Censure di copertina

 

2 dicembre 2016

Blog de Il Fatto

Commento censurato al post di L. Margottini “Corsi de il Fatto Quotidiano: da Human Technopole a Xylella, per le inchieste scientifiche serve metodo”

Alla giornalista Margottini, laureata in matematica, segnalo che spesso il giornalismo scientifico e le frodi a fini di lucro della biomedicina sono intimamente legati in uno schema che chiamo “bayesanesimo fraudolento”, riconducibile al teorema di Bayes. Le probabilità a priori di ottenere un dato risultato, cioè la valutazione della plausibilità biologica delle possibili vie sulla base di ciò che si conosce, sono sostituite dallo scegliere ipotesi che si conformino alle aspettative a carattere magico del pubblico, distorcendo ad hoc la teoria; e dal farle sembrare raggiungibili attraverso campagne mediatiche. Ciò è facilitato dall’impostazione empirista che considera i trial clinici – facilmente manipolabili – non una verifica ma la fonte unica di verità. Il caso Stamina mostra come politici, giornalisti e magistrati si occupino di gonfiare le probabilità a priori; così da indirizzare la ricerca e aumentare artatamente la valutazione positiva a posteriori del raggiungimento di effetti clinici*. Rendendo in questo modo “entrenched” quelle che poi si rivelano, come era prevedibile, “underperforming big ideas”**, criticate come pericolosamente viziate da aspettative fideistiche perfino dalla servizievole FDA ***.

*Stamina come esca per le frodi della medicina ufficiale. Sul mio sito.
**Joyner et al. What happens when underperforming big ideas in research become entrenched? JAMA, 28 lug 2016.
***Marks et al. Clarifying stem-cell therapy’s benefit and risks. NEJM, 30 nov 2016.

18 gennaio 2017

Censurato dal blog de Il Fatto

Commento al post “Massoneria, Bisi (Goi): “Non darò elenco all’Antimafia. Non ci sono parlamentari iscritti”

La libera consultazione degli elenchi completi ed esaustivi degli iscritti alle varie massonerie – incluse le forme affini come l’Opus Dei e CL – sarebbe un passo semplice e praticabile per rendere il cittadino comune meno indifeso, e il suolo italiano meno propizio alla crescita e persistenza di malerbe. Peccato che gli antimafia e i grillini su modeste misure del genere stiano zitti, votati come sono a spendere le loro virtù guerriere in ben altre battaglie.

 

13 settembre 1017

Blog de Il Fatto

Commento censurato al post di R. La Cara “Atrofia muscolare spinale, le famiglie: “Il nuovo farmaco apre nuova era. Non è più malattia mortale se presa in tempo” “ In: La questua delle multinazionali

§  §  §

8 settembre 2019

Blog de Il Fatto

Commento al post “Cosenza, è il fratello di un pentito di camorra l’uomo che ha preso a calci un bambino nordafricano perché si è avvicinato alla figlia”

censurato

Nella mia esperienza, a Cosenza in particolare le forze di polizia da un lato sono praticamente al servizio del clero; dall’altro possono incaricare ruffiani, piccoli malavitosi e condannati per mafia per creare situazioni e incidenti se c’è da attaccare qualcuno. Anche l’avvalersi di bambini non mi suona nuovo. Soprattutto, l’uso della criminalità mafiosa come standard negativo, rispetto al quale sembrare puliti, è molto diffuso da parte dei gruppi di potere che praticano forme di mafia che sono integrate nella società legale. Andrebbe riconosciuto che rappresentare sé stesso, cioè il farabutto, a tinte forti, per fare sembrare oneste al confronto strutture sociali mafiose, rientra tra le attività della criminalità mafiosa; e rientra nei legami con le sue protezioni istituzionali. Non sappiamo minimamente cosa è avvenuto e per quali cause. Ma davanti alla notizia non si dovrebbe ignorare tra le ipotesi che un delinquente per ottenere vantaggi stia recitando sé stesso; in uno spot girato o montato a scopi propagandistici, per cambiare le carte in tavola: in modo da chiamare delinquente miserabile e bestiale chi non accetta la prepotenza di questo nuovo fenomeno dell’immigrazione forzosa in regioni povere e ad alta disoccupazione, come è la Calabria. L’attività di “auto-simulazione”, di “auto-rappresentazione” della criminalità mafiosa andrebbe riconosciuta e punita, volendo combattere la mafia e non usarla.

 

§  §  §

%d bloggers like this: