo il mio “ “Scienza inversa”: un concetto da opporre alla parola tappabocca scienza”.

E’ un sentimento positivo il suo, di riconoscere quanto riceviamo dagli altri. Ma non bisogna adagiarvisi quando si spaccia per solidarietà ciò che al contrario è un appello all’egoismo tramite la paura. Il “dilemma del prigioniero”, la cui soluzione razionale è il comportamento egoistico, per alcuni sarebbe la prova dello “homo homini lupus”. Per altri, e io concordo, la prova che si possono costruire situazioni che spingono a tradire la naturale inclinazione a cooperare con gli altri, a danno anche di sé stessi. E’ il caso della situazione trappola covid. Legga due lettere aperte di medici e accademici inglesi sui pericoli dei vaccini, soprattutto per i bambini (gruppo Hart, 12 Jan 2020). Forse l’aiuteranno a tradurre la sua benevolenza verso il prossimo dalla sua forma rassicurante in una scomoda, ma più efficace e fedele a sé stessa.

§  §  §

24 gennaio 2022

Blog de Il Fatto

Commento al post “Mafia, la Consulta dichiara illegittima la censura della corrispondenza tra i detenuti al 41bis e gli avvocati”

Rinserrata nel palazzo, facendo capolino solo per assentire, la corte costituzionale ha lasciato che le mostruosità materiali e giuridiche dell’operazione covid calassero sulla Costituzione come orde barbare che non trovino resistenza. In compenso l’alta corte cesella sulla tutela fine dei diritti dei tagliagole. “In compenso” non è ironico: avendo perso, con la collaborazione per il covid zelante fino al farsesco, la credibilità che proviene dall’autorevolezza, allentando la catena dei cagnacci mafiosi con la riforma Cartabia e c. lo Stato recupera credibilità in una forma degradata, quella che deriva dalla paura e dalla protezione. Come il capobastone che fa riconoscere la sua autorità garantendo, dietro pagamento, protezione dai malavitosi che può sguinzagliare. Con le orecchie tenute tappate sulla studiata degradazione della persona tramite la normativa covid e spalancate sulle istanze dei mafiosi, il ricatto e la violenza ai cittadini da parte dello Stato assumono prominenza e vengono istituzionalizzati.

§  §  §

27 gennaio 2022

Blog de Il Fatto

Commento al post ““Non mi vaccino, non sono una cavia”, morta di Covid 52enne che ha rifiutato anche il ricovero”

Lo Stato toglie il lavoro agli insegnanti in nome di una epidemia che non riguarda gli alunni. Proibisce di comprarsi i calzini e di ritirare la pensione alla posta. Nell’ambito di misure che in questi giorni pongono l’Italia su tre podi negativi: sia delle anomale metriche di una anomala epidemia; sia, di gran lunga, della pesantezza delle misure antipersona dette “anticovid”. Sia quindi delle contraddizioni, indicative di danno alla salute da sospensione dei diritti democratici, perché le prime due dovrebbero essere correlate in senso inverso, e non diretto. Una configurazione perversa davanti alla quale la magistratura è come se non ci fosse. Non si chiede perché nazioni che non hanno queste restrizioni vanno molto meglio. Perché milioni di non vaccinati nel mondo campano benissimo mentre i vaccinati contribuiscono al perdurare dello stato di eccezione. Se i soldi versati a medici e ospedali dietro diagnosi covid, e l’epurazione dei medici che non si prestano, non abbiano effetti perversi. Se sia lecita l’alterazione delle statistiche sulle TI, ammessa ieri dal sindaco di Amburgo, descritta in UK, e in Italia. Invece abbiamo il procuratore di Lodi che pratica una sweeping generalization, e un endorsement di trattamenti farmacologici forzosi nonostante siano dubbi, sulla base di una notizia di parte. Muoiono i vecchi diritti e ne nascono di nuovi, come questo dei magistrati di prendere per oro colato le anomalie sulle quali sarebbero pagati per indagare.

§  §  §

CENSURATO

29 gennaio 2022
Blog de Il Fatto
Commento al post “Ergastolo ostativo, Di Battista: “Eliminarlo è il più grande regalo alle mafie”. Salvatore Borsellino: “Vanifichiamo lavoro di mio fratello e di Falcone”

Ciò che il detto popolare dice dei denti e delle corna, che la loro comparsa fa male ma poi aiuta a mangiare, vale – nel caso delle istituzioni – anche per la mafia; e per le leggi che le ridanno ossigeno. Con la maggior presenza del Male iconico della mafia di cosca, con il male con le corna come il diavolo dipinto da Ambrogio Lorenzetti ne “Il Cattivo governo” i poteri dello Stato possono meglio giustificare le loro connivenze e collusioni con altre forme di grande predazione, affratellate ai mafiosi ma legalizzate, e mimetizzate da Bene come l’agnello con la coda di scorpione sempre nell’affresco di Lorenzetti. O come il lupo sotto la pelle d’agnello nell’emblema del club dei fabiani cui il ministro Speranza è affiliato. Infatti parliamo dei mafiosi che ammazzano i bambini, ma non di chi tra 72 ore non potrà ritirare la pensione o entrare in una bottega per comprarsi la biancheria, né di coloro ai quali sono stati tolti o verranno tolti lavoro e stipendio, non avendo ceduto a un ricatto di Stato sui diritti di possesso dei propri organi interni. Chi grida al bubbone mafioso non rileva la mafiopoli (Impastato) che marchia l’Italia: la continuità culturale con la mafia di misure di Stato che devono fare provare invidia, ammirazione e speranza agli estortori del pizzo nelle loro celle. I mafiosi che sparano sono dilettanti rispetto ai loro fratelli maggiori, che tenendo viva la mafia da cinema ottengono distrazione e campo libero, paura e sottomissione.

§  §  §

31 gennaio 2022

Blog de Il Fatto

Commento al post “Green pass, obbligo vaccinale per gli over 50 e viaggi: ecco cosa cambia dal primo febbraio”

Viva Piersanti Mattarella. Viva chi non si piega ai ricatti mafiosi.

@ IlprincipeMyskin. Credo che con l’indocile Piersanti, o con il pragmatico Enrico Mattei, o con il curiale Aldo Moro messi a fare i PdR la nostra sorte sarebbe stata migliore. Invece zero dosi di quelli come Piersanti e doppia dose di Sergio e di Giorgio. In parte è colpa nostra.

§  §  §

4 febbraio 2022

Blog de Il Fatto

Commento al post “Sanremo 2022, Roberto Saviano ricorda Falcone e Borsellino: “Ora celebrati come eroi, ma non era così quando erano in vita””

L’antimafia che incassa porta Falcone, Borsellino e Rita Atria tra i lustrini e gli istrioni della tv di Stato; tra i numeri en travesti, il cantante che si mette la mano nella patta e il brillante intrattenitore che sfotte chi muore di vaccino imposto o resta menomato. I pianti di coccodrillo mediatici sono parte integrante dello stesso apparato che i martiri li crea; insieme a depistaggi, impunità e versioni addomesticate che nascondono i mandanti addossando tutto alla manovalanza mafiosa o terroristica. Le commemorazioni pompose e vuote sono un riciclaggio morale, uno scambio in controcorrente, dove il valore degli epurati viene trasferito ai promossi compromessi da frequentazioni e pratiche impresentabili. L’eversione delle bombe viene usata per legittimare quella dei dpcm. Appena calato il sipario sulla teatralità del Mattarella reloaded arriva questo cinico mescolare tragico e frivolo, la carne dei giusti sul tavolo settorio e il popcorn di mezzanotte. “L’Italia – e non solo l’Italia del Palazzo e del potere – è un Paese ridicolo e sinistro: i suoi potenti sono delle maschere comiche, vagamente imbrattate di sangue: contaminazioni tra Molière e il Grand Guignol. Ma i cittadini italiani non sono da meno” (Pasolini).

§  §  §

9 febbraio 2022

Blog de Il Fatto

Commento al post di AntonioCarbonelli “Obbligo vaccini, il Consiglio della Giustizia amministrativa siciliana vuole vederci chiaro”

Sto raccogliendo le parole e le espressioni che nell’attuale “infodemia” sono utili a descrivere ciò che accade e invece mancano. In tema di “giustizia prudente” (“Il battuto era almeno un imprudente.“…) una è la “availability cascade” sul covid. Un’altra, connessa, è il “teorema di Thomas”, caposaldo della sociologia, riportato anche in testi di criminologia: “Quando situazioni vengono definite come reali, sono reali nelle loro conseguenze”. Le due espressioni riguardano meccanismi di autoavveramento. Che i magistrati stanno favorendo invece di impedire. Es. permettere l’epurazione dei medici contrari alla vaccinazione produce una selezione di medici che accettando, per convinzione, paura o calcolo, la versione ufficiale permettono la continuazione iatrogena, materiale e nei “numeri”, dell’epidemia senza precedenti tramite scelte cliniche soggettive. A danno della salute dei cittadini.

Es. tramite lo “incorporation bias”: diagnosticare una malattia in base a uno standard che comprende il criterio che dovrebbe essere validato. Una circolarità praticata anche dai magistrati che danno per indiscutibile la versione ufficiale, cioè il re nudo* sul quale sono chiamati a verificare e giudicare. Quarta, il “lysenkismo” è la distorsione violenta di modelli scientifici a fini totalitari. E il magistrato onesto e capace dovrebbe chiedersi se non è questo il caso.

*The Official Regime Coronadoom Narrative Has Taken A Series Of Vicious Body Blows. Briggs, 8 feb 2022.

§  §  §

15 feb 2022

Blog de Il Fatto

Commento al post di A. Marfella “Si scopre che la camorra assicura un welfare avanzato. E lo stato?”

Veramente che il farmaco sia una “risorsa” lo si vede a occhi chiusi, oggi 15 feb 2022, quando a chi non se ne fa iniettare uno di dubbia utilità e sicurezza viene tolto il lavoro. Alla mafiosa. Ma Marfella si riferisce non ai trilioni di dollari del business farmaceutico, ma umilmente alla piccola lasagna per gli impiegati di concetto della ricerca. Che con sincerità partenopea accosta alle vedette dello spaccio. Non solo il farmaco è pilastro centrale dell’economia; ma ciò è un punto sul quale camorristi, politici, magistrati, preti, etc. sono d’accordo. Così che occupano o sostengono livelli diversi della stessa variabile: lo sfruttamento tramite i farmaci. L’altro giorno hanno arrestato Guttadauro, noto esponente storico di quella mafia che ricorda gli antri siciliani dei ciclopi, i mostri che si cibavano di carne umana. Nulla a che vedere con le frodi della medicina ufficiale; che pure pasteggiano con la carne umana, ma in maniera sofisticata. Lo spauracchio mafioso invece di essere incenerito viene agitato da figure come Saviano: aiuta lo sfruttamento tenendo bassa la media e quindi lo standard dell’integrità. Così che i perbene possono arricchirsi illecitamente usando il farmaco come “risorsa”, e sembrare onesti e meritevoli. E’ una delle funzioni della mafia. La statistica insegna che bisognerebbe usare anche la mediana del tasso di criminalità, oltre che la media aritmetica, raffrontando mafia e legalità. E soprattutto raffrontando mafia e medicina.

@ CarloJr. Nel 2021 i ricavi attesi erano un rispettabile 50 miliardi di dollari per quell’anno per i soli vaccini mRNA. Lo riporta Nature*. Non male per prodotti che vengono fatti assumere tramite i governi, con disinformazione e ricatti. E che pertanto la cui “vendita”, termine improprio trattandosi di inganno tramite paura ed estorsione tramite violenza, quindi, meglio, il cui prelievo fiscale a beneficio di privati, è rinnovabile ed espandibile a piacimento. E la cui base scientifica era stata giudicata, testuale, “s***”, cioè m****, da un premio Nobel, il cui nome viene tenuto coperto, riporta lo stesso articolo di Nature.

Il suo strepito è intonato alla pia glorificazione dei suddetti prodotti contenuta nell’ordinanza 583 del 4 feb 2022 con la quale il Consiglio di Stato ha confermato l’obbligo vaccinale per i sanitari; e così l’epurazione dei medici che non reggono con diagnosi e terapie il gioco mortifero sul covid che continua a produrre e aggrava, dopo due anni di epidemia e di misure draconiane, le pessime statistiche usate per giustificare norme che si servono del degrado morale e materiale come arma per obbligare ai farmaci. Mantenendo così lo stesso circolo vizioso di quando la maggioranza dei medici reiteravano il salasso in risposta al peggioramento delle condizioni del paziente dopo il salasso**.

*The tangled history of mRNA vaccines. Nature, 16 set 2021.
**Il salasso ieri e oggi. La sinergia tra malattia e terapia. Sito menici60d15.

§  §  §

17 febbraio 2022

Blog de Il Fatto

Commento al post “30 anni di Mani Pulite, dall’arresto di Chiesa alla scoperta del sistema. il racconto di Piercamillo Davigo e Gherardo Colombo al Fatto”

Colombo lamenta che per la vulgata la corruzione era una invenzione. Cita gli appalti con le percentuali della sanità lombarda. La corruzione c’era eccome, e lo sanno tutti. Ma con Tangentopoli il ridimensionamento dei vecchi tangentari ha portato all’insediamento della nuova corruzione, quella a favore del grande business internazionale. Che la magistratura favorisce. A partire dal business della sanità. Es. la magistratura “eroica” di allora oggi è piena complice dell’operazione covid e dei suoi scempi tramite la “epistemic injustice”* o la criminalità epistemica, avallando l’epurazione dei medici ed esperti che non reggono il gioco mettendo in atto manipolazioni tecniche omicide che hanno portato a misure strozzinesche con statistiche sulla salute pessime. Hic Rhodus. Ma oggi come allora la magistratura opera in favore dei poteri forti che controllano l’Italia.

Le nostre rivoluzioni, dallo sbarco dei Mille sul quale Lampedusa ha ricavato il concetto di gattopardismo, alla Resistenza sostenuta dagli Alleati, a Mani pulite che ha come sostituito Bontade con Riina, sono bastarde: le intenzioni sane, e anche nobili, si intrecciano con i sudici fili di burattinai esteri che mirano alla sottomissione e allo sfruttamento. Del resto la vergogna Palamara è come lo svergognamento di Mani Pulite, oggi per scardinare e catturare anche la residua indipendenza dei magistrati.

*Bustamante, Dahlman, eds. Argument Types and Fallacies in Legal Argumentation. Springer, 2015.

§  §  §

19 febbraio 2022
Blog de Il Fatto
Commento al post “Perugia, si indaga sulla morte del biologo no vax Franco Trianca: accusato di omicidio colposo il medico di base che firmò l’esenzione”

Nei test statistici sull’efficacia di un farmaco è corretto verificare non solo la possibilità di una maggiore efficacia rispetto al controllo, ma anche quella di una efficacia minore: si usano test di significatività “two-sided”, bilaterali, e non “one-sided”, unilaterali. Magistrati sostengono questa buona prassi statistica (D.C. Baldus et al. Equal Justice and the Death Penalty: A Legal and Empirical Analysis, 1990). Il Procuratore Cantone invece, legato a Renzi e al vescovo Paglia, che hanno forti agganci col business biomedico, considera solo la possibilità che la morte sia una conseguenza di mancate somministrazioni di farmaci da opposizione al vaccino. Non chiede di conoscere le cause di morte per risalire da queste ad eventuali responsabilità. Non parte dai fatti ma dal presupposto a priori che responsabilità sulla morte di un “no vax” in ambito medico non possano che derivare da omessi trattamenti. Non anche da possibili condotte attive scorrette. Le evidenze sugli scambi di attribuzione di cause tra vaccinati e non vaccinati, es. *, e la possibilità di confirmation bias, da parte dei medici selezionati tramite l’obbligo vaccinale, che condizionino negativamente il trattamento dei pazienti con lo stigma “non vax”, esulano dal campo visivo di una magistratura che si è messa alle dipendenze del neo istituito “Ministero della Verità”. E che lo stigma iatrogeno lo alimenta.

* Where’s the evidence for waning vaccine immunity? Gruppo Hart, 17 feb 2022.

@ Max Costantini. Sackett, padre della EBM (venerato da Cartabellotta; che pratica la metodologia di cui si dice seguace come Napoleone de La fattoria degli animali l’uguaglianza; o i 5S ciò che promettevano per avere il voto):

Diagnostic suspicion bias

A knowledge of the subject’s prior exposure to a putative cause (ethnicity, taking a certain drug, having a second disorder, being exposed in an epidemic) may influence both the intensity and the outcome of the diagnostic process.

E’ stato creato un “lysenkoism bias”. Così chiamo il potenziamento, tramite condizionamenti ed eliminazioni dei medici, dei noti diagnostic suspicion bias, expectation bias, confirmation bias, incorporation bias, a danno di non-vaccinati e vaccinati. Cioè tramite la sospensione dalla professione per non essersi vaccinati, le intimidazioni, il discredito, i ricatti, i premi, il bombardamento ideologico. Un bias a danno della salute di singoli; e determinante per l’inaudito perdurare dell’epidemia con le sue “misure” e i conseguenti danni a salute e società. Bias perverso del quale sono responsabili anche i magistrati, che avallano minacce ed epurazioni, fanno tintinnare le manette e prestano la credibilità della loro carica alla propaganda martellante.

I principi costituzionali se sono vivi vivono tra gli uomini: la loro presenza o assenza al letto del malato sta facendo in molti casi la differenza tra la vita e la morte. Sono i magistrati che li tradiscono che come le stelle stanno a guardare da lontane altezze.

@ Max Costantini. Sì, l’ho letto. Leggi tu e fai leggere questo: “Covid-19: politicisation, “corruption,” and suppression of science. When good science is suppressed by the medical-political complex, people die.” 2020. E’ dello executive editor del British Medical Journal. La gente muore se si sopprime, con la forza dello Stato, la dialettica tecnica. E’ dimostrato che c’è una correlazione positiva invece che inversa tra stringency delle misure e decessi. L’Italia è tristemente il paradigma di questa assurdità. Di questa enorme trave nell’occhio, che i magistrati non vedono. L’altro giorno Gratteri ha chiesto pene “proporzionate e proporzionali alla realtà criminale”. Qui non solo non c’è la minima proporzionalità delle misure. Ma con le epurazioni e la criminalizzazione si stanno abolendo le proporzioni, in senso matematico. Una proporzione è un particolare rapporto tra due quantità dove il numeratore è incluso nel denominatore. Es. su 100 medici attivi, x sono contrari alla narrazione ufficiale. Se gli x medici vengono epurati la proporzione va a zero. Resta un rapporto, ma tra una minoranza di esterni che dissentono e quelli con la tessera che operano. Ciò vale anche per altri addetti e decisori. Il mantenimento di una proporzione matematica, cioè di una minoranza critica all’interno del sistema, può essere un criterio di conformità alla Costituzione e all’interesse del Paese per giudicare su ostracismi e discriminazioni di Stato. Per evitare che la gente muoia.

@ Max Costantini. Avrei anch’io una piccola curiosità sociologica: i magistrati cosa provano ad avere sostenitori della tua caratura?

Quanto a “comprendere” io non ne sono mai sicuro e mi interrogo su questo in continuazione. Nel senso che non mi fido della comprensione immediata, prima facie: peste, tragedia, necessità di intervenire col fuoco. “Ovviamente”, “non vi è chi non veda”, etc. Come hanno spiegato Kahneman e Tversky in “Thinking fast e slow”, la comprensione facile può ingannarci. Bisogna scavare. Es. la scuola di Sackett, l’idolo tradito di Cartabellotta, ha analizzato come non sia semplice definire la normalità rispetto alla malattia – o ad una epidemia. Mostra come alcuni criteri “ovvi” siano fuorvianti. E considera tra i validi quello terapeutico: dove la normalità è segnata dal limite oltre il quale le terapie – le misure di contrasto, per una epidemia – dimostrabilmente “do more good than harm”. E qui oggi siamo in una situazione dove le misure sono peggio che niente, come mostra l’accumularsi di segnalazioni di gravi effetti iatrogeni paradossi e di profezia che si autoavvera; e anche la comparazione con tanti altri paesi che badano a non tenersi questa pietra al collo. Un criterio che dovrebbe avere rilevanza sulla liceità delle misure a nodo scorsoio. Dovrebbero chiederselo anche altri, inclusi i magistrati che vantano amici curiae come te, se hanno capito.

@ Max Costantini. No, non ho risposto al tuo insulto ripetuto ma ne ho preso spunto. Tu sei come quelli che nel raccogliere deposizioni prima scrivono le risposte e poi fanno le domande. La procedura giudiziaria della regina in Alice nel paese delle meraviglie. E non solo della madama immaginata da Carroll.

@ Max Costantini. Paraocchi, invasato, ti è partito l’embolo, partito per la tangente, spassosissimo etc. Dev’essere una bella soddisfazione per Cantone avere fiancheggiatori come te. Ma c’è del vero, non perché io sia come ti prendi cura di insozzarmi ma in senso relativo. Indagare a senso unico su una morte anomala – con una tesi precostituita nel senso gradito al potere – e rispondere come fai tu con insulti e dileggio ad argomentazioni, ha una sua serietà. La serietà dell’assicurarsi la pagnotta senza guardare in faccia a nessuno. In questi giorni Speranza ha deciso che la prova di avvenuta guarigione non è sufficiente ai medici per riavere il loro posto di lavoro; devono comunque vaccinarsi. Accettare una simile aberrazione, medica e morale, è come sottoporsi a uno di quei rituali di affiliazione a gang basati sul degrado fisico e morale. E’ anteporre la pagnotta a qualsiasi altra cosa. Tu confermi come questa particolare serietà sia diffusa negli ambienti che difendi a baguette tratta.

@ Max Costantini. You serious? Rileggiti i tuoi di commenti: tu chiami “estremista” chi avanza una critica; e il tuo non presentare l’ombra di un argomento, uno straccio di confutazione, ma atteggiarti a caporale e bofonchiare senza tregua, lo chiami “non essere mai estremista”. Il tuo è l’estremismo della lotta per la sopravvivenza. La pacatezza del terrore del perdere i favori del padrone. E non sei solo. La magistratura “a prescindere” ha enormi responsabilità col suo stare “in riposte mura” e fare capolino per segnalare di essere dalla parte di chi con la scusa della salute sta arando e spargendo il sale non solo sulla Costituzione, ma sui diritti primi, e sulla stessa pratica del diritto. C’è da chiedersi con quale faccia i magistrati si presentano ai loro colleghi di altre nazioni a insegnare come combattere la mafia, dopo ciò che stanno permettendo e favorendo per il covid.

Sul vedermi come estremista; sul vostro credervi moderati; e su ciò in cui dovrebbe consistere il reale “non estremismo”, a partire da chi occupa il posto di magistrato:

“Quando [tutto] si muove in modo uguale, in apparenza non si muove niente, come su una nave. Quando tutti vanno verso la dissolutezza, sembra che nessuno ci vada … Colui che si ferma mette in evidenza l’esagerazione degli altri, come se fosse un punto fisso” (dal Pensiero 592 di B. Pascal).

@ Max Costantini. CENSURATO.

Tu sei tra i soggetti che nella mia esperienza ronzano attorno alle Procure ( Entomologia forense. L’infestazione da troll delle notizie di reato ). Come questa, che aumenta la lunaticità ufficiale sostenendo di potere e volere verificare un omicidio impossibile; ed emettendo così disinformazione che causa reati reali della massima gravità:

Other places discuss the lunacy of the mandatory approach: it is tyrannical (and not a “very important patient safety argument”), and totally counter-productive. For covid, it is clear to anyone who is willing to look at the data that vaccinated populations are not doing better than unvaccinated ones. What is more, there are well-known scenarios (e.g. Marek’s Disease) where leaky vaccines can result in much worse outcomes for the vaccinated population, both individually and as a whole. These statements are not ‘anti vaccine’; they are ‘pro vaccine safety’ and are questions that should be asked to ensure vaccination programmes are made as safe and effective as possible. And these questions are nothing if not pertinent, when it turns out that in Israel, the most Pfizered nation on earth, it has been claimed that 80% of serious covid cases are ‘fully vaccinated’ and “the vaccine has no significance regarding severe illness”? (Reverse Ferret on Vaccine Mandate. Gruppo Hart, 9 feb 2022).

In UK il minacciato obbligo vaccinale per i medici è stato ritirato. L’infamia nella quale inzuppate il pane è tutta italiana.

§  §  §

25 febbraio 2022

Blog de Il Fatto

Commento al post di F. Carraro “Vaccini Covid, se la Consulta dovesse esprimersi sull’obbligo dubito che darebbe il placet”

-… the lunacy of the mandatory approach: it is tyrannical (and not a “very important patient safety argument”), and totally counter-productive. It is clear to anyone who is willing to look at the data that vaccinated populations are not doing better than unvaccinated ones. What is more, there are well-known scenarios (e.g. Marek’s Disease) where leaky vaccines can result in much worse outcomes for the vaccinated population, both individually and as a whole. These statements are not ‘anti vaccine’; they are ‘pro vaccine safety’ […]. And are nothing if not pertinent, when it turns out that in Israel, the most Pfizered nation on earth, it has been claimed that 80% of serious covid cases are ‘fully vaccinated’ and “the vaccine has no significance regarding severe illness” Da: Reverse Ferret on Vaccine Mandate. Gruppo Hart, 9 feb 2022.

– La Costituzione si riferiva alla medicina conosciuta per millenni. Non prevedeva – ma proibisce – l’attuale pazzesco sovvertimento per il quale lo stato di default del cittadino è di non-salute, dal quale si esce solo se lo Stato a suo arbitrio concede uno stato (temporaneo) di salute dietro medicalizzazione, di massa.

– Epurando, contro la Costituzione, i dissidenti mediante il ricatto vaccinale si seleziona una classe medica esecutrice di versioni ufficiali che si stanno rivelando false, socialmente distruttive e iatrogene. Come mostra anche il re nudo della correlazione positiva tra despotismo sanitario e imperversare dell’epidemia.

§  §  §

26 febbraio 2022

Blog de Il Fatto

Commento al post di M.L Iannuzzo, S. Gandini, E. Dragagna, G. Ripamonti “Covid: ai sanitari non vaccinati non basta la guarigione. Perché questa discriminazione?”

In UK la minaccia di vaccino obbligatorio per i medici è stata ritirata dal governo dopo l’opposizione di parte dei professionisti, che l’hanno descritta come “unethical, immoral, discriminatory, ineffective” 1, “lunacy, tyrannical, conter-productive, a totally perverse and amoral bastardisation of science” 2 etc.

Da noi senza una seria opposizione, con gli Ordini e i sindacati i primi a spingere per l’obbligo, la “Junta” è andata oltre, arrivando con questo obbligo di vaccino ai guariti allo hazing, il rituale di ammissione a gruppi chiusi basato sul degrado e l’abuso 3. Sottoporsi a una tale regola implica il calpestare la razionalità scientifica e il non nocere anche verso sé stessi. E accettare l’ideologia psicopatica che la salute la dà la medicina, il corpo essendo altrimenti inerme 4. Non è solo discriminazione: è un criterio di selezione perversa di soggetti moralmente e intellettualmente adatti a condurre sulla popolazione le aberrazioni del covid e della medicina come strumento di profitto e di dominio.

I triti resoconti della “puncitina” sono un pezzo forte della retorica che serve a giustificare la permanenza della mafia di cosca; che giustifica l’ipomafia di Stato, che ora istituzionalizza un rito da affiliazione criminale.

1 Open letter to House of Lords on NHS Vaccine Mandate. Hart 3 gen 2022.
2 Reverse Ferret on Vaccine Mandates. Hart 9 feb 2022.
3 Hazing. Wikipedia.
4 L’esproprio della salute da parte della medicina dei banchieri.

@ Free as a bird. Due titoli de Il Fatto online di oggi: “Anziani in RSA, il grido di dolore dei parenti chiusi fuori da 2 anni: “sono diventati dei lager. Si muore anche di solitudine”. “Anziani in RSA, ennesima modifica per costringere a riaprire dopo due anni. E il comitato parenti lancia lo sciopero delle rette”. Un altro aspetto delle misure orwelliane messe in atto in Italia, su basi posticce e grottesche (come le pezze d’appoggio per l’obbligo vaccinale su coloro che quando c’era la scienza rientravano nella classe “recovered” del modello SIR). Un altro aspetto della disumanità, follia e degrado che le misure spandono; e delle reazioni che suscitano, che vi fanno ghignare.

“La mafia è un fenomeno umano e come tutti i fenomeni umani ha un principio, una sua evoluzione e avrà quindi anche una fine”. Parafrasando Falcone, le epidemie sono un fenomeno naturale, che comincia, evolve e si esaurisce (grazie agli immuni ab initio e ai recovered, che nel vostro covid con la maschera del joker non esistono o sono marginali). Sono le epidemie finte, gonfiate, le epidemie fenomeno umano, le epidemie disegnate da chi manovra la mafia e condotte da chi è imbevuto di cultura mafiosa, che non sono congruenti con la curva naturale e vengono fatte proseguire a piacimento.

§  §  §

1 marzo 2022

Blog de Il Fatto

Commento al post “Carceri, il giudice scelto per guidare il Dap scrive a Cartabia: “Mie frasi equivocate”. Maria Falcone: “Attenuare 41bis? Segnale pericoloso””

La mafia è una istituzione prevista dalla costituzione non scritta: uno standard negativo e un alibi che fa sembrare lecito e lascia indisturbato il grande malaffare legalizzato. Aiuta a mantenerla l’enfasi sul culto dei martiri. Che andrebbero ricordati e onorati non con gare di poesia e recitazione ma con resoconti quantitativi che mostrino quanto ci si è avvicinati all’eliminazione della mafia, l’unica “terapia” valida. Il magistrato scelto dalla custode della costituzione Cartabia addita la scarsa sostanza dietro ai riti antimafia; ma lo fa pro misure che ravvivano il benchmark mafioso, non per rendere effettiva la guerra.

Del resto, per appoggiare i gravi abusi anticostituzionali, anti-diritto, antidemocratici, anti-etici delle “misure” covid i magistrati stanno tradendo il loro dovere primo di preservare la natura induttiva del loro lavoro; di basare cioè azioni e sentenze sul serio accertamento dei fatti. Trasformano il loro compito in deduzione, povera e servile dietro al pomposo latinorum. E a volte pure zoppicante. Con omissioni e interventi che sono deformi quanto ciò che invece dovrebbero raddrizzare. Proprio come i loro sodali scienziati, medici, giornalisti; accomunati dalla degenerazione nel deduttivo, nell’astratto, nello scolastico, nel teologico, di professioni in primis empiriche e induttive. Il ritorno alla tradizione di favorire il babau mafioso fa comodo anche a molti che ne denunciano la contraddittorietà rispetto alla retorica antimafia.

§  §  §

5 marzo 2022

Blog de Il Fatto

Commento al post di A. Bellelli “Pasolini fu l’ultimo grande intellettuale del Pci, che preferì espellerlo”

In matematica ci sono i concetti radiali. Anche le idee politiche sono “radiali”: hanno oltre a un nucleo teorico dichiarato un raggio tacito lungo il quale possono degenerare. Quelle troppo elevate scivolano presto lontano dal nucleo ideale, che viene mantenuto come specchietto.

“Da Nenni e compagni a Craxi e compagnia”. Parafrasando Biagi, da Gramsci a Renzi e i suoi amici. Nessun “errore”. Ma quale Gramsci. I comunisti facevano già il doppio gioco. Applicando la lezione di Gramsci – apprezzato più dagli anglosassoni che da noi – al contrario: la selezione inversa della classe dirigente e intellettuale. Partecipando alle epurazioni di figure scomode ai padroni USA. Pasolini, che era intellettuale in interiore homine, e aveva cercato una casa. O Domenico Marotta, padre dell’ISS che sta a Ricciardi e Brusaferro come don Milani (un altro prima epurato e poi usato per farsi belli) sta a Marcinkus. Scienziati come Marotta non avrebbero fatto dell’Italia la sentina dell’operazione mondiale covid. O Moro, che da PdR non avrebbe fatto il viceré passivo ma ci avrebbe difesi. Tra le attività della triste compagnia guidata da Letta e Franceschini c’è l’eliminazione di voci indipendenti che guastano la vendita dell’Italia. Con mezzi che sarebbero di pertinenza della magistratura penale se questa – che fu già persecutoria con Pasolini – a sua volta non praticasse innominabili commerci coi mandanti delle stragi nascosta dietro ai cartelloni con Falcone e Borsellino.

§  §  §

5 marzo 2022

Blog de Il Fatto

Commento al post di L. Musolino “‘Ndrangheta, arrestato Campisi: era latitante da 2 anni. Il broker della droga era nascosto a Roma. A casa una parrucca e molti libri”

“Oh what a tangled web we weave, when first we practice to deceive” W. Scott.

E’ l’epigrafe di un articolo che spiega i trucchi contabili sulla mortalità dei vaccinati e non vaccinati*. Falsi bilanci criminali che non temono la GdF e le DDA; che stanno dalla parte di Klaus Davi, che strilla in tv istigando ad addossare ai non vaccinati la colpa di una epidemia ottenuta con manipolazioni del genere.

La mafia viene interpretata secondo categorie fumettistiche. Come fa comodo al potere**. Dovrebbe piuttosto essere analizzata con strumenti concettuali che vadano oltre il livello Gomorra. Es. quelli alla base degli structural equations models***. Sotto questo aspetto le letture del mafioso sulla criminalità massonica e sul pasionario dell’antimafia Davi sono del tutto pertinenti alla sua attività criminale. Riguardando variabili latenti, e anche confounders, ovvero poteri che agiscono causalmente sia sulla mafia sia sulle istituzioni antimafia. Come può sperimentare a sue spese, da Lamezia a Brescia, chi sia inviso alle forze, latenti, ma non troppo, che impongono sia la mafia perenne, e quindi l’antimafia perenne; sia questa novità nella storia umana e questa mafiosizzazione della biomedicina, le epidemie rovinose a sorgente stazionaria.

*Public Health Scotland and the misinterpretation of data. Hart, 4 mar 2022.
**I professionisti della metamafia. – L’ipomafia. Sito menici60d15.
***Gli structural equations model per lo studio dei Misteri d’Italia. Sito menici60d15.

§  §  §

11 marzo 2022
Blog de Il Fatto
Commento al post di M. Bella “Green pass, perché è difficile sostenere che sia ancora uno strumento adeguato”

CENSURATO

Per quanto tardivo e annacquato, un discorso che in regno cecorum suona ragionevole e coraggioso, echeggiando timidamente quanto nel resto del mondo è stato già riconosciuto e tradotto senza storie in revoca delle misure, ancorché blande. Ma comunque un discorso ingannevole: i politici sono bifronte, e le due facce sono diverse tra loro. Questa del 5S Bella è la faccia verso il gregge. Quella verso il potere, che è quella che conta, è la faccia con le gote marcate del 5S Sileri, rappresentativa del partito che gabbati gli elettori mantiene e stira verso l’infinito le imposizioni orwelliane della medicina dei banchieri. Imposizioni lesive della salute e distruttive per la società e l’economia.

Di concerto con l’accademico pontificio Ricciardi, la faccia vera di Bergoglio. Una faccia espressiva, cinematografica; da domenicano che nella sala delle torture con malcelato piacere ordina al boia un giro di corda in più. Avrebbe potuto recitare ne “Il nome della rosa”, oltre che come fece ne “L’ultimo guappo”.

E con una magistratura che permette e favorisce la riscrittura in termini mafiosi della Costituzione, con l’obbedienza al ricatto mafioso come dovere e obbligo del cittadino; avendo verso il potere la faccia del suo già portavoce degli interessi di categoria Palamara. Mentre mostra al volgo una faccia severa incorniciata tra quelle di eroi antimafia coi quali ha poco a che fare.

§  §  §

14 marzo 2022

Blog de Il Fatto

Commento al post di A. Marfella “Don Patriciello riceve oggi tanta solidarietà ma mai una risposta concreta”

Il brano di Sciascia mostra che la cattiva antimafia ha come marker il “moral grandstanding” che salta la decenza. Mattarella e c. partecipano alla pirotecnica imbelle. Mentre proclamano campagne di Russia napoleoniche (in realtà la guerra la fanno ai popoli ucraino e italiano, buttando olio sul fuoco e facendoci razziare con le sanzioni) non sono buoni a ridurre all’impotenza a Caivano qualche banda di delinquenti.

Ma l’ombra dei mafiosi da gabbione conferisce per contrasto un’aureola che è una mano santa per affari illeciti di finanza, clero, politici. Es. quelli della farmocrazia* che beneficiano sia della visione estremamente sghemba diffusa da istituzioni, media e figure come Patriciello sui pericoli per la salute della “Terra dei fuochi”**; sia delle firme e esternazioni di Mattarella sull’obbligo e il dovere di assumere in massa da sani farmaci improvvisati che si stanno mostrando sempre meno efficaci e sempre più nocivi per il singolo e la popolazione. Imposti, nella nazione della mafia, del manganello, dell’aspersorio e della loro alleanza, con la violenza santimoniosa; col sostegno della magistratura. Ora chiamata a fare luce sul petardo e su eventuali futuri crescendo che, camorristici o di altra provenienza, sono una provvidenza per interessi criminali promossi da chi occupa lo Stato, e protetti anche mediante sistemi camorristici.

* Pharmocracy. Duke U Press 2017.
**La post-camorra. Dai tagliagole alla chirurgia ingiustificata della tiroide.

§  §  §

18 marzo 2022

Blog de Il Fatto

Commento al post di E. Dragagna e S. Gandini “Covid, alcuni provvedimenti giudiziari ripristinano la retribuzione ai no vax sospesi”

“[is] fundamental that the legal trial carries credibility and retains force and respect with the public because the various parties, judge, jury, opposing counsels, witnesses and police, are independent one from another”; Rennie, JAMA deputy editor, su come i trial clinici, dove chi giudica è controllato da chi viene giudicato, dovrebbero conformarsi a quelli giudiziari. Avviene l’inverso: i magistrati (es. TAR Lazio) si subordinano alle versioni di una delle parti, quella forte di chi occupa lo Stato.

A parte la manipolazione ad hoc della scala valoriale, tipica della medicina for profit e iatrogena*, i magistrati si arrogano un potere che non hanno, omettendo la verifica dei fatti e prendendo per valido un bilancio platonico, avulso dal reale – per non dire un hand-waving – tra tutela della salute e diritto al proprio lavoro. La pesata, col controllo pesi, dovrebbe essere tra asserito valore sanitario della misura afflittiva da un lato e dall’altro inefficacia, danni e rischi quoad valetitudinem et vitam del vaccino, per il singolo e la popolazione. Dati e studi mostrano quest’altro piatto come occupato, e sempre più pesante. Detto altrimenti i magistrati dovrebbero verificare l’unicità della situazione italiana rispetto al resto del mondo (e indagare sulla raggelante correlazione tra stretta a oltranza e cattivi risultati). Il loro abuso di potere coonesta l’eversione degli altri poteri dello Stato.

*Parker et al. Values in breast cancer screening. BMJ, 2015.

§  §  §

1 aprile 2022

Blog de Il Fatto

Commento al post “Scuola, rientrano i prof noi vax. Giannelli (Associazione presidi): “Non è facile trovare un’attività per loro””

§  §  §

Vedi anche:

L’ ipomafia

L’esproprio della salute da parte della medicina dei banchieri

Nuove P2 e organi interni

La fraudocrazia

Coronavirus

Lo knock-on dell’operazione covid in Lombardia orientale

 
%d bloggers like this: