Entomologia forense. L’infestazione da troll delle notizie di reato

20 September 2021

“No certe cose non si scrivono / che poi i giudici ne soffrono” (Paolo Conte)

Raccolgo qui, a partire dal 2021, le infestazioni da troll delle notizie di reato. Cioè casi di trollaggio particolarmente pervicace e volto a screditare e oscurare. Spesso sono anche casi di “censura del Gatto e la Volpe”. Una particolare forma di censura unita alla diffamazione in risposta a mie critiche all’attività giudiziaria dei magistrati o a fatti ad essa riferibili. Come il Gatto fa sparire, facendone un boccone, il Merlo bianco che stava mettendo sull’avviso il burattino, il giornale di Peter Gomez lascia che troll mi insultino, ma censura le mie risposte agli insulti. Soprattutto se come è in genere il caso evidenziano aspetti di merito. Oppure cancella una mia critica nel merito e lascia gli insulti di risposta ad essa. Giornalisti e magistrati* sono il Gatto e la Volpe della disinformazione e della costruzione sociale della realtà mediante l’effetto del teorema di Thomas**, basilari per le frodi mediche istituzionalizzate che denuncio. Le censure del Gatto e la Volpe sono riportate col numero progressivo in rosso in Commenti censurati da “Il Fatto”. Al 28 febbraio 2022 sono i numeri, 23, 24, 30, 33, 35, 36, 46, 50, 51, 57, 59, 62-68, 70,71, 75, 76, 79-81, 85, 86, 90, 91.

* Nuove P2 e organi interni
** “Quando situazioni vengono definite come reali, sono reali nelle loro conseguenze”

23 agosto 2021

Blog de Il Fatto

Commento al post “Sparò a vigilante che lo aveva invitato a mettere la mascherina: fermato un 57enne

Le circostanze, come le norme “jab for job” – se non la conoscenza di fatti illeciti pregressi che una magistratura onesta dovrebbe avere già accertato – dovrebbero indurre il magistrato a considerare la possibilità che il reato – dai tratti assurdi – sia stato costruito ad hoc, con una “pecora”. A me risulta che vi sia una ricerca di questi gesti folli, per trasferire l’aura di violenza dallo Stato alle vittime. Per criminalizzare chi resiste a norme criminali. Come le nuove clausole Shylock inserite nei contratti di lavoro: mantenimento dello stipendio in cambio del controllo farmacologico sulla carne del dipendente. Mi risulta che i supermarket siano luoghi strettamente controllati, e usati da uffici affari riservati a fini di stalking, che includono la creazione di incidenti. Purtroppo mi risulta anche che chi dovrebbe tutelare la legalità partecipi invece a questo sforzo bellico verso la popolazione.

Questo commento, di 810 caratteri, è stato infestato da sette troll con 22 commenti sordidi per 8850 caratteri. Riporto lo scambio completo come esempio di infestazione da troll di notizie di reato, che ho descritto in una delle risposte ai troll:

Entomologia forense. L’infestazione da troll delle notizie di reato

@ G76, Marrano, Conway, Non Rosso, hotrats2, E. Galway, M. Rossini etc. Giorgio Bocca ha scritto che “incomprensibile” a volte significa “inconfessabile” (Italia malada). Barthes, che screditando uno scritto come incomprensibile si guadagna il favore degli stupidi: il non capire diviene segno di acutezza (Miti d’oggi). Maynard Keynes, che è difficile fare capire una cosa a chi trae di che vivere da un lavoro basato sul non capire quella cosa. “Il peggior sordo è chi non vuol sentire”. Affermazioni come “fonti accreditate, ignorate, avvisano che l’uso permanente delle mascherine è inutile, dannoso e può prolungare l’epidemia favorendo l’evoluzione di varianti”, “vi è un interesse a screditare la critica e la resistenza agli obblighi come quello della mascherina”, “mentre lo Stato usa violenza vile togliendo il lavoro a chi non accetta il controllo farmacologico sul corpo”, “le istituzioni italiane hanno una vergognosa tradizione nel servire operazioni false flag”, “la probabilità di una revolverata per una mascherina non è superiore a quella che sia una sceneggiata” e il loro accostamento, possono come tutto essere discusse, ma è singolare che attirino tanti insulti. Al tempo di internet il pronto arrivo di nugoli di troll per rendere illeggibile l’esposizione di possibili reati coprendola e imbrattandola con attacchi personali dovrebbe essere valutato, da una magistratura come si deve, come un indizio.

Conway: Ciccio, se non vuoi mettere la mascherina sono fatti tuoi, ma dopo non puoi entrare nei locali pubblici. E il malato negazionista è fortunato, qui a Sassari un malato negazionista ha provato ad entrare con la forza nel supermercato ed è stato sbattuto fuori in malo modo dagli stessi clienti, credo che abbia perso qualche dente nell’incidente. Se sei un cafone malato e non vuoi rispettare le regole sociali, va bene, ma allora devi stare lontano dalla società.

@ Conway: Giusto. Anzi, perché non fare della mascherina un’onorificenza, per i cittadini particolarmente ligi a questo alto dovere, e guardiani dell’obbedienza altrui ? Ci sono già stati il Collare dell’Annunziata e l’Ordine della Giarrettiera. Una bella mascherina in pesante broccato, decorata con fronde di quercia e d’alloro. Magari dopo i postumi dei danni da mascherina, eroicamente sostenuti (47 studies confirm ineffectiveness of masks for COVID and 32 more confirm their negative health effects. Young children being forced to wear masks is of particular concern. Lifesite, 23 lug 2021). Lo stemma araldico dell’Ordine dei Tappati potrebbe essere quello di un cane che festoso porta con la bocca il guinzaglio e la museruola al padrone per la passeggiata.

Conway: Delle tue fonti e delle tue geremiadi non me ne può fregare di meno. La legge è chiarissima, se vuoi entrare in un supermercato devi indossare la mascherina. Non vuoi farlo? Benissimo. Allora farai la spesa nei cassonetti.

@ Conway: A quelli come te c’è chi risponderebbe il classico “allora vengo a mangiare a casa tua?”. Tanto più che potrebbero prendere come un invito a casa tua il tuo ordine di cibarsi dai cassonetti.

Conway: Non credo proprio, io rispetto la legge e uso la mascherina perciò faccio la spesa nei supermercati. Sei tu che non puoi entrare perchè non la vuoi usare quindi fai la spesa nei cassonetti.

@ Conway: “Se vuoi mangiare, o giri come gli altri senza faccia o rovisti nei cassonetti”. Che devi avere dentro. Sei il complementare del presunto “o senza mascherina o sparo”. Mostri quali pulsioni, quale genere di persone si vogliano smuovere con input come questo dello sparatore di Ostia.

Monica Rossini: Lifesite = questionable source. Vuol dire che é una fonte discutibile. “LifeSiteNews far right biased for story selection that always favors evangelical Christianity and Questionable based on the promotion of conspiracy theories, pseudoscience, and many failed fact checks (…)” https://mediabiasfactcheck.com/life-site-news/.

@ Monica Rossini: Chi respinge il merito dei 47 diversi studi citati con la motivazione che li ha elencati un sito che dei suoi amici giudicano “questionable source” è a un livello ancora più basso di quello di ”far right, conspiracy theories, pseudoscience, etc.”.

Monica Rossini: Non c’é bisogno di respingere il merito per valutare le fonti. La credibilità delle fonti serve a chi le cita, in questo caso a lei. Altri siti strumentalizzano quei 47 studi. E’ meglio sorvolare, vero? Anche sul merito, l’analisi tecnica delle fonti é uno strumento importante, permette di capire la motivazione editoriale. Se una persona sta bene oppure non tanto da poterla intendere.

Hotrats: O dalle sue parti gira roba particolarnente potente o ha bisogno di farsi vedre da uno veramene bravo…

@ Hotrats: Può darsi: voi troll mi apparite come le scimmie alate a difesa della strega cattiva del mago di Oz. Soprattutto dopo che Gomez vi lascia sempre l’ultima parola. Di potente vedo solo i mandanti; mentre la truppa che gestisce, conniventi i magistrati, questo nuovo terrorismo, forse anche pilotando gli opportuni attentatori, come ai tempi dei questori e dei generali dei CC iscritti alla P2, mi appare fatta di lillipuziani. E dire che i vostri datori di lavoro pensano di introdurre gli allucinogeni a scopo terapeutico (An international trip: global experts weigh in on psychedelics. Medscape, 31 mar 2021). Fortuna che ci sono quelli in soccorso dei quali svolazzate che mantengono le giuste proporzioni, che allontanano i mostri del sonno della ragione: imponendo il “chi non si fa bucare non mangia”; o la mascherina come rimedio all’errore di natura di lasciare a tutte le specie le vie aeree libere; e esibendo no vax schizzati che sparano per il giusto rimprovero di chi ha una coscienza sanitaria e un alto sentire civico.

ettore galway: Lei vede chi Le obietta come scimmie alate. Se Lei invece pensa di apparire come una persona intelligente, equilibrata e di buon senso, è mio dovere disilluderLa totalmente e radicalmente.

@ ettore galway: “E’ mio dovere”. Animo nobile. Lei dev’essere un caposquadriglia. Se non lo è lo diverrà.

ettore galway: Non ecceda con i sentimenti di riconoscenza. Comunque non vedo cosa c’entri il ruolo di caposquadriglia: infatti la mia vista difettosa mi ha precluso l’arruolamento in Aereonautica.

@ ettore galway: Non faccia il modesto. Mi riferivo alle winged monkey, sulle quali ha ripiegato e dove del resto la vista difettosa aiuta nelle incursioni. In Aeronautica un tempo c’erano gli aerostieri dirigibilisti, e lei lì sarebbe stato prezioso, data la spinta aerostatica della quale è dotato.

ettore galway: Mi scusi ma la Sua sbrodolata è incomprensibile. Se vuole insultare veda di farsi comprendere e non di fare ridere.

@ ettore galway: Le ho risposto che lei è un troll e un pallone gonfiato. Dica la verità, all’esame per entrare nell’Aeronautica la visita optometrica non è stata l’unico test che è andato male …

ettore galway: Troll e pallone gonfiato: bravo, sta migliorando. Si limiti a restare a questo infimo livello e non si gonfi la bocca con paroloni.

@ ettore galway: Non ho problemi a visitare il fango nel quale abita chi es. si riduce a fare il troll. Humani a me nihil alienum puto. Ops. Per le parole e le frasi difficili, provi a vincere la sua avversione – comprensibile – con le parole crociate e un buon vocabolario.

ettore galway: In effetti ha sbagliato: la frase esatta è “Homo sum, nihil humani a me alienum puto”. Glielo ripeto: non cerchi di elevarsi gonfiandosi la bocca con paroloni e si limiti agli insulti. E’ quello il Suo livello, ed è lì che deve restare.

@ ettore galway: La pedanteria non è un pregio: se guarda con attenzione, e vi medita per qualche tempo, scoprirà che le due versioni sono equivalenti. Inoltre la frase è di Terenzio, Heauton Timorumenos, secondo la latinlibrary.com è: “homo sum: humani nil a me alienum puto.” Quindi semmai sarebbe la sua ad essere non del tutto esatta. Gli esami attitudinali dell’Aeronautica ai miei tempi includevano il Minnesota Multiple Personality Inventory. Nel suo si può trovare il perché invece di solcare i cieli lei sguazza nella mota.

Marrano: Da quello che leggo, mi sembra chiaro che lei vuole solo dimostrare di essere un fighetto, cianciando con termini che di italiano hanno nulla. La sua boria è veramente a livelli altissimi, tanto da farle odiare tutto e tutti. Lei fa veramente molta tristezza.

@ Marrano: Credo anch’io che sia stato messo in gioco, facendovi leva, il fattore psicologico che lei dice: la possibilità offerta a individui oppressi da dolorose consapevolezze su sé stessi di nutrire un senso di superiorità, e di potere sfogare la frustrazione insultando, assumendo il ruolo di depositari della coscienza civica e atteggiamenti di condiscendenza. Era questo il tipo umano che andava ad arruolarsi nelle squadracce. E che oggi si aggrega a qualsiasi struttura dove possa così mimetizzarsi, a sé stesso non meno che agli altri. E’ il vostro tempo: «La smania poliziesca … trova vero sfogo solo nei periodi di guerra, di occupazione ecc. … presso i falliti, gli invidiosi e i mediocri in genere … costituisce un fenomeno psicologico particolare che merita di essere approfondito. Raramente la venalità è assente, ma sarebbe sbagliato considerarla il motore esclusivo; in questo genere di atteggiamento, infatti, la ricerca di un tornaconto personale cresce il più delle volte insieme ad altri moventi non meno intensi: senso d’inferiorità o di frustrazione (su cui anche solo una parvenza di successo presso gli altri può agire come un’intollerabile provocazione), desiderio di darsi importanza, una certa forma di esibizionismo, un rispetto innato nei confronti del Potere, dell’Ordine stabilito, delle Autorità, in pratica un certo istinto da sbirro, e un odio profondo verso tutto quello che appare non conforme, differente, eterodosso, eretico» (Simon Leys).

Non Rosso: la possibilità offerta a individui oppressi da dolorose consapevolezze su sé stessi di nutrire un senso di superiorità, e di potere sfogare la frustrazione insultando, assumendo il ruolo di depositari della coscienza civica e atteggiamenti di condiscendenza”, ecco, rendersi conto di avere un problema è il primo passo per superarlo, ora però deve fare anche tutto il resto del percorso

@ Non Rosso: Si fa presto a partire con ottimi propositi e degenerare nel pessimo. Preferisco non seguire indicazioni su punto di partenza e percorso date da uno che batte il blog trolleggiando per i 5S, quelli il cui breve percorso dagli ideali iniziali – ai quali diedi un contributo – al voltafaccia non appena ottenute le poltrone è “meretricious”.

Non Rosso: “Si fa presto a partire con ottimi propositi e degenerare nel pessimo”, e se lo dice lei c’è da crederci, anzi no, nel suo caso non si può neppure parlare di ottimi propositi, i suoi commenti sono semplicemente deliranti. Per inciso, nessuno dice che lei debba seguire le mie indicazioni, semplicemente che, dopo 128 mila morti da covid, la finisse con castronerie del tipo “sforzo bellico verso la popolazione” quando si parla di vaccini, green pass e mascherine.

@ Non Rosso: Fui favorevolmente colpito nel vedere, in uno spettacolo del Grillo pre-governativo, esibito un grafico che mostrava che il declino della mortalità da malattie infettive è stato in gran parte precedente all’introduzione dei vaccini. La versione popolare di analisi che restano sepolte negli scaffali delle biblioteche (es. The Questionable Contribution of Medical Measures to the Decline of Mortality in the United States in the Twentieth Century. Milbank Memorial Fund, 1977). Oggi i 5S non è che riconoscano i giusti meriti di alcuni vaccini; sono passati ad idolatrarli tutti e a farsene agenti. Fino a proporre la vaccinazione forzosa col 5S, già AN, Sileri. Nel riponderle ero indeciso se definire il percorso per il quale lei fa il troll “meretricious” o “come quello di Animal Farm di Orwell”. Vedo che ho fatto la scelta giusta.

Non Rosso: L’unica scelta giusta che avrebbe potuto fare lei è evitare di commentare ed evitando così di dare prova delle sue turbe mentali. Per il resto, di quello che dice (o diceva) Grillo mi interessa relativamente (anni fa, prima di scoprire le taumaturgiche virtù di internet nei suoi spettacoli distruggeva un computer spiegando quale bluff fosse la rete) ed i suoi restano i deliri di un esaltato con parecchi problemi completamente disconnesso dalla realtà.

@ Non Rosso: Ci credo che il primo Grillo, quello che sembrava avere una sincera vena di critica sociale e politica, venga messo in soffitta dai 5S attuali. Oggi su Il Fatto: “Valentina Nappi furiosa contro i no vax: non li voglio sul set”. Vi ci vogliono maitresses a penser adeguate alla nuova maison, pardon, alla nuova mission…

Non Rosso: “Vi ci vogliono maitresses a penser adeguate alla nuova maison, pardon, alla nuova mission”, divertente, peccato che quelli che eleggono a propri maître à penser il primo che la spara più grossa siano i no-vax. no-green pass, no-mascherina che lei, con il disprezzo che nutre per la realtà, rappresenta appieno. P.s. La vedo un po’ fissato con il “meretricious”, le “maisons”, Valentina Nappi…chissà, forse, come si dice “la lingua batte dove il dente duole”

@ Non Rosso: Sì, penso spesso che vada riconosciuto il problema del meretricio politico, dove si adescano gli elettori con promesse nobili per poi fare l’opposto, togliendo loro in questo modo il diritto di eleggere chi li rappresenti. Grillo esagerava, parlando dei parlamentari come “nostri dipendenti”. Anche l’obbligo di mandato pone problemi. Qui però si è nella situazione opposta, e ci vorrebbe una specie di legge Merlin. A lei sembra una fissazione perché non ci fa caso: col lavoro che fa queste cose ”non le vede più neanche con gli occhiali”.

Non Rosso: “Sì, penso spesso che vada riconosciuto il problema del meretricio politico”, Valentina Nappi e le “maisons” hanno poco a che fare con la politica, capisco che lei si abituato ad arrampicarsi sugli specchi, ma a tutto c’è un limite. Per inciso, col lavoro che faccio io sono abituato a valutare i fatti ed ignorare le sparate prive di fondamento di individui problematici come lei

@ Non Rosso: Il lavoro che fa lei qui standomi attaccato ripetendo che sarei psicotico è vicino a quello di Valentina Nappi che dichiara inammissibile il sesso sul set con non vaccinati; e si professa ammiratrice della Capua, che, dice la pornostar, “ha una bella storia” (storia che comprende assoluzioni per prescrizione e intercettazioni dove la scienziata dice “chi mi rompe il * deve crepare”). Siete entrambi nel circo mediatico contro chi non si vaccina e non crede alla versione ufficiale. E siete gomito a gomito anche per le scelte di vita di base, accomunate da una loro spenta rassegnata serietà, la serietà dell’assicurarsi la sopravvivenza e qualche agio a qualsiasi costo. L’unica serietà che le si può riconoscere, e che vale la pena notare perché la si legge anche negli occhi degli esperti che come pagliacci recitano menzogne assurde davanti al pubblico per sostenere l’epidemia.

Non Rosso: Io non ho detto che lei sia psicotico, ho detto che ha dei problemi, ma se quella è la diagnosi che chi la segue ha fatto, ne prendo atto. Non ho neppure detto che sia vicino alla Nappi, solo che sia ossessionato e che non possa fare a meno di farlo notare con continui riferimenti alla succitata Nappi (da lei tirata in ballo) alle “maisons” e al “meretricious” (singolare scelta terminologica). E no, io non faccio parte di nessun circo mediatico mentre solo qualcuno di parecchio problematico (come lei) potrebbe decidere di vaccinarsi o meno sulla base delle dichiarazioni della Nappi. Evito quindi di commentare la scelta di chi non “non crede alla versione ufficiale” (su quali basi?) o peggio blatera circa “l’assicurarsi la sopravvivenza e qualche agio a qualsiasi costo” di pagliacci come lei che tacciono delle vittime vere della pandemia (oltre 128 mila) scrivendo castronerie e menzogne prive di qualsiasi fondamento.

@ Non Rosso: Commento di 810 caratteri che segnala la possibilità che un reato oggetto di procedimento giudiziario abbia componenti istituzionali e finalità eversive. Infestato da 7 troll con 23 commenti sordidi per 8800 caratteri.

G76: La discussione diventa proprio stravagante. Di certo non mi farò “pungere”, ma la mascherina la uso eccome. E appena finirà questo delirio, continuerò ad usarla. Primo perchè mi ha fatto evitare diverse altre contaminazioni (batteriche,virulente e biologiche), secondo perchè mi mimetizza e mia moglie non riesce a riconoscermi se vado in giro con le mie amanti (questa è per sorridere un po’). Poi una piccola riflessione, per chi si sente “super”: Il Superuomo e la Superdonna (questo è uno dei pochi campi in cui vige la parità) si sentono talmente nel giusto da affibbiare la patente di «sfigato» a chi subisce le conseguenze della loro ingiustizia. Tutto gira talmente intorno a loro che alla fine gli gira anche la testa. E si convincono che chi rispetta e pretende che si rispettino le regole non lo fa per convinzione, ma solo perché non osa infrangerle. Ai loro occhi il «bravo cittadino» è una persona complessata e infelice che non conosce il vitalismo insito nella trasgressione ed è vittima di un lungo elenco di frustrazioni che si riassume in quell’aggettivo colmo di disprezzo e sparato in faccia come una sberla: «Sfigato!».

@ G76: Stravagante? Il pistolero di Ostia che, a fagiolo, mostra che i no mask sono matti da legare; la diagnosi di ordinanza di patologia psichiatrica per chi riferisca di reati eversivi istituzionali. Lei che scrive di superuomini egocentrici, sprezzanti, schiaffeggiatori, drogati del “vitalismo insito nelle trasgressioni”. Nell’imporre la pezza che copre la faccia si usa il “defacing”, il negare e cancellare il volto di chi non accetta. Probabilmente covava già e ora si incoraggia ad esternarlo. Anche dato l’eccesso emotivo, credo che bisognerebbe partire dall’altro capo, quello, omesso, del merito biologico. Es. legga, se non tutta la bibliografia che ho citato dati i suoi impegni amatori, almeno “Is a Mask That Covers the Mouth and Nose Free from Undesirable Side Effects in Everyday Use and Free of Potential Hazards?” 2021. Pensi (e dovrebbe pensarci anche il magistrato, nel considerare i possibili moventi occulti e il sicuro danno sociale del pistolero) che fonti ufficiali ora considerano che il “rispetto delle regole” sulle mascherine possa spiegare l’anomalo prolungamento dell’epidemia, favorendola: “Non-pharmaceutical interventions such as mask-wearing and social distancing shape the environment in which a virus transmits and may act as selection pressures for increased viral transmission”. (SAGE, 26 lug 2021). Le piccole comuni miserie personali sono state imbrigliate – tramite la mediazione dello Stato – al servizio di forze sociopatiche della massima scala.

G 76: Guardi, ha ragione marrano, non si capisce quello che scrive. Le frasi sono piene di termini incomprensibili e mischiati, la semantica non è chiara e la sintassi confusionaria. Comunque, se si capisce lei, siamo tutti contenti.

@ G76: Entomologia forense. L’infestazione da troll delle notizie di reato

@ G76, Marrano, Conway, Non Rosso, hotrats2, E. Galway, M. Rossini etc. Giorgio Bocca ha scritto che “incomprensibile” a volte significa “inconfessabile” (Italia malada). Barthes, che screditando uno scritto come incomprensibile si guadagna il favore degli stupidi: il non capire diviene segno di acutezza (Miti d’oggi). Maynard Keynes, che è difficile fare capire una cosa a chi trae di che vivere da un lavoro basato sul non capire quella cosa. “Il peggior sordo è chi non vuol sentire”. Affermazioni come “fonti accreditate, ignorate, avvisano che l’uso permanente delle mascherine è inutile, dannoso e può prolungare l’epidemia favorendo l’evoluzione di varianti”, “vi è un interesse a screditare la critica e la resistenza agli obblighi come quello della mascherina”, “mentre lo Stato usa violenza vile togliendo il lavoro a chi non accetta il controllo farmacologico sul corpo”, “le istituzioni italiane hanno una vergognosa tradizione nel servire operazioni false flag”, “la probabilità di una revolverata per una mascherina non è superiore a quella che sia una sceneggiata” e il loro accostamento, possono come tutto essere discusse, ma è singolare che attirino tanti insulti. Al tempo di internet il pronto arrivo di nugoli di troll per rendere illeggibile l’esposizione di possibili reati coprendola e imbrattandola con attacchi personali dovrebbe essere valutato, da una magistratura come si deve, come un indizio.

Monica Rossini: “A volte” scrive Bocca. E qui il caso non é affatto incomprensibile. La sua mossa di scrivere incomprensibile ad artificio é carenza/assenza della capacità di confronto utile. La ignora, non la conosce, non l’ha mai praticata. Non sa. Mancanza di sintesi, deformazione dei termini, semantica e sintassi confusa. Serve ad rappresentare un livello superiore, nel peggiore -già funzionale- dei casi, a se stesso. Identità precaria che cerca conferme. Tipico nell’adolescenza. Isolamento, disagio, mancata osservazione da adulti. Non deve approfittare degli assenti. Quegli autori potrebbero risentirsi, prendere distanza da lei con fastidio (sinonimo di…?). E non lo aveva pensato, giustamente.

Monica rossini: La manipolazione del senso e delle parole é più che mai attuale. Lo scopo in genere può essere di distrarre dai temi, danneggiare il giusto confronto e la normale dialettica. Ma in questo caso anche meno, ovvero disturbare per risentimento. Provocare per impiegare il tempo. In ogni caso, voler scrivere-pensare male é SEMPRE un danno. A meno che non sia uno show. In due righe, il sig. menici, testuale: “come ai tempi dei questori e dei generali dei CC iscritti alla P2, mi appare fatta di lillipuziani. E dire che i vostri datori di lavoro pensano di introdurre gli allucinogeni a scopo terapeutico” E purtoppo no, non é uno show di Lenny Bruce o Belushi.

§ § §

Un altro caso, di poco precedente, che riguarda anch’esso la repressione del dissenso tramite criminalizzazione, e tramite operazioni di stalking e gaslighting.

CENSURATO IN BLOCCO, INSIEME ALLA INFESTAZIONE DEI TROLL, DOPO LE CENSURE DELLE MIE RISPOSTE

29 luglio 2021
Blog de Il Fatto
Commento al post di Agenzia Vista Alexander Jakhnagiev “Pesaro, 500 no vax sotto casa del sindaco Matteo Ricci. Lui: “Squadristi, non sapete cosa sia la libertà. Vaccinarsi è dovere civico”

Le intimidazioni sotto la propria casa sono praticate anche verso i medici contrari agli affari della biomedicina che il partito di Matteo Ricci serve (e che servono anche gli altri partiti). Anche mediante l’uso dei poteri del Comune. Ho un filmato di una aggressione e ferimento gratuiti sotto casa, a colpi di rastrello, su suolo pubblico, con la scusa che quell’area era stata concessa a privati dal Comune. Senza che nessun avviso lo segnalasse. Il filmato mostra come gli aggressori dichiarino di essere stati istruiti dai CC su come restare impuniti. Né il Comune né i CC hanno risposto alle mie richieste di spiegazione; se non con ulteriori rappresaglie. Le macchine spazzatrici della municipalizzata si presentano in pieno giorno per cospargermi di polvere. I danneggiamenti all’auto, fiancate, gomme, fanali, tergicristalli, specchietti, interni, parabrezza, non si contano. C’è un catalogo di sistemi per molestare sotto casa. Ora è di moda la violenza privata, es. il non farmi entrare in casa quando arrivo col le borse della spesa, con un postino piazzato con lo scooter acceso sul marciapiede che blocca l’ingresso imperturbabile, per minuti. In USA si parla di “toxic culture” della medicina; nello stesso distretto di Corte d’appello della morte di De Donno viene praticata liberamente, con le istituzioni che non costituiscono un problema ma un appoggio e una garanzia di impunità. Fa parte della preparazione e dello svolgimento dell’operazione covid.

YstreetB: Ammetto che il postino in scooter che temporeggia per farla entrare in ritardo ingaggiato dai poteri forti mi mancava.Grazie :D

@YstreetB: Se l’argomento la interessa, nel mio post “ Censura postale delle notizie di reato ”, sito menici60d15, c’è il filmato della scena.

Ezio: E’ colpa dei Rettiliani. Il Covid deve nascondere le prove che la Terra è piatta. Ma le demoplutocrazie massoniche governate dai Templari non vogliono farcelo sapere. Resistere. O andare da un medico.

Censurato @ Ezio: E’ appena uscito uno studio per il quale l’efficacia del vaccino Pfizer è di 6 mesi, e si parla di terzo booster. Non perdere tempo con un povero non-ariano, corri a metterti in fila per l’inoculo salvifico.

FabCap: Ha dimenticato la potente lobby delle macchine spazzatrici. Certo che invece dal postino non me lo sarei proprio aspettato. Sembrava una cosi brava persona e invece niente, anche lui affiliato alla lobby dei netturbini.

Censurato @ FabCap: Ha maggiore rilevanza il fatto che il presidente della municipalizzata fosse amico personale di Mattarella, e che i lanci di sporcizia abbiano regolarmente seguito le mie critiche su internet a Mattarella. Gli spazzini non sono una lobby. Sono un gruppo di clientes, pronti a mostrare la loro gratitudine a chi li ha fatti assumere, e nella speranza di altri benefici. Come te e gli altri lanciatori di spazzatura, del resto.

Pino: Forse dovresti sporgere denuncia, no postare commenti. E comunque i tuoi problemi non cancellano ciò che è stato fatto a Pesaro.

@ Pino: Ogni volta che segnalo gli abusi ai magistrati, me ne arrivano il doppio. Dovrebbe essere ovvio che gli abusi degli amministratori DS e c. pro Big Pharma non cancellano gli abusi verso il sindaco DS pro Big Pharma di Pesaro. “Two wrongs don’t make a right”. Però bisogna informare quando certi fanno come quello che menava e gridava che lo stavano picchiando.

Caliban: Io fossi in lei applicherei il metodo Ciarelli

@ Caliban, Leggo che i Ciarelli sono un clan mafioso. Non sono buono, e poi credo che con gli ipomafiosi istituzionali le vie debbano essere altre. Inoltre, un aspetto particolare della toxic culture in medicina è che va a costituire una autopunizione per chi la esercita, conformando la medicina a disegni fraudolenti. E di zelanti tirapiedi che hanno assaggiato sulla loro pelle, e sugli organi interni, la medicina per la quale hanno lavorato con azioni infami ne ho già visti diversi.

FabCap. La clozapina funziona piuttosto bene e tra l’altro ha ridotti effetti extra-piramidali. Si faccia aiutare.

@ Fabcap. Ho anche la fortuna di risiedere nella città dove ha fatto scuola lo psichiatra cattedratico incaricato di definire pazzo Aldo Moro; Cossiga affermò che i magistrati erano d’accordo. Uno psichiatra in ottimi rapporti con magistrati locali; ha superato indenne noie giudiziarie per perizie favorevoli a mafiosi.

FabCap. Sul serio, si faccia aiutare.

Censurato @ Fabcap. Detto da chi obbliga ad andare in giro con la mascherina, vuole vaccinare i bambini contro il parere di specialisti e le decisioni di altri governi, e vorrebbe (sottosegret. Zampa) l’esibizione di un lasciapassare anche per potere andare a fare la spesa. Ha qualche nome di terapeuti di sua fiducia?

hubble1. Secondo me hai totalmente ragione . Anche perché mi guarderei bene dal darti torto. Ci tengo alla mia incolumità.

@ hubble1. Per fortuna oltre ai giudici di Pinocchio ci stanno i gendarmi di Pinocchio, gente che non sa cosa sia la paura, quindi puoi stare tranquillo sul pericolo che io reiteri i reati dei quali mi sono già macchiato subendoli.

§  §  §

4 ottobre 2021

Blog de Il Fatto

Commento al post di F. Boero “Navi dei veleni: il caso di Otranto raccontato da Maritati è più attuale che mai”

Un altro magistrato scrittore* pugliese e eletto nei DS; come Carofiglio che in tv chiama chi non si vaccina “free-rider”; “scrocconi”, spiega Parenzo col quale fa un duo.

La lotta al potere può essere dal basso, genuina, o top-down, indotta dal potere per suoi disegni. (Un concetto utile per il caso Lucano). Conosciamo tutti i rischi che ci vengono rappresentati con le storie sulle “navi dei veleni”. Mentre non si parla dei rischi del benzene che con la benzina “verde” ha sostituito il piombo tetraetile. La tossicità ematopoietica, la capacità di provocare leucemia mieloide acuta e altre gravi malattie**. Lo respiriamo ogni giorno, ignari, imbevuti della propaganda giuliva su distributori e auto; mentre abbiamo viva l’immagine dell’ombra tenebrosa della mole di una nave sul fondo del mare.

Così pericoli alla salute in atto e diffusi vengono nascosti, stornando l’attenzione su aspetti ad alto impatto narrativo che non mettono in crisi il sistema. E che hanno il vantaggio aggiuntivo della paura che, depurata da responsabilità, viene diffusa perché spinga verso il business della biomedicina, come quello delle sovradiagnosi di cancro, altro tabù che viene favorito da questi allarmi strategicamente piazzati.

Nell’attività giurisdizionale, politica, autoriale, i magistrati tendono ad alimentare le denunce top-down e a soffocare quelle bottom-up.

*I magistrati scrittori. Sito menici60d15.
** Benzene. In: Casarett and Doull’s, Toxicology, the basic science of poisons, 2019.

Vedi il susseguente scambio con troll in : I magistrati scrittori

§  §  §

4 gennaio 2022
Blog de Il Fatto
Commento al post di Fabio Scacciavillani ” e bufale dei no vax si sprecano: che fine ha fatto l’articolo 656 del codice penale?”

I magistrati stanno già facendo tanto “non muovendo un dito”. Mortalità giornaliera da covid del 3 gennaio 2022 (media mobile su 7 giorni) riportata da Worldometer il 4 gennaio 2022: Svezia 2 (due). Italia 144. In Svezia tale indice, riporta Worldometer, è sotto ai 10 decessi/giorno dal 22 maggio 2021. Procure a tre scimmiette su se l’approccio svedese, conservativo e basato su nozioni scientifiche consolidate, sia stato impedito da una caterva di violazioni dell’art. 656 CP (e di ben altro), portate a giustificazione di misure arbitrarie e spiritate, senza precedenti, senza proporzione, e senza logica rispetto alle finalità dichiarate.

I no-vax causerebbero danno disinformando; o sono i pro-regime a farlo? Scacciavillani mostra come tra lo zelo rampante degli esecutori su commissione e una magistratura che usa l’inchiostro delle sue penne come i molluschi cefalopodi emettono il loro, cioè per fuggire, la legalità sia stata ridotta, perfino sui diritti e doveri dell’informazione, a un gioco a somma zero; a una giustizia-duello dove ha ragione il meglio armato.

Fabio Scacciavillani: Io di bufale ne ho elencate oltre venti (e sono un piccolo sottoinsieme di quelle diffuse ogni giorno).
Elenca tu le bufale di cui parli. Scommettiamo che non sarai in grado di citarne nemmeno una? E ammesso che riesci a trovarne una, spiegaci quale pericolo costituirebbe per l’ordine pubblico.

@ Fabio Scacciavillani. Se vuoi l’analitico delle fake ufficiali, guardati attorno, e guarda i miei precedenti commenti, sito menici60d15. Ma prima mostrami tu, che accusi di reati penali, come le “verità” della versione italiana siano messe in pericolo dalle “bufale” che corrispondono alla versione svedese. E mostrami, visti i risultati opposti delle due scuole nazionali, come non sia il contrario. E non giocare con me ai surrogate endpoint, logoro trucco delle frodi mediche. Né allo scambiare di posto di posto offensore e vittima: “… trovar qualche modo d’attaccarlo noi in criminale, e mettergli una pulce nell’orecchio; perché, vedete, a saper ben maneggiare le gride, nessuno è reo, e nessuno è innocente” (Azzeccagarbugli, scambiato Renzo per l’offensore). E sarebbe a tutela del decoro personale e istituzionale che non lo facessero neanche i magistrati che tu inviti a divenire braccio armato di una serie di aberrazioni della medicina e del diritto. Pochi anni fa fece un invito simile al tuo, scrivendo alla Procura di Roma, anche “Escuela de mecanica” Ricciardi, che ora invoca le più crudeli punizioni per chi non si vaccina. Quando era a capo dell’ISS. Molto diverso dal suo benemerito predecessore Marotta, oggetto di un omicidio morale massonico-giudiziario negli anni ’60. I magistrati farebbero bene a ricordarsi di queste pagine poco onorevoli della loro storia, delle pregresse epurazioni e piacerini, che hanno attinenza con quanto accade.

Quello che avevo scritto in riposta a un commento:

Stefano Placido: Se vuoi essere credibile devi fare raffronti fra paesi con situazioni simili, climatiche, ambientali e di popolazione, quindi inutile paragonare Svezia e Italia o Usa e Africa, il paragone giusto da fare è il seguente: Svezia 10 mln di abitanti, da inizio pandemia 1,31 mln di casi e 15310 morti, Norvegia 5,3 mln di abitanti, da inizio pandemia 405000 casi e 1305 morti, Danimarca 5,8 mln di abitanti, da inizio pandemia 840000 casi e 3292 morti, Finlandia 5,5 mln di abitanti, da inizio pandemia 277000 casi e 1592 morti (fonte CSSE al Jhons Hopkins University). Basta la quinta elementare per fare una semplice equazione e capire quale è stato l’approccio giusto…

@ Stefano Placido. CENSURATO; CANCELLATO DOPO ESSERE STATO PUBBLICATO:
Dovresti prima dimostrare come si sia una tale loss of generality tra Svezia e Italia che ciò che salva in un luogo massacra nell’altro. Premessa che è al livello della zampa della gru di Chichibio. Il tuo non è un approccio da 5° elementare. Sia perché è contro intuitivo, sia perché è senza senso. E’ un approccio fake. Recupera il buon senso di un bambino di 10 anni. O almeno fai come fabiomax qui sotto e gli altri troll, e limitati agli insulti. E alle minacce (se possibile senza invocare l’azione giudiziaria della magistratura).

Quello che il Fatto mostra:

Stefano Placido: Se vuoi essere credibile devi fare raffronti fra paesi con situazioni simili, climatiche, ambientali e di popolazione, quindi inutile paragonare Svezia e Italia o Usa e Africa, il paragone giusto da fare è il seguente: Svezia 10 mln di abitanti, da inizio pandemia 1,31 mln di casi e 15310 morti, Norvegia 5,3 mln di abitanti, da inizio pandemia 405000 casi e 1305 morti, Danimarca 5,8 mln di abitanti, da inizio pandemia 840000 casi e 3292 morti, Finlandia 5,5 mln di abitanti, da inizio pandemia 277000 casi e 1592 morti (fonte CSSE al Jhons Hopkins University). Basta la quinta elementare per fare una semplice equazione e capire quale è stato l’approccio giusto…

bobxmas. Tanto non ci arriva. Ogni tanto nei commenti infila, qua e là, espressioni in inglese con cui forse spera di intimidire l’interlocutore: moving average, loss of generality, surrogate endpoint… Se gli chiedi esempi di bufale ufficiali, invita a “guardarsi attorno” e poi cita come fonte… se stesso. Infatti ha un sito dove raccoglie tutti i suoi commenti. Credo che in questa occasione abbia ragione chi chiama in causa il cosiddetto effetto Dunning-Kruger: ad una competenza pressoché nulla corrisponde un’altissima opinione di sé.

@ bobxmas. Un indice che considero è la riposta troll. Per ora qui 12 commenti troll da parte di 5 soggetti. E’ interessante la “milizia” che qui accompagna Scacciavillani nella sua richiesta di azione giudiziaria. Vedi “Entomologia forense. L’infestazione da troll delle notizie di reato”

ALTRA RISPOSTA CENSURATA:
menici60d15 @ Andrea Bellelli: “Delicato” è l’eufemismo standard, l’ambigua metonimia, per “illecito istituzionale da commettere con la destrezza del borseggiatore”. Ma ormai la delicatezza, cioè il legerdemain, non è necessaria più di tanto: siamo al punire tramite lo Stato la denuncia dei reati del potere. Quanto accade è lo scoppio degli accumuli di morchia cresciuti negli anni, e il loro libero fluire. E’ già avvenuta facilmente la cattura della medicina e la sua conversione a strumento di coloro che dovrebbero stare nel gabbione di corte d’assise. Ora appare essere il turno della giustizia. La presa del potere mediante esecutori vili ma senza freni ricorda la scena della camicia nera che indossò le insegne istituzionali di chi aveva appena ucciso. “Si prese come aiutante un anziano capomanipolo della milizia, certo Mattarella, che nel 1921aveva ammazzato un capostazione e poi se ne era messo in testa il berretto rosso.” (G. Fusco. I ragazzi di Cucarasi. In: Le rose del Ventennio).

Riccardo Orioles: Paragonare gli assassini fascisti al legittimo e costituzionale rispetto delle leggi è una operazioni più fasciste che possano essere messe in atto.

@ Riccardo Orioles. CENSURATO, INSIEME AL COMMENTO DI ORIOLES: Mie precedenti risposte a troll su questa richiesta di intervento della magistratura sono state censurate (è scomparsa quella “Dovresti prima dimostrare come ci sia una tale loss of generality tra Svezia e Italia… “. Non so se anche questa difesa da insulti non sapete quanto vili farà la stessa fine. Sto scrivendo su questo a Gomez, all’Ordine dei giornalisti e al CSM una nota. Titolo: “Complicità alleate sul covid: censura e manipolazione dell’esposizione di fatti rilevanza penale e diffamazione del denunciante a favore di una magistratura omissiva su Il Fatto”. Tu mi dai dell’ultrafascista. Il fascismo scorre nelle vene degli italiani, come intuì Gobetti. Ieri fu sollecitato, più che creato, dal fascismo mussoliniano; oggi partecipate – senza sapere di cosa state parlando – al fascismo dei banchieri. Anni fa mi hai già dato del “Mafioso”. Il racconto di Fusco – un giornalista che “watchdog” lo era davvero, non un Melampo di Pinocchio che chiede ai magistrati di fare il giudice di Pinocchio – per me è fondamentale per comprendere il genere di antimafia alla quale tu appartieni, e che infatti chiamo “l’antimafia dei ragazzi di Cucarasi”.

Altri scambi:

fabiomax: In italiano, si vaccini e non spari aria fritta, che già ce n’è troppa.

Kenny Craig. Palla in tribuna e tanta caciara, vedo. Prova anche con dei fumogeni.

bobxmas: Ma che raffronti da grande scienziato! Svezia e Italia negli ultimi mesi! Fra un po’ ti posto qualche raffronto tra Svezia e Paesi della stessa area, come Norvegia e Finlandia, che hanno applicato politiche più simili a quelle italiane.

@ bobxmas: Per la Finladia oggi Worldometer riporta una moving average di decessi di 10; con 5.5 milioni di abitanti, la metà della Svezia. Cioè ha dieci volte più decessi. E comunque “come l’Italia” non c’è nessuno. Questa è una goccia del diluvio di tipica manipolazioni dei pro-regime, che Scacciavillani mi invita a mostrare. Mentre chiede ai magistrati di perseguire i bugiardi per difendere gli onesti.

fabiomax: Questo naturalmente è quanto delira “menic_ecc.”. Poi si torna alla realtà. Smettila tu ed i tuoi compari di ammorbare l’aria, che siete solo un danno ed un pericolo per la società. Meno male che le persone perbene ed informate restano la maggioranza.

bobxmas: ggi? Statisticamente molto significativo.
Finlandia: pop. 5.500.000, decessi totali 1.600
Svezia: pop. 10 milioni, decessi totali 15.300 Norvegia: all’incirca stesse proporzioni della Finlandia.
Mi fermo qui perché a quanto pare lei semplicemente non ha gli strumenti minimi indispensabili per capirci qualcosa. Se vuole parlare di questi temi, meno Agamben e più testi scientifici.

@ bobxmas. Italia: 2288 morti/milione con la versione che Scacciavillani vuole protetta dal codice penale. Svezia: 1500 morti/milione con la versione da punire penalmente per Scacciavillani. Meno “boutique di investimento” (dal resumè di Scacciavillani). I testi scientifici glieli sconsiglio perché lei è evidentemente inadatto, sotto più di un profilo.

Fabio Scacciavillani: Signora mia, in Svezia sono guariti tutti miracolosamente. Deve essere passato Babbo Natale
https://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2022/01/04/record-di-casi-di-covid-in-svezia-positivi-anche-i-reali_f0314b77-974f-4004-9a92-0826fa8e4197.html

@ Fabio Scacciavillani: Come ha ragione. In Svezia avranno evitato danni alla dignità, alla democrazia, all’economia, ma sono finiti con due decessi da covid in un giorno e entrambi i reali col raffreddore. Meno male che il nostro duce, coi giornali che riportano 259 decessi in un giorno, vuole mettere il vaccino obbligatorio. E aggiungere al togliere il lavoro a chi non si fa mettere l’agocannula le multe: dal ricatto all’estorsione. Speriamo che la magistratura si svegli, e faccia una retata di complottisti, che vorrebbero farci finire come gli svedesi. Lei ha fiuto: e estendendolo ad altri campi spiega che se Svezia e Italia fossero titoli, non solo bisogna investire su Italia, ma bisogna arrestare chi cerca di spacciare i titoli spazzatura Svezia.

§  §  §

19 febbraio 2022

Blog de Il Fatto

Commento al post “Perugia, si indaga sulla morte del biologo no vax Franco Trinca: accusato di omicidio colposo il medico di base che firmò l’esenzione”

Nei test statistici sull’efficacia di un farmaco è corretto verificare non solo la possibilità di una maggiore efficacia rispetto al controllo, ma anche quella di una efficacia minore: si usano test di significatività “two-sided”, bilaterali, e non “one-sided”, unilaterali. Magistrati sostengono questa buona prassi statistica (D.C. Baldus et al. Equal Justice and the Death Penalty: A Legal and Empirical Analysis, 1990). Il Procuratore Cantone invece, legato a Renzi e al vescovo Paglia, che hanno forti agganci col business biomedico, considera solo la possibilità che la morte sia una conseguenza di mancate somministrazioni di farmaci da opposizione al vaccino. Non chiede di conoscere le cause di morte per risalire da queste ad eventuali responsabilità. Non parte dai fatti ma dal presupposto a priori che responsabilità sulla morte di un “no vax” in ambito medico non possano che derivare da omessi trattamenti. Non anche da possibili condotte attive scorrette. Le evidenze sugli scambi di attribuzione di cause tra vaccinati e non vaccinati, es. *, e la possibilità di confirmation bias, da parte dei medici selezionati tramite l’obbligo vaccinale, che condizionino negativamente il trattamento dei pazienti con lo stigma “non vax”, esulano dal campo visivo di una magistratura che si è messa alle dipendenze del neo istituito “Ministero della Verità”. E che lo stigma iatrogeno lo alimenta.

* Where’s the evidence for waning vaccine immunity? Gruppo Hart, 17 feb 2022.

Max Costantini. hai letto e compreso tutto quello che c’è scritto nell’articolo oppure alla sola lettura del titolo ti è partito l’embolo no-vax ed hai dovuto per forza attaccare chi sta indagando? La mia è pura curiosità sociologica.

@ Max Costantini. Sackett, padre della EBM (venerato da Cartabellotta; che pratica la metodologia di cui si dice seguace come Napoleone de La fattoria degli animali l’uguaglianza; o i 5S ciò che promettevano per avere il voto):

Diagnostic suspicion bias

A knowledge of the subject’s prior exposure to a putative cause (ethnicity, taking a certain drug, having a second disorder, being exposed in an epidemic) may influence both the intensity and the outcome of the diagnostic process.

E’ stato creato un “lysenkoism bias”. Così chiamo il potenziamento, tramite condizionamenti ed eliminazioni dei medici, dei noti diagnostic suspicion bias, expectation bias, confirmation bias, incorporation bias, a danno di non-vaccinati e vaccinati. Cioè tramite la sospensione dalla professione per non essersi vaccinati, le intimidazioni, il discredito, i ricatti, i premi, il bombardamento ideologico. Un bias a danno della salute di singoli; e determinante per l’inaudito perdurare dell’epidemia con le sue “misure” e i conseguenti danni a salute e società. Bias perverso del quale sono responsabili anche i magistrati, che avallano minacce ed epurazioni, fanno tintinnare le manette e prestano la credibilità della loro carica alla propaganda martellante.

I principi costituzionali se sono vivi vivono tra gli uomini: la loro presenza o assenza al letto del malato sta facendo in molti casi la differenza tra la vita e la morte. Sono i magistrati che li tradiscono che come le stelle stanno a guardare da lontane altezze.

Max Costantini. Ripeto la domanda. Hai letto e compreso l’intero articolo?

@ Max Costantini. Sì, l’ho letto. Leggi tu e fai leggere questo: “Covid-19: politicisation, “corruption,” and suppression of science. When good science is suppressed by the medical-political complex, people die.” 2020. E’ dello executive editor del British Medical Journal. La gente muore se si sopprime, con la forza dello Stato, la dialettica tecnica. E’ dimostrato che c’è una correlazione positiva invece che inversa tra stringency delle misure e decessi. L’Italia è tristemente il paradigma di questa assurdità. Di questa enorme trave nell’occhio, che i magistrati non vedono. L’altro giorno Gratteri ha chiesto pene “proporzionate e proporzionali alla realtà criminale”. Qui non solo non c’è la minima proporzionalità delle misure. Ma con le epurazioni e la criminalizzazione si stanno abolendo le proporzioni, in senso matematico. Una proporzione è un particolare rapporto tra due quantità dove il numeratore è incluso nel denominatore. Es. su 100 medici attivi, x sono contrari alla narrazione ufficiale. Se gli x medici vengono epurati la proporzione va a zero. Resta un rapporto, ma tra una minoranza di esterni che dissentono e quelli con la tessera che operano. Ciò vale anche per altri addetti e decisori. Il mantenimento di una proporzione matematica, cioè di una minoranza critica all’interno del sistema, può essere un criterio di conformità alla Costituzione e all’interesse del Paese per giudicare su ostracismi e discriminazioni di Stato. Per evitare che la gente muoia.

Max Costantini. Per la terza volta. Sei sicuro di aver letto e, soprattutto compreso l’intero articolo? Perché vedo che continui a rispondere con menate no vax. Il dubbio è leggittimo.

@ Max Costantini. Avrei anch’io una piccola curiosità sociologica: i magistrati cosa provano ad avere sostenitori della tua caratura?

Quanto a “comprendere” io non ne sono mai sicuro e mi interrogo su questo in continuazione. Nel senso che non mi fido della comprensione immediata, prima facie: peste, tragedia, necessità di intervenire col fuoco. “Ovviamente”, “non vi è chi non veda”, etc. Come hanno spiegato Kahneman e Tversky in “Thinking fast e slow”, la comprensione facile può ingannarci. Bisogna scavare. Es. la scuola di Sackett, l’idolo tradito di Cartabellotta, ha analizzato come non sia semplice definire la normalità rispetto alla malattia – o ad una epidemia. Mostra come alcuni criteri “ovvi” siano fuorvianti. E considera tra i validi quello terapeutico: dove la normalità è segnata dal limite oltre il quale le terapie – le misure di contrasto, per una epidemia – dimostrabilmente “do more good than harm”. E qui oggi siamo in una situazione dove le misure sono peggio che niente, come mostra l’accumularsi di segnalazioni di gravi effetti iatrogeni paradossi e di profezia che si autoavvera; e anche la comparazione con tanti altri paesi che badano a non tenersi questa pietra al collo. Un criterio che dovrebbe avere rilevanza sulla liceità delle misure a nodo scorsoio. Dovrebbero chiederselo anche altri, inclusi i magistrati che vantano amici curiae come te, se hanno capito.

Max Costantini. Hai risposto alla mia domanda grazie. Buona serata.

@ Max Costantini. No, non ho risposto al tuo insulto ripetuto ma ne ho preso spunto. Tu sei come quelli che nel raccogliere deposizioni prima scrivono le risposte e poi fanno le domande. La procedura giudiziaria della regina in Alice nel paese delle meraviglie. E non solo della madama immaginata da Carroll.

Max Costantini. Continui a dare conferma a ciò che penso. Ragioni con i paraocchi di un no-vax (ammesso che tu lo sia). Ad una domanda, se vogliamo, anche ironica hai risposto piccato e polemico, da ultimo facendo sfoggio di cultura, inutile, con citazioni dotte. Accusando magistratura, forze dell’ordine e chiunque (ora il sottoscritto) provi a farti notare che il tuo commento era forse un po’ eccessivo e fuori luogo, oltre a denotare scarsa comprensione dell’articolo, letto con un filtro ideologico quasi da invasato, di essere parte e complice di una sorta di dittatura medico giudiziaria.
Tutto questo quando io non ho minimamente difeso magistratura e polizia, ma provavo solo a farti notare che eri partito per la tangente. Comunque grazie sei spassosissimo. Ancora una buona serata.

@ Max Costantini. Paraocchi, invasato, ti è partito l’embolo, partito per la tangente, spassosissimo etc. Dev’essere una bella soddisfazione per Cantone avere fiancheggiatori come te. Ma c’è del vero, non perché io sia come ti prendi cura di insozzarmi ma in senso relativo. Indagare a senso unico su una morte anomala – con una tesi precostituita nel senso gradito al potere – e rispondere come fai tu con insulti e dileggio ad argomentazioni, ha una sua serietà. La serietà dell’assicurarsi la pagnotta senza guardare in faccia a nessuno. In questi giorni Speranza ha deciso che la prova di avvenuta guarigione non è sufficiente ai medici per riavere il loro posto di lavoro; devono comunque vaccinarsi. Accettare una simile aberrazione, medica e morale, è come sottoporsi a uno di quei rituali di affiliazione a gang basati sul degrado fisico e morale. E’ anteporre la pagnotta a qualsiasi altra cosa. Tu confermi come questa particolare serietà sia diffusa negli ambienti che difendi a baguette tratta.

Max Costantini. Continui a confermare quello che ho pensato sin dall’inizio, hai letto l’articolo con un filtro ideologico e ti sei scagliato a prescindere contro la magistratura. Io non difendo nessuno, leggo una notizia, a volte come in questo caso, è più divertente leggere i commenti. Non ho una tesi precostituita in base alla mia ideologia, aspetto di conoscere con esattezza cosa è accaduto, ammetto che le mie risposte ai tuoi commenti erano ispirate da immensa ironia, ma vorrei che tu provassi a rileggere i tuoi commenti con un maggiore distacco e ti accorgeresti che sembrano le parole di un invasato. Io non condivido molte delle scelte di questo governo, per motivi che non sto qui a spiegarti, ma non assumo posizioni estremiste mai. Ho amici carissimi che sono no-vax, rispetto la loro scelta, ma molte delle loro argomentazioni stanno ormai nell’ambito della fantascienza, e da ultimo non antepongo la pagnotta a nulla. Ancora una buona serata!

@ Max Costantini. You serious? Rileggiti i tuoi di commenti: tu chiami “estremista” chi avanza una critica; e il tuo non presentare l’ombra di un argomento, uno straccio di confutazione, ma atteggiarti a caporale e bofonchiare senza tregua, lo chiami “non essere mai estremista”. Il tuo è l’estremismo della lotta per la sopravvivenza. La pacatezza del terrore del perdere i favori del padrone. E non sei solo. La magistratura “a prescindere” ha enormi responsabilità col suo stare “in riposte mura” e fare capolino per segnalare di essere dalla parte di chi con la scusa della salute sta arando e spargendo il sale non solo sulla Costituzione, ma sui diritti primi, e sulla stessa pratica del diritto. C’è da chiedersi con quale faccia i magistrati si presentano ai loro colleghi di altre nazioni a insegnare come combattere la mafia, dopo ciò che stanno permettendo e favorendo per il covid.

Sul vedermi come estremista; sul vostro credervi moderati; e su ciò in cui dovrebbe consistere il reale “non estremismo”, a partire da chi occupa il posto di magistrato:

“Quando [tutto] si muove in modo uguale, in apparenza non si muove niente, come su una nave. Quando tutti vanno verso la dissolutezza, sembra che nessuno ci vada … Colui che si ferma mette in evidenza l’esagerazione degli altri, come se fosse un punto fisso” (dal Pensiero 592 di B. Pascal).

Max Costantini. Scendi dal pulpito. Rileggiti, seriamente. Io non sono ne pro ne contro niente. Valuto le diverse situazioni. “La pacatezza del terrore del perdere i favori del padrone”.
Io non ho il terrore di perdere nulla, meno che mai i favori della magistratura o di qualsiasi altro padrone o chi tu veda come tale.

Mi piace leggere i commenti alle notizie, è il bello della rete, dà la possibilità a persone come te di esprimere opinioni su fatti ed argomenti sui quali altrimenti dovreste stare zitti. Nei commenti a questa notizia, il tuo mi ha colpito per la sproporzione degli argomenti e la veemenza con la quale hai risposto alla mia domanda, ma la cosa più divertente è che continui con questo atteggiamento da predicatore incompreso, una sorta di Cassandra, mi attribuisci opinioni ed idee che non ho mai espresso, per il solo fatto di trovare fuori luogo quello che scrivi ed averci ironizzato.
Sono felice che tu sia depositario della verità rivelata tanto da sentirti “Colui che si ferma mette in evidenza l’esagerazione degli altri, come se fosse un punto fisso”.
Riesci a capire che ti ho solo preso di mira, attirato da quello che scrivi e, detto in soldoni ti sto solo provocando, aizzando una polemica assolutamente priva di significato, e più insisto e più ti gonfi.

@ Max Costantini. CENSURATO. Tu sei tra i soggetti che nella mia esperienza ronzano attorno alle Procure ( Entomologia forense. L’infestazione da troll delle notizie di reato ). Come questa, che aumenta la lunaticità ufficiale sostenendo di potere e volere verificare un omicidio impossibile; ed emettendo così disinformazione che causa reati reali della massima gravità:

Other places discuss the lunacy of the mandatory approach: it is tyrannical (and not a “very important patient safety argument”), and totally counter-productive. For covid, it is clear to anyone who is willing to look at the data that vaccinated populations are not doing better than unvaccinated ones. What is more, there are well-known scenarios (e.g. Marek’s Disease) where leaky vaccines can result in much worse outcomes for the vaccinated population, both individually and as a whole. These statements are not ‘anti vaccine’; they are ‘pro vaccine safety’ and are questions that should be asked to ensure vaccination programmes are made as safe and effective as possible. And these questions are nothing if not pertinent, when it turns out that in Israel, the most Pfizered nation on earth, it has been claimed that 80% of serious covid cases are ‘fully vaccinated’ and “the vaccine has no significance regarding severe illness”? (Reverse Ferret on Vaccine Mandate. Gruppo Hart, 9 feb 2022).

In UK il minacciato obbligo vaccinale per i medici è stato ritirato. L’infamia nella quale inzuppate il pane è tutta italiana.

 

 

%d bloggers like this: