L’esproprio della salute da parte della medicina dei banchieri

25 July 2021

22 luglio 2021

Blog de Il Fatto

Commento al post “Draghi: “L’appello a non vaccinarsi è l’appello a morire”

 

La condizione di base di ogni cittadino non è più quella della salute, ma della morte incombente se non ci si cura. La malattia non è più l’eccezione, la sconfitta dei meccanismi fisiologici individuali, sviluppati e affinati in milioni di anni di evoluzione, efficienti nella continua difesa dei nostri confini biologici. Difese nascoste al pubblico nella narrazione ufficiale. Siamo inermi, tutti, davanti ai mali formidabili che hanno occupato stabilmente le nostre vite.

Col covid la medicina sta alla salute come la BCE alla moneta. Il normale stato di salute non è più patrimonio dell’individuo. Ora appartiene all’industria medica e alla retrostante finanza, dalle quali va riscattato. Acquistando gli inoculi e sottoponendosi da essi. Anche forzosamente, anche a proprio danno. Si deve accettare di vivere come con un CVP – catetere venoso periferico, quello che si vede fissato con cerotti al braccio dei ricoverati – in permanenza, affinché venga iniettato nel proprio corpo ciò che il potere ritiene; se si vuole avere restituita, a titolo di concessione provvisoria, una parte dei propri diritti naturali. O meglio, una parte della vita normale.

Si prospetta la morte, anche dal balcone di Palazzo Chigi; e la si manipola, v. la strage iniziale in Lombardia orientale. C’è da avere paura, ma di questo sbocco del potere in una forma di necropolitica*, il controllo politico tramite la morte.

*Mbembe A. Necropolitics. Public Culture, 2003. 15: 11.

§ § §

6 agosto 2021

Blog de Il Fatto

Commento al post di Agenzia Alexander Jakhnagiev “Draghi: “Agli italiani dico ‘vaccinatevi e rispettate le regole’. Così’ economia continuerà ad andare bene””

Le regole che il banchiere Draghi bene incarna sarebbero che lo stato di natura non è più la salute, da tutelare, ma una condizione di perenne malattia dell’intera nazione. La salute ora la dà il potere, tramite ordini e restrizioni e tramite inoculi, volontari o dietro ricatto. Decade l’obbligo costituzionale di tutela della salute. Con la sgangherata narrazione covid, buona per un popolo ricco di ignoranti e smidollati, di servili verso il potere e maligni verso i propri pari come gli italiani, la salute non è più una proprietà del singolo, tutelata dallo Stato. Espropriata, è elargita a pagamento e con la sottomissione a misure predatorie dalle grandi entità delle quali il governo fantoccio è espressione. E’ l’economia di questi poteri che andrà bene, a danno della nostra situazione economica, della nostra salute e del nostro spazio vitale personale.

§  §  §

9 agosto 2021

Blog de Il Fatto

Commento al post di Paolo Ricci “Cari Fusaro e Agamben, perché non concentrarsi su una questione reale e di primaria importanza?”

La premessa che Ricci chiama falsa, l’enfatizzazione smisurata dell’entità dell’epidemia – per giustificare imposizioni dannose e liberticide – è sostenuta da scienziati di prim’ordine. Che, riportano Kulldorf di Harvard, Bhattacharya di Stanford, Gupta di Oxford, sono oggetto di un bombardamento mediatico diffamatorio (The smear campaign against the Great Barrington Declaration. Spiked, 2 ago 2021).

Anche Agamben, uno dei pochi filosofi italiani di livello internazionale, è oggetto di attacchi ad hominem; da soggetti che, come accade quando si dà potere ai peggiori, aggiungono allo zelo del servo l’oltraggio codardo dell’invidioso. A me pare che da intellettuale “ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l’arbitrarietà, la follia e il mistero”. Come Manzoni, che non sa di Pasteur, ma riconosce l’isteria popolare e la meschinità dei magistrati di 2 secoli prima; e predice quelle di 2 secoli dopo.

Agamben, che non crede né finge di credere allo sciamanesimo tecnologico, per il quale non è possibile che il clero scientifico sia corrotto, vede giusto. Si è anzi andati oltre la sua “nuda vita”, instaurando la dottrina, scientifica quanto quelle di Lysenko e del razzismo biologico degli anni ’30, dell’ “uomo nudo”, cioè inerme, biologicamente privo di difese, analogo ai nude mice di laboratorio (v. L’esproprio della salute da parte della medicina dei banchieri). Un falso scientifico spudorato volto a ottenere l’uomo inerme sul piano morale, sociale e politico.

§  §  §

Vedi: Il sinallagma ipomafioso e la giustizia a cricchetto nell’operazione Shylock

§  §  §

5 settembre 2021

Blog de Il Fatto

Commento al post “Covid, Mattarella: “Vaccinarsi è dovere morale e civico. Non si invochi la libertà, chi si sottrae mette a rischio la vita e la salute degli altri””

La libertà attiva (“libertà di”) non va scambiata per la libertà difensiva (“libertà da”). La libertà attiva sulle cure è pericolosa, perché plasmabile. Se si scelgono interventi medici “liberamente”, credendo a sé stessi, a un santone, o ai medici piazzisti di Big Pharma, si può finire in guai di salute gravissimi. E danneggiare gli altri: es. aderendo a vaccinazioni a tappeto che generano malattia e lasciano scoperti interventi medici utili. In un paese ben governato il criterio del cittadino non è la “libertà” – che, trasformando in consumatori pilotabili, è un’altra arma del business – ma la fiducia nella medicina garantita dallo Stato.

La libertà difensiva è la linea sulla quale attestarsi oggi quando è evidente che lo Stato e la sua medicina frodano i cittadini sulla salute e tolgono proditoriamente i diritti di base. Es. il diritto dei sani di farsi immunizzare dal proprio sistema immunitario, più efficace del vaccino* per sé e per gli altri, invece di subire il mostruoso esproprio della salute per il quale ogni cittadino viene trasformato dalla legge in un malato in fieri, che solo i vaccini tirati fuori dal cilindro possono salvare, con tutti i pericoli e gli svantaggi.

E’ vero che non dovrebbe essere questione di libertà. Ma Mattarella dice no alla libertà per collaborare nel mettere al popolo le catene, che fascia in geremiadi velenose.

* Comparing SARS-CoV-2 natural immunity to vaccine-induced immunity: reinfections versus breakthrough infections.

§  §  §

19 settembre 2021

Blog de Il Fatto

Commento al post “Green Pass, Landini ad Assisi: “Siamo per l’obbligo vaccinale, lo dice la Costituzione”. Poi ribadisce: “Tamponi gratuiti per i lavoratori”

Se si è imperatore si può fare qualsiasi cosa dei sudditi, anche decapitarli, scriveva Cecco Angiolieri nel Medioevo. Invece la Costituzione stabilisce che vi sia una legge per trattamenti medici obbligatori come condizione necessaria, non come condizione sufficiente. In questo caso la Costituzione non dice che si può obbligare a vaccinarsi, direttamente o indirettamente, ma lo vieta: qui si toglie il diritto alla salute dei cittadini, equiparandoli tutti d’ufficio a malati da sottoporre a trattamento medico*. Sulla base di ragionamenti falsi e sgangherati, non applicati in nessun paese democratico al mondo. Questa mostruosità si accorda con la visione squallida del lavoro di questi sindacati debosciati, da caporalato, da buonavoglia, da allevamento zootecnico, da regime asiatico, per la quale per campare bisogna sottostare a qualsiasi infamia.

*L’esproprio della salute da parte della medicina dei banchieri. Sito menici60d15.

§  §  §

20 ottobre 2021

Blog de Il Fatto

Commento al post di S. Gandini “Green pass e i dubbi sul piano giuridico, la nostra risposta a Massimo Cacciari”

Si accredita come portavoce dei dissidenti il prodiano Cacciari, che li riporterà all’ovile. L’articolo “Anaesthesia and evidence based medicine”, Goodman, 1998, spiega come la scienza sia stata usata, e distorta, per sottomettere la medicina al business. E come “Epidemiology, like microscopy, is a technical not a scientific discipline”. Una tecnica come l’ingegneria, che usa la fisica, modello di solidità scientifica; ma non per questo si può dire che accusando per il ponte Morandi non si comprendono grandezza e limiti della scienza. A questa e ad altre tecniche, fatte passare come scienza, e fatte passare le decisioni politiche come fatti di scienza, si sta facendo dire che gli asini volano. Cioè che le difese naturali non esistono – tanto che criminalmente si vaccinano anche i guariti – le epidemie sono permanenti e la loro forza è stazionaria, e l’unica uscita è il vaccino a oltranza. Prendendo decisioni draconiane sulla base di dati tecnici esili e occultati (Transparency of COVID-19 vaccine trials: decisions without data. BMJ, 2021). Il comma dell’art. 32 rilevante è il primo, sul diritto alla salute: si sono manomesse via dpcm le protezioni naturali individuali e di gruppo, negandole. Per rivendere ai cittadini (50 miliardi US $ nel solo 2021; Nature, The tangled history of mrna vaccines) la salute che gli è stata tolta, fittiziamente e anche materialmente; e per degradarli a terminali delle app con le quali si concede e si toglie lavoro e vita normale.

§  §  §

10 novembre 2021

Blog de Il Fatto

Commento al post “Covid, la stretta del Viminale sui cortei no pass: solo sit-in e fuori dai centri storici. E mascherine obbligatorie”

Secondo P. Fagan coprire la faccia con le mascherine rende stupidi, suggestionabili e sottomessi; favorisce comportamenti immorali disinibendo; deumanizza, toglie identità e autonomia. (Face masks make you stupid. Why face masks are a form of dehumanization. The Critic, 28 lug 2020). Non stupisce che mentre in tante nazioni si cura di toglierla, nella terra natale del fascismo l’abolizione del volto eserciti una morbosa attrazione su diverse personalità.

A parte i danni alla salute* la mascherina, come l’uniforme, mette da parte la persona e fa contare solo i rapporti di forza. Annullare e annullarsi piace a tanti leoni del Mago di Oz, che incapaci di combattere si arruolano volontari come kapò dei poteri forti.

* 47 studies confirm ineffectiveness of masks for COVID and 32 more confirm their negative health effects. (Lifesite, 23 lug 2021).

@ latteintero. Non per lei, che fa il troll, ma per chi volesse approfondire: “Is a Mask That Covers the Mouth and Nose Free from Undesirable Side Effects in Everyday Use and Free of Potential Hazards?” International Journal of Environmental Research and Public Health. 20 apr 2021. 

@ andrea fannti chi. Capisco che per le banderuole restare al proprio posto si chiama fanatismo. A me fanno ridere quelli che indossano marziali la mascherina avendo calato le brache. Che si coprono le gote e tengono scoperto ciò che Franco in un film con Ciccio chiama le guance di dietro. E’ il fanatismo del tengo famiglia che non va d’accordo con tante cose, dalla declamata legalità alla dignità reale alla stessa salute fisica. 

@ Stefano B2. Eh sì. Pensate a come state messi, “progressisti” che vi fate tirare addosso da Lifesite decine di pubblicazioni scientifiche che vi sbugiardano. 

@ Stefano B2. Il primo degli studi, pubblicato dal CDC, proviene, oltre che da Stanford e Johns Hopkins, dal Deaconess Hospital, nel quale ho lavorato come resident. E’ di fronte alla Harvard Medical School, e ad essa affiliato. Sul mio onore, non sono così disperati come dici. L’ultimo studio è dell’Accademia Cinese delle Scienze. Decenni fa il Viminale aveva infiltrati e provocatori per creare la strategia della tensione. Oggi una sporca analoga attività di disinformazione e discredito è svolta dai troll come te. 

§  §  §

11 novembre 2021

Blog de Il Fatto

Commento al post “Il figlio di 12 anni testimonia in Tribunale contro il padre no vax: “Le cose che mi dice non hanno molto senso””

Nei paesi anglosassoni disposizioni di legge, es. la “Gillick competence”, prevedono che un minore di età inferiore ai 16 anni possa scavalcare entrambi i genitori nelle decisioni sul sottoporsi a trattamenti medici. In Italia per ora questa agevolazione non c’è. Può darsi che nell’agenda Cappato vi sia anche questo traguardo. Da noi quando possibile, come nei casi di dissenso tra i genitori, i magistrati usano lo stesso principio di civiltà giuridica che applicano innumerevoli volte su questioni che riguardano la salute e il business biomedico: “in dubio pro Leo”. Qui il Leo, cioè quello tra gli stakeholder che ha la forza e gli artigli del leone, è dato dalla Pfizer e dalle forze che stanno abolendo lo stato di salute naturale dei cittadini, l’antica ingenua credenza sotto la cui influenza fu scritta la Costituzione, per sostituirlo con quello ben più scientifico della salute ottenibile solo via continuo monitoraggio e intervento medico, di massa, somministrati in forme coattive che configurano un nuovo assetto dei rapporti tra potere e individuo.

Un aggiornamento sullo stato della scienza riguardo alle miocarditi da vaccino in minori: Following the Science or the Silence? Censorship concerns grow. Hart, 8 novembre 2021.

@ Ermete Macchioni. I magistrati ergono, insieme ai bambini, la fiaccola della ragione contro i borbottii insensati del complottismo, dice lei. A me invece sembra un insinuarsi nei rapporti familiari e spaccarli, in una versione liberista dei metodi della Stasi e di altri assolutismi. Metodi che posso testimoniare sono usati sistematicamente, grazie ai sedicenti colleghi di Falcone e Borsellino, anche per eliminare il dissenso.

Un altro tema che il marketing impone alla cultura, e anche all’amministrazione della giustizia, è quello del bambino in grado di comprendere e valutare complessi temi scientifici che confondono gli specialisti. Harry Potter, Greta, gli insopportabili mocciosi che danno lezione in tv. Non è che i bambini hanno raggiunto e superato i grandi. E’ che si infantilizzano gli adulti. Si vuole il ragionamento puerile.

Sarebbe interessante conoscere quali argomenti di buon senso, es. sugli effetti dei lipidi anionici del vaccino, i magistrati riconoscono a un dodicenne. E cosa ne pensano loro stessi. E che uso fanno della categoria del complottismo, la carta jolly che permette di fare orecchie da mercante su denunce scomode; di trasformare in una passeggiata di salute un compito ingrato come quello di opporre il diritto alla prepotenza.

§  §  §

25 novembre 2021

Blog de Il Fatto

Commento al post “Covid, il segretario di Stato Pietro Parolin: “La posizione della Chiesa è chiara. Vaccinarsi atto d’amore come ha detto il Papa””

La posizione della chiesa è ipocrita e doppia, come al solito.

Ieri c’è stato il giro di vite del gesuitico Draghi, sorretto dai clericali come il bergogliano Ricciardi. Centinaia di migliaia di persone perderanno lo stipendio se non si piegano al ricatto e non si fanno inoculare, a loro rischio, l’amore per il prossimo da 50 miliardi di dollari l’anno (The tangled history of mRNA vaccines. Nature, 16 set 2021). Altri subiranno vincoli e forme di pressione diversi, a scapito di dignità, serenità e semplice vita pratica. Non andrà meglio agli illusi che credono di averla scampata per essersi fatti togliere i diritti di base ed avere accettato l’equivalente di un’agocannula in permanenza, nella quale tramite lo Stato il potere può inoculare ciò che vuole quando vuole con qualche scusa da quattro soldi.

All’indomani, tempestivi i vescovi dicono che “non c’è un obbligo”, e parlano di atto d’amore. Per evitare di essere identificati tra i mandanti e i complici. Gli italiani dovrebbero imparare quanto è larga la differenza tra quello che i preti dicono con la bocca e quello che fanno con le mani.

“Quando i grandi di questo mondo si mettono ad amarvi, è che vogliono ridurvi in salsicce da battaglia… È il segnale… È infallibile. È con l’amore che comincia.” Celine

§  §  §

29 novembre 2021

Blog de Il Fatto

Commento al post di R. La Cara “Dare, arriva nelle scuole il videogioco per sensibilizzare i più giovani sulle patologie inguaribili e le cure palliative pediatriche”

Si dovrebbe educare i giovani – e gli adulti – sulla disinformazione della medicina commerciale e i suoi pericoli. Es. sulle sovradiagnosi dei noduli tiroidei che spaventano a morte tanti adolescenti*. O sul vaccino covid ai minori con un bilancio rischi-benefici svantaggioso. Invece si abusa dell’istituzione scolastica sfruttandola per la propaganda di malattie; per spingere i minori verso le trappole del corporate-backed disease-mongering (Moynihan) inoculando una concezione funerea del mondo, dove la condizione di malato perenne è una presenza stabile anche nelle fasce d’età nelle quali la morbilità è più bassa. “Dare” vuol dire osare in inglese. Ma questa vigliaccata va considerata come ciò che il verbo “dare” significa in italiano: anche i bambini e gli adolescenti devono dare la loro libbra di carne al business facile e smisurato della medicina fraudolenta.

*IARC-WHO. Overdiagnosis is a major driver of the thyroid cancer epidemic: up to 50–90% of thyroid cancers in women in high-income countries estimated to be overdiagnoses. 2016.

%d bloggers like this: