Il bulverismo giuridico e giudiziario su questioni mediche

8 April 2021

1 aprile 2021

Blog de il Fatto

Commento al post di G. Amendola “Allontanare il personale sanitario che rifiuta il vaccino? Una disputa per me insensata: è già un obbligo”

ccc

Il magistrato a riposo Amendola prontamente ipotizza il dolo eventuale per il medico che non si vaccina. Dandogli così dell’untore assassino. Per Lopalco è un ignorante, i cui genitori hanno buttato i soldi facendogli studiare medicina. Per Pregliasco un vigliacco come gli imboscati che in guerra vanno fucilati sul posto.

Davanti agli abusi del potere fare il magistrato, ordinario o della corte costituzionale, fare il medico, è duro e pesante, volendo restare fedeli al proprio dovere. Invece farlo vendendosi al potere è una passeggiata, che per di più porta a benefici e premi. Basta fingere di credere alle scuse addotte dal potere – qui diffuse da fonti corrotte e amplificate dall’incessante propaganda mediatica – senza esaminarle e verificarle nel merito effettivo, assumerle come fatto indiscutibile; e derivarne le misure da prendere verso chi il potere vuole sia colpito o favorito. E’ bulverismo: il dare per scontato colpe che vanno provate e costruire su di esse un castello di “moventi” e provvedimenti. E’ comunissimo e banale nei discorsi da bar e sui blog, ma è di una oscenità da marciapiede quando praticato da chi per professione dovrebbe ragionare in termini di diritto o di scienza. Il bulverismo giuridico, giudiziario, medico, quali che siano i fasti che ottiene e la damnatio delle sue vittime, resta bassa prostituzione. E le diffamazioni e calunnie che senza pudore urla dal ciglio della strada sono parte del mestiere.

ccc

@ unbrazotronador. L’ossimoro è una figura retorica, in cui si accostano parole di senso opposto. E’ comunemente e scorrettamente usato per dire “contraddizione”. Ormai dovrebbe essere considerata tra le figure retoriche anche la supercazzola, della quale lei dà un saggio.

@ unbrazotronador. “Rifiutarsi di obbedire a un ordine per qualunque motivazione che voglia tutelare la propria persona [in guerra] non è mai concesso”. Concordo con lei che chi rifiuta di farsi iniettare deve pure rifiutarsi di somministrarlo agli altri. C’è un passo impressionante di “Un anno sull’altipiano” di Lussu – che lezioni di coraggio lui sì, poteva darne – di un giovane tenente che accetta di andare a morire consapevole di stare obbedendo a un ordine folle. Questa non è una guerra. Già prima del covid la war metaphor in medicina è stata descritta come un espediente retorico (lei da militare tende prenderli troppo sul serio) volta a spingere i pazienti a farsi massacrare es.*. Si può obbedire ad ordini suicidi pure per vigliaccheria; trascinando con sé la truppa di cui si è responsabili, se si è ufficiali. Non è un buon soldato chi non guarda in faccia il nemico, ma si lascia rimbambire dalla propaganda. La metafora guerresca ormai è un doubletalk orwelliano, dove la codardia è chiamata coraggio. Accadde una inversione simile con la vile complicità su Moro. Sembra di vedere Sordi ne Il borghese piccolo piccolo che nella prova del coraggio beve il liquido misterioso per l’iniziazione alla loggia massonica (“E’ Petrus”). Come distinguere? Dalle conseguenze, se la scelta rende o si paga.

Sulla deontologia ed etica professionale medica con rispetto credo non sappia di cosa sta parlando, o cosa sta ripetendo.

*Avoiding the breast cancer ‘warrior’ trap. The Cut. 12 ago 2014.

@ Alex57. Il “bulverism”, termine coniato da C. S Lewis, è elencato nelle fallacie logiche. Basta fare un piccola ricerca su internet. Comunque in versione semplificata “vordì” “se la cantano e se la suonano”, e questo dei magistrati, e dei medici tanto più se con poteri dirigenziali, nun lo ponno fa’.

@ downwind. Si tratta di basare imposizioni gravi su assunti non adeguatamente provati, dandoli per scontati. Se l’Autorità si presenta con la siringa e ti dice “no jab, no job”, chi non si fa bucare non mangia, ha l’onere di verificare e dimostrare che ciò cui ti obbliga in deroga ai diritti naturali, alla Costituzione, al principio di precauzione, in presenza di rischi gravi accertati, sia giustificato. Invece secondo downwind se il siringando osserva che non è giustificato è lui che si sta sottraendo all’onere della prova e sta facendo un ragionamento circolare; un “argomento” questo tra i tanti che spiegano perché il British Medical Journal abbia pubblicato una lettera che esaminandola definisce woeful* , miserabile, la qualità di “prove” sulle quali si basano le violenze dell’operazione covid. Violenze che qui il magistrato più monarchico del re sostiene essere già legittime implicitamente nella normalità, attribuendo a vaccini ultra-sperimentali e con una casistica di effetti avversi gravi un “al di là di ogni ragionevole dubbio” che le stesse case produttrici riconoscono non sussistere, non garantendo né efficacia né sicurezza. Il bulverismo è quello di Amendola, Cartabia e c. , non di chi essendo del mestiere dice no, e manda così anche un segnale al pubblico.

*Evidence of asymptomatic spread is insufficient to justify mass testing for Covid-19. BMJ, 16 div 2020.

ccc

I troll a latere

Il commento ha suscitato un diluvio di attacchi da parte di troll. Il loro fiancheggiamento di livello infimo, pronto, smodato e parossistico, a posizioni pro-establishment di magistrati evidenzia quelle responsabilità e affinità della magistratura nella frode medica strutturale che restano in genere in ombra. Qui le risposte a parte degli attacchi, troppo numerosi e voluminosi, oltre che sudici, per riportarli. Sono reperibili nei commenti all’articolo originale de Il Fatto.

ccc

@ Gloomy. Mi spiace per il dottor Amendola. Dopo una vita passata a discernere cosa è giustizia, intervenire, potendolo evitare a favore dell’obbligo di assumere un farmaco che diverse nazioni (es. Germania, Olanda) ritirano. L’obbligo a chi per professione e dovere deve astenersi da cure pericolose. Un magistrato che vuole obbligare ad assumere un farmaco che viene vietato come pericoloso. Il covid attacca la mente, e non risparmia quelle che dovrebbero essere più pronte e allenate. Il contrappasso per il celebre magistrato è ritrovarsi “troll a latere” come il vostro gruppetto.

@ Pasquale Incoronato. Presentare come un dovere l’obbedire agli ordini prescindendo dal loro eventuale contenuto iniquo si chiama “Nuremberg defense”, “difesa di Norimberga”, la linea di difesa dei gerarchi nazisti a Norimberga. Ai cui crimini non furono purtroppo estranei medici e infermieri; infatti ne scaturì la dichiarazione di Norimberga del 1946; che oggi viene disattesa, come denunciato da medici e scienziati da più parti, incluse alcune israeliane. Lei enuncia la “giurisprudenza di Norimberga”, che calpesta la dichiarazione di Norimberga con la difesa di Norimberga. Sul carattere di quelli che la impongono, lei che parla di deliri di onnipotenza, v. gli studi sulla dark triad sociopatica, il classico “La banalità del male” e anche “L’umiltà del male” di F. Cassano.

@ Monica Rossini. L’aspirante Selvaggia Lucarelli mi rivolge una fallacia genetica montata su un bisbetico e sgangherato attacco ad hominem falso e diffamatorio. La fallacia genetica (componente del bulverismo) confuta un argomento non sul contenuto ma attribuendogli origini negative. Su questo si basano i siti anticomplottisti cui fa ricorso la mondina che le erbacce le pianta. La regola n.1 del troll farmaceutico è: qualsiasi cosa pur di allontanare dalle sacre magagne. Cioè dal merito della versione ufficiale. Purtroppo anche magistrati, che poi non a caso si ritrovano coi troll a latere, emettono condanne, qui il togliere il lavoro, assumendo a priori, come entità sacra, la versione dei fatti di una delle due parti; la parte grossa e potente (anche se ha pesanti precedenti giudiziari per frode, v. Pfizer).

P.S: su Razza mi interrogavo su quali fossero le finalità, osservando che per esperienza vissuta suoi compagni siciliani sono per me livello fratelli Greco. Ho anche detto che parti opposte dell’establishment appaiono mosse dallo stesso Mangiafuoco, in uno schema naif buoni/cattivi; nell’ambito del livello infantile necessario alle frodi e perciò ferreamente mantenuto; come mostra anche questa piazzata da pescivendola col pesce avariato.

@ Monica Rossini. Ho già perso troppo tempo con lei. Se insiste sarò costretto a rivolgermi all’ufficio preposto all’igiene dei banchi alimentari. E poi vi lamentate che la gente compra il pesce surgelato al supermercato.

@ Downwind. Umberto Eco, “la pietra di Pappagone della cultura italiana” (Marcello Marchesi), era bravo con questi giochini linguistici che appagano i mediocri. La vostra consegna è complicare il semplice e rendere semplicistico il complesso. Vi sono parole utili mancanti. Bulverismo è una. Bhopal ha parlato di “zugzwang” per descrivere la situazione covid: una posizione degli scacchi dove ogni mossa è svantaggiosa e occorre quindi considerare tutte le opzioni, per quanto sgradevoli. Si usano invece parole comuni elevate ma rese logore e sudice dall’uso ipocrita: soccorso agli anziani (i lockdown non funzionano e possono aggravare il peso di ondate epidemiche sugli anziani; chi lo mostra ha usato un’altra espressione poco nota e utile sul covid: “exception fallacy”*); la salute prima di tutto (nella più gigantesca operazione iatrogena); nessuno resti indietro (mentre si sta dissanguando l’economia); etc. Altra parola mancante è quella che permetta di evitare l’equivoco tra test positivo e “caso”, cioè malato e contagioso. E’ stato proposto “infezione fredda”. Li si potrebbe chiamare contatti. Ma in questa “guerra” vile, dove si parla di fucilare sul posto chi non ci sta, i soldati che vengono a contatto col nemico o che lo hanno battuto sono contati come feriti e caduti.

*Too Little of a Good Thing A Paradox of Moderate Infection Control. Epidemiology, 2008. 19:588.
Stay‑at‑home policy is a case of exception fallacy: an internet‑based ecological study. Nature portfolio 2021.

@ Downwind. L’articolo che cito mostra la qualità miserabile delle evidenze con le quali si impongono misure. Si riferiva alla trasmissione tra asintomatici, che tra l’altro è tra le giustificazioni della vaccinazione universale e di quella ai sanitari. L’articolo che lei trionfalmente cita come conclusivo “INITIAL report …” dice nelle poche righe dell’abstract “might reduce”, “potrebbero ridurre” “real-world dataset” e un pozzo di scienza come lei sa che real world è eufemismo per osservazionale, che a sua volta , ha scritto Prasad, on hot topics are a self-fulfilling prophecy; “hint at a potential lower infectitousness” “accenna a una potenziale minore infettività”. E queste me le chiama prove? Se ci fossero “prove” non ci sarebbe bisogno di troll come lei, che tromboneggiano come paglietta agitando prove che non ci sono. Mi mostri evidenze non woeful della asserita catastrofe pandemica da asintomatici, mi mostri evidenze della vantaggiosità di vaccini che stanno venendo ritirati da vari Stati in Europa e in America per gli effetti collaterali gravi. Effetti capaci di provocare patologie come trombosi cerebrali che se lasciano vivi possono portare al suicidio. Mi mostri gli effetti, a oggi ignoti, a lungo termine di prodotti ad attività genica, mai usati in massa prima, e di una classe nota per provocare cancri.

@ Downwind. Chiariamo una cosa, quella che conta: i dati e le interpretazioni disponibili non consentono di giustificare un obbligo vaccinale. Giustificazione che è menzognero e indegno dare per assodata o scontata. Con trucchetti come quello dell’industriale vinicolo che non potrebbe fare come l’oste perché valuta i suoi “CENTINAIA DI MILIONI” (cit.) di litri. Come se non ci fossero stati farmaci blockbuster introdotti alla carlona che hanno prodotto e producono miliardi di euro di utile essendo inefficaci, o autentiche stragi essendo dannosi. Questo volere impressionare coi numeri del venduto è da piazzisti in cerca di argomenti. Capisco che le analisi su una emergenza che porta di queste misure secondo i troll le possano fare solo i televirologi, i politici e magistrati allineati e i troll stessi. Abbiamo avuto un Ioannidis, lo scienziato più citato, censurato da Youtube, in un tripudio di concerti e assolo di ragli intonati alla versione ufficiale. Per chi, come gli ignoranti del BMJ secondo questo supporter di Amendola, pensa sia saggio, e sia suo dovere se è in posizioni decisionali, sentire anche pareri diversi di esperti qualificati: FDA Releases Pfizer COVID Vaccine Safety Data: Should You Take It? Briggs, 16 dic 2020.

@ Downwind. Io indico le analisi di uno statistico, lei mi risponde a chiacchiere. Ho una formazione più che sufficiente a non farmi intimidire dalla matematica e riconoscere bluff e manipolazioni quantitative grossolani. Una disinformazione pseudoscientifica che non è molto diversa – ed è anche materialmente e culturalmente vicina, dato il peso di grandi operatori finanziari nell’attuale medicina – da quella sfacciata che un collaboratore esterno de Il Fatto, il prof. Scienza, matematico, meritoriamente spiega in materia di risparmi e investimenti delle famiglie. Osservo da anni queste cose, e il supporto di troll a grandi proclami su dati incerti, di poca sostanza e gravemente omissivi è tipico. Es. qui lei e la sua amica; che insistete alla Napalm51 nel dire che non riporto i link di ciò che cito per paura che vengano aperti. Mi pare di essere tra quelli che più presentano documenti, a sostegno e per approfondimento. Ho smesso di farlo tramite link perché a) il Fatto non permette ai commentatori link veri e propri, ma solo la trascrizione dell’ URL. In passato il Fatto ha bloccato miei post nei quali avevo inserito link. 2) il titolo è più informativo dell’URL e permette comunque di aprire agevolmente, senza differenza di sforzo, il documento facendo copia e incolla (meglio se tra virgolette) su Google. Comunque, anche se mi tocca parlare con voi, con lei e i suoi compagni della stessa pasta, quando scrivo e do referenze non parlo a voi.

@ Gloomy. Anche se fosse come lei malevolmente insinua, non sarebbe sbagliato. Perfino il giudice nell’emettere una sentenza si affida, in ultima istanza, alla sua sensazione, ha osservato un celebre giurista USA, Posner. E qui il fumus fregaturae cominciano a sentirlo in tanti.

Una sanzione da parte di istituzioni che abbiano perso onore e credibilità è solo una ottusa rappresaglia, che non “corregge” ma rafforza le posizioni di chi abbia la serenità data da una coscienza pulita. Un altro concetto che andrebbe usato in questi frangenti è “sistema Montante”, quello dove i mafiosi si presentavano come paladini dell’antimafia e facevano classificare come mafiosi gli onesti avvalendosi di poteri dello Stato corrotti.

@ Gloomy. Anche senza i 10 punti esclamativi, la sua è una descrizione non troppo velata di una corporazione che vuole avere potere giudiziario vita et neci sull’attività lavorativa e la reputazione di chi sia costretto a iscrivervisi e allo stesso tempo, complici istituzioni sorelle non meno compromesse, sottrarsi alle responsabilità di sanzioni arbitrarie e abnormi, prive di basi non dico giuridiche o tantomeno scientifiche, ma logiche; ponendo in essere epurazioni che vanno a colpire non solo “l’imputato”; ma, selezionando una certa tipologia di medico (v. sotto) anche la società che, nell’astratta e remota teoria che ne giustifica l’esistenza, la corporazione avrebbe il dovere di tutelare. Per lei i capi corporazione (eletti da un ridotta minoranza) sopra il camice bianco sovrappongono legittimamente e doverosamente la toga; per me sono burocrati che, obbedendo a input esterni come tante altre volte negli snodi nefasti del Paese, applicano la deontologia di Glenglarry Glen Ross (titolo italiano “Americani”): una Cadillac Eldorado al piazzista che vende più robaccia, licenziamento per chi non vende. (Per chi poi sollevi la questione della qualità di ciò che il boss fa piazzare, rappresaglie in puro sistema Montante).

@ Gloomy. Gli Ordini hanno già adottato misure analoghe a quella dell’eliminazione di soggetti scomodi prima di un golpe. L’aggiunta di arroganza, di insulti e velate minacce rende il bulverismo più molesto, e più evidente nella sua natura sleale.

@ Gloomy. “«Maestà, credo che dovrete ingoiare questo limone» disse Mussolini a Vittorio Emanuele III dopo la firma del patto d’acciaio con la Germania nazista. Non alludeva al patto, ma all’opportunità di conferire il collare dell’Annunziata a von Ribbentrop, ministro degli esteri germanico.” (cit.). L’accompagnare una imposizione fascista e stupida con l’espressione strafottente “la devi ingoiare” non è un buon segno. Speriamo che le sue spacconate da piccolo gerarca impettito e coi rialzi negli stivali non siano preludio a sviluppi tragici per la popolazione come avvenne allora.

@ Gloomy. “Tra i colleghi sono ben pochi”. Se è per questo uno studio del 2009 mostra che il 95% degli urologi e il 78% dei medici di famiglia USA sopra i 50 anni si sottoposero al test di screening del PSA. Fatto ritirare dalla USPSPTF perché rende “”limp and leaking” “floscio e gocciolante” senza reale necessità, il mio categorico e irrevocabile vaccinatore. Bisognerebbe esaminare la reale distanza tra la figura fantasmatica del medico-scienziato e quella dello sciamano che crede ai rimedi che propina.

@ Gloomy. Dottore NoCostituzione, continua pure a diffonderti nel mostrare quali sono gli argomenti, lo spirito e l’assetto mentale coi quali servi l’imposizione delle inoculazioni covid. Stai fornendo un saggio interessante del fronte nel quale militi come avanguardista; tanto più che dici che molti tuoi colleghi sono in sintonia con te.

§  §  §

Blog de il Fatto

28 giugno 2021

Commento al post “Covid, Crepet: “Nel Cts non c’è neanche l’ombra di specialisti in psiche. E l’ordine dei medici tace. Chi paga  danni subiti dai ragazzi?””

Gli psicologi sono centrali nell’operazione covid, con la manipolazione della paura e il “nudging” (Dodsworth L. A State of fear). Fin troppo (The dubious ethics of covert psychological “nudges”. Hart, 24 giu 2021).

Per Crepet “tanti non si vogliono vaccinare perché in giro c’è un’ignoranza spaventosa”. Ieri qui sul Il Fatto: “Claudio Amendola: chi si rifiuta di vare il vaccino è un ignorante”. A chi non vaccinandosi prendesse sul serio lo psicologo dei salotti tv e il bravo attore che ha sniffato l’aria del momento, e si sentisse mortificato e confuso dalle diagnosi di ignoranza, segnalo l’articolo “Outcome reporting bias in Covid-19 mRNA Vaccine Clinical trials”. Che riporta tra l’altro come sia strano che la tecnica ad mRNA all’improvviso funzioni, dati i precedenti; che in base ai dati di chi la vende la reale riduzione di rischio è intorno all’1%, non intorno al 95%; che questo modo di riportare “la scienza” “mislead and distort the public’s interpretation of COVID-19 mRNA vaccine efficacy and violate the ethical and legal obligations of informed consent.”

“È questo è il vero male dell’Italia: la furbizia degli italiani, ovvero quella millantata furbizia che invece in realtà è solo mascalzonaggine.” (Claudio Amendola: “Il vero male dell’Italia? La ‘mascalzonaggine’, travestita da furbizia” Il Fatto, 26 feb 2015). Diverse professioni stanno istigando la creazione di categorie di “inferiori” per ingraziarsi, furbescamente, le stesse forze che impongono la legge Zan.

@ Claudio Bramini. E’ lei che difende il diffondere informazioni fuorvianti sostenendo che le informazioni corrette sarebbero la stessa cosa. Con una falsa analogia: un conto è dire che il tasso alcolemico elevato causa un aumento del rischio relativo di incidente mortale di oltre il trentaseimila percento (dai suoi odds); e quindi imporre il fioretto di non bere a un numero ridotto di persone in particolari circostanze, prima di guidare. Un altro è inoculare l’intera nazione con sostanze ad effetti non ben noti, e possibilmente gravi e permanenti. Ottenute “miracolosamente” in un lampo dopo decenni di tentativi infruttuosi, sia per i vaccini per coronavirus in generale sia per la tecnologia mRNA.

I tanti esperti che avvisano sul non imbrogliare vendendo il rischio relativo come rischio assoluto sanno di cosa parlano. Sia Pfizer e Moderna e gli esperti che ripetono il dato ingannevole e nascondono così il quadro autentico, sia l’autore del quale riporto le osservazioni e gli editors e i referee che hanno pubblicato il suo lavoro, sanno di cosa parlano; nel manipolare e nel denunciare la manipolazione, rispettivamente. Probabilmente non lo si sa da un certo livello in giù, tra quelli che ripetono a pappagallo. E che sono pronti all’insulto: ignorante, straparla, etc. Il suo contributo è di mostrare la volontà di mentire a oltranza e con arroganza, certi dell’impunità. Che riporta al tema del post, il ruolo inconfessabile della psicologia delle masse nell’operazione covid.

%d bloggers like this: