Il fascismo mussoliniano, il fascismo dei banchieri e il fascismo pecorone

18 October 2021

15 ottobre 2021

Blog de Il Fatto

Commento al post ““Non solo Agamben”: oltre 100 filosofi contestano il loro collega e firmano un documento a favore di Green pass e vaccini – Il testo”

 

Ai fini pratici vanno distinte tre varietà di fascismi. Il “fascismo mussoliniano”, che viene usato in questi giorni – bipartisan – per mimetizzare con una farsa i colpi di mano del ben più potente “fascismo dei banchieri”. E per coprire l’asservimento al fascismo dei banchieri, distraendo e attribuendosi grottesche illibatezze antifasciste (Pasolini; si stanno usando vecchi fasci noti essere nella disponibilità dei servizi, locali ed esteri; speriamo che non si torni a usare qualche bomba).

Il fascismo dei banchieri attecchisce bene da noi anche perché siamo la terra del temibile “fascismo pecorone”: “chi lascia fare e s’accontenta, è già un fascista” (Cesare Pavese). Correggendo Montanelli, tanti italiani sono pecore fasciste. Hanno dentro il fascismo dei deboli, che si appecorona al potere. E non sa attaccare se non chi è inerme ed è in sfavore. Il fascismo gretto che spesso sfrutta la possibilità che gli viene offerta di sfogare le proprie frustrazioni e i fondati sensi di inferiorità verso chi è più fortunato di lui quanto a doti morali e intellettuali, e di soppiantarlo nel ruolo.

Con questo attacco squallido a chi può davvero dirsi filosofo i cento accademici scarsi almeno si rendono utili nel dare una scultorea dimostrazione del fascismo delle pecore che rende possibile in Italia il fascismo dei banchieri. A cento anni dal fascismo antico, come allora enunciamo un fascismo al mondo; stavolta con la app per lavorare e vivere lodata in coro dai cento pensatori.

§  §  §

25 ottobre 2021

Blog de Il Fatto

Commento al post di   “Foggia, Mattarella all’inaugurazione dell’anno accademico: “La criminalità si combatte con la formazione delle coscienze in tutto il Paese”

Come la mafia mussoliniana serve a mimetizzare l’asservimento della “sinistra” al fascismo dei banchieri, e a meglio praticare il fascismo dei banchieri ergendosi ad autorità morali in quanto “antifascisti”, così la mafia dei tagliagole serve a mimetizzare l’ipomafia istituzionale, cioè culture e pratiche amministrative mafioidi a fini illeciti abusando dei poteri dello Stato; e serve a meglio praticare l’ipomafia istituzionale ergendosi a maestri di legalità in quanto “antimafia”. Il teppismo fascista e i tagliagole organizzati vengono lasciati crescere quanto basta a usarli per declamazioni che ormai suonano come i rintocchi di campane crettate. Ciò spiega perché vergognosamente dopo decenni di lutti e devastazioni in Sicilia, Campania, Calabria, dopo avere immolato i migliori ed essersi vestiti delle loro spoglie, si lascia proliferare un areale della malapianta in Puglia.

§  §  §

9 novembre 2021

Blog de Il Fatto

Commento al post “Il video di Brunetta in cui spiega agli imprenditori che i controlli a sorpresa verranno aboliti: “Inaccettabili, hanno invasività insopportabile” “

Ricorda la scena finale del film “Anni Ruggenti“ (1962), da rivedere ora che si agita il fascismo mussoliniano per mimetizzare l’asservimento al fascismo dei banchieri: “Camerati, ho preferito telegrafare perché non amo le ispezioni segrete. D’altronde sarebbe stata una mancanza di fiducia in voi, che siete le forze vive della nazione” (il gerarca vero al suo arrivo, accolto dai fascisti forchettoni della città di provincia, dopo che Manfredi è stato riconosciuto).

§  §  §

12 dicembre 2021

Blog de Il Fatto

Commento al post “Piazza Fontana, il Senato twitta la relazione degli ex Msi che rilancia la pista anarchica. Fratoianni: “Oltraggio, fu attentato fascista”

Fu, come si dice, una “strage di Stato”. Ma si dovrebbe dire “strage di Stato commissionata”. Meglio, “strage di Stato commissionata e lasciata impunita”*. Meglio ancora, “strage di Stato commissionata, lasciata impunita e con perenne copertura istituzionale dei mandanti con attribuzione di tutte le responsabilità agli esecutori”. Gli italiani avrebbero da guadagnare, soprattutto oggi, per ciò che attiene al loro futuro, dal superare il timore reverenziale e riconoscere sia il ruolo dei pupari stranieri**, sia – non meno deleteria – la viltà dei burattini istituzionali; invece di accettare, facendosene partecipi, il solito teatrino depistante e autoassolutorio fasci-compagni.

*Salvini G. La maledizione di Piazza Fontana. 2019.
** Willan P. Puppetmasters. The political use of terrorism in Italy. 2002.

13 dicembre 2021

Blog de Il Fatto

Commento al post “Strage di piazza Fontana, Mattarella: “Processi hanno lasciato verità non pienamente svelate. Ma emerge la matrice eversiva neofascista””

La matrice eversiva fu atlantica. La sua manovalanza neofascista emerse già al tempo delle calunnie del questore Guida. Che, ho sentito a una conferenza dalla figlia di Pinelli, era stato addetto al confino quando era nella polizia fascista. E’ vero che c’è dai tempi del fascismo di cento anni fa un filo ininterrotto delle infamie; sia nero, rosso, bianco o altro il colore che assume nei vari tratti. Vige il “tolemaicismo” sui misteri d’Italia, cioè il mettere al centro delle ricostruzioni fattori interni, torturando fatti e logica. I post fascisti reggono il gioco ai “glaxocomunisti”, che si rifanno una verginità gridando alle camice nere, mentre servilmente evitano così la visione corretta, “l’eliocentrismo” nel quale l’ltalia è un satellite di poteri esteri, che ne determinano il corso, con i vari mezzi del potere; es. usando cialtroni rossi o neri come pedine. Questa mistificazione, dettata dai mandanti, è anch’essa una prosecuzione in altre forme di quegli anni che si dicono passati; e che invece servirono tra le altre cose a sostituire una classe politica, quella dei Moro, dei Mattei, dei La Torre, che manteneva il senso degli interessi nazionali con una i cui componenti gareggiano nel fare i tirapiedi ai poteri che ordinarono le bombe nell’Italia prospera di allora e che oggi ordinano gli inoculi dietro ricatto del fascismo dei banchieri, nell’Italia tornata terra di conquista.

§  §  §

27 gennaio 2022

Blog de Il Fatto

Commento al post “Giornata della memoria, la lettera del presidente Anpi Pagliarulo: “Quel che è accaduto può ritornare, l’antifascismo e l’antinazismo siano fondamento dell’Ue””

Quello che dovrebbe essere combattuto , volendo evitare nuovi drammi e non usare strumentalmente quelli trascorsi, è l’eccezionalismo. Il considerarsi speciali a priori ed esentati dal sottostare alle regole del vivere civile. Volendo fare sul serio si dovrebbe esecrare e bandire la matrice dalla quale discendono sia gli orrori del passato storico che vengono giustamente ricordati, sia le aberrazioni presenti e future che come allora non vengono riconosciute in tempo. Dall’eccezionalismo dei mostri deliranti del fascismo, del nazismo, del razzismo. All’eccezionalismo freddo e calcolato del covid “extraterrestre”* che giustifica il fascismo dei banchieri. All’eccezionalismo umile di quelli che si arrangiano mettendosi al collo il fazzoletto dei partigiani 77 anni dopo che si è finito di sparare, accorrendo in soccorso degli ebrei oggi che sono potenti, e aiutando a covare l’uovo del serpente degli eccezionalismi odierni.

*Reckoning with Covid-19 exceptionalism. JAMA Health Forum, 2021.
COVID-19: an ‘extraterrestrial’ disease? Int J Infectious Diseases, 2021.

@ Giuseppe Amato. “Ogni gruppo pensa che la sua m. non puzza” mi disse un ebreo in USA sul conflitto Israele-Palestina. Ricordo, in una importante School of Medicine di Boston, un grande dipinto di Maimonide in biblioteca e le scritte “Goyim s***” lasciate nei bagni. Sugli ebrei c’è questo “segreto” che non fa piacere sentire né a loro né ai loro nemici: sono come noi. Che non è un complimento. Gli ebrei sono come noi, inclusi esempi luminosi, mediocrità e comportamenti esecrabili; e forme di eccezionalismo da non accettare; e sono uno di quei gruppi da tutelare in quanto storicamente a particolare rischio di finire nel mirino di altri eccezionalismi.

§  §  §

31 marzo 2022

Blog de Il Fatto

Commento al post di L. Testa “Finisce lo stato di emergenza per il Covid: spero sia l’occasione per chiarire un noioso equivoco”

Sì, si dice che il nome dell’Ovra sia stato scelto, a la D’Annunzio, per il suono inquietante*. Ma ciò non toglie che l’attività di quella polizia fu davvero infame e sanguinosa. Quindi il paragone con l’espressione “stato di emergenza” funziona al contrario, rappresentando il terreno di mediocrità e cialtroneria sul quale possono crescere le peggiori piante. Non abbiamo avuto la Gestapo che di notte strappa dalle loro case i soggetti da eliminare. Ma una bassa marea eccezionale, un ritirarsi dalla civiltà, un regresso psicologico e morale, che ha lasciato scoperto il fango di fondo. Il medesimo fenomeno che storicamente ha reso possibili i peggiori orrori**. L’esigua minoranza di giganti del male non potrebbe agire senza l’appoggio di una torma di deboli, presuntuosi e ruffiani. Come quelli che invece di opporsi al male, o almeno astenersi da esso, lo adulano e lo servono per miserabili ambizioni di carriera, non soddisfacibili altrimenti. Ai tempi dell’OVRA il regime pagava artisti e intellettuali per averne consenso e opera di propaganda; con assegni mensili che andavano dalle 1000 alle 3000 lire. Vi fu chi commentò che i poeti si classificano in millelirici, duemilalirici e tremilalirici.

*Franzinelli M. I tentacoli dell’Ovra. Agenti, collaboratori e vittime della polizia politica fascista. p. 103-4.
**Haque S. et al. Why did so many German doctors join the Nazi Party early? International Journal of Law and Psychiatry, 2012. 35: 473.

§  §  §

4 maggio 2022

Blog de Il Fatto

Commento al post “Covid, accordo tra parti sociali e governo: le mascherine restano obbligatorie nel lavoro privato”

Ci sono cose che sembra facciano bene e invece fanno male. Un gruppo di medici e ricercatori inglesi osserva, documentando, che l’indossare di continuo le mascherine è inutile ed è dannoso perfino in ambito medico: Why are healthcare venues persisting with masks? Gruppo Hart, 21 aprile 2022.

Anche i sindacalisti, chi occupa le istituzioni, gli esperti e gli opinion maker che lasciano gli italiani con statistiche covid tra le peggiori, le “misure” più irrazionali, pesanti, prolungate e divisive, e la disinformazione più spudorata, non sono così benevoli verso di noi come siamo portati a credere.

§  §  §

13 giugno 2022

Blog de Il Fatto

Commento al post di A. Coralzzoli “La mascherina non sarà obbligatoria durante gli esami di maturità: la decisione del governo”

@ lorenzo64. Non avete solo “rispettato” imposizioni abusive, nocive per la salute e lo sviluppo, e degradanti, a danno vostro e dei minori a voi affidati. Le avete accettate senza fiatare, fatte vostre e propagandate. Chi comanda ha approfittato del “ventre molle” che costituite; insistendo con le misure, esclusive di mafiolandia per estensione e pesantezza, in ambito scolastico. La maggioranza degli insegnanti si è dimostrata scarsa di testa, di cuore e di carattere, insegnando agli studenti la viltà camuffata da legalità. La Nuremberg defense, “obbedivo agli ordini”. Il buttare nello scarico decine di secoli di insegnamenti sul non subire supinamente le leggi. Dall’Antigone di Sofocle, a San Tommaso (sul tiranno “absque titulo” e il tiranno “quoad esercitium”), alla Resistenza, al dibattito in merito dei padri costituenti (v. Resistite fortes in fide, G. Dossetti e il diritto di resistenza). Il coprire viltà e servilismo recitando la commediola penosa degli indignati contro l’illegalità, quando dell’illegalità sostanziale siete partecipi, per donabbondismo, accollandovi con questo vostro zelo responsabilità gravissime (es. Drawing parallels between Covid-19 restrictions & domestic abuse. Hart, 11 marzo 2011).

@ Lorenzo64. L’articolo che cito discute tra l’altro di come gli abusi sui bambini in nome del covid siano espressioni di narcisismo. Lei conferma ciò, mostrando che nella scuola ci sono – come molti osservano da anni – soggetti con una concezione grandiosa di sé, che nell’obbedire ciecamente a ordini aberranti credono di avere la scienza infusa, in virtù del titolo di insegnante. E se cominciaste a studiare prima di “parlare“, cioè di mettervi in cattedra e sputare – nonostante la mascherina – slogan e insulti? “Nocive per la salute e lo sviluppo”. La copiosa letteratura a riguardo, decine di articoli, sarebbe troppo gravosa. Oltre al già citato articolo leggere almeno “Masks back in school –at what cost? The cruel ritual continues in spite of no robust evidence”. Hart, 8 gennaio 2022. E’ una rassegna a cura di medici, accademici e ricercatori che esamina: Are there any benefits? – What are the potential physical harms ? – What of the educational impact ? – Psychological impact. Infatti in UK e nel resto del mondo civile hanno limitato i danni, e l’obbligo di mascherina a scuola o non è stato mai introdotto o è stato tolto da mesi. Senza le conseguenze apocalittiche predicate nel contado italico, tutt’altro.

§  §  §

13 giugno 2022

Blog de Il Fatto

Commenot al post “Covid, Ciccozzi: “Sta arrivando ondata Omicron 5 e contagi saliranno ancora tra 2-3 settimane. Usiamo mascherine sui mezzi pubblici””

In UK il 6 maggio 2022 la UK Medical Freedom Alliance, costituita da medici, scienziati e avvocati con una lettera aperta ha chiesto ai vertici del loro servizio sanitario nazionale di rendere le mascherine opzionali per il personale medico, i pazienti e i visitatori, gli unici per i quali lì vi è ancora un obbligo: v. “Face mask requirements in healthcare facilities – Call for an exit strategy”. La lettera argomenta, citando decine di lavori, sull’assenza di studi e valutazioni d’impatto adeguati a sostenere l’obbligo e sul “first do not harm”.

Da noi arrivano inviti a prolungare ancora obblighi di mascherina per la popolazione generale. Stavolta la voce – un non sequitur appiccicato per dare una parvenza di giustificazione – arriva dal Campus biomedico di Roma, dell’Opus Dei. Sia la pressione per continuare a obbligare – solo da noi – a tenere in pubblico la faccia irriconoscibile e le vie aree ostruite da una pezza umida di fibre sintetiche che fa inalare di tutto; sia l’introduzione della giornalista di Cusano Italia, “questa troppa libertà di non portare le mascherine [sic]”, fanno venire in mente l’affinità tra il fondatore dell’Opus Dei, Escrivà de Balaguer, e il capo del fascismo spagnolo Francisco Franco, al quale nel 1968 Escrivà chiese il titolo di marchese, ottenendolo.

@ Bambalina. In Svizzera Gugliemo Tell accettò di tirare con la balestra a una mela sulla testa del figlio. Gli italiani, applicando la regola ferrea che comunque ci si piega a chi comanda (cercando di ottenerne la benevolenza, per poi rifarsi sui propri pari), coi vaccini ai minori hanno accettato di tirare a un chicco d’uva sulla testa dei propri figli pur di compiacere il tiranno. (Reports of child deaths in the VAERS (US Vaccine Adverse Event Reporting System) – All of the risk, none of the benefit. Gruppo Hart, 17 mar 2022).

@ Fausto Noce. Stimatissimo, a me stringe il cuore vedere quello che consenzienti i genitori sta venendo fatto alla salute non solo fisica dei bambini (Reflections of a Child Psychologist on the Pandemic Response, 2 years on. Gruppo Hart, 13 mag 2022). Ci sono studi che mostrano che censo ed educazione elevati non rendono necessariamente più refrattari alle frodi biomediche. Fa una certa impressione vedere popoli civili e “tosti”, come quelli anglosassoni, cascarci come noi italiani. Anche se noi di più, prima e più a lungo. I canadesi poi hanno vertici politici e vertici medici comparabili ai nostri: es. Bridle BW. “Fiction Disguised as Science to Promote Hatred” 25 apr 2022.

§  §  §

17 giugno 2022

Blog de Il Fatto

Commento al post di G. Rosini “L’Italia diserta il meeting mondiale sull’abolizione delle armi atomiche. E riceve il primo F35 che sgancia le nuove bombe nucleari B61-12”

Credo di averlo visto arrivare ieri. A metà mattina sul cielo di Brescia sono passati a bassa quota rombanti e lenti 4 caccia in formazione. Diretti a Sud, evidentemente alla base di Ghedi, a pochi chilometri dalla città. 3 erano Tornado. Scortavano un quarto aereo, diverso; l’F35 a quanto ho poi appreso dai media.

Ero andato in centro alla biblioteca comunale, la Queriniana, per ritirare un libro che mi avevano avvisato per email era pronto per la consegna. Non lo hanno trovato, e ci hanno messo un bel po’ per recuperarlo e darmelo. Il libro è “Paura della libertà” di Carlo Levi. Introduzione di Giorgio Agamben. Quarta di copertina:

“La paura della libertà è il sentimento che ha generato il fascismo. Per chi ha l’animo di un servo, la sola pace, la sola felicità è nell’avere un padrone e nulla è più faticoso e veramente spaventoso dell’esercizio della libertà”. Carlo Levi.

@ Skai. Invece di “sempre” lei avrebbe dovuto mettere in maiuscolo “proprie”: “le PROPRIE forze armate”. Guardi le immagini del relitto della Moby Prince, col suo carico di uccisi; pensi a Calipari, o alla catena di morti dopo Ustica – inclusi due piloti delle Frecce tricolori. E alle conseguenze economiche e sociali del muovere guerra a sé stessi, in obbedienza agli ordini dell’occupante, tramite le “sanzioni” nello scontro tra USA e Russia. E del pagare le decime a chi ci occupa sotto forma di commesse militari che non corrispondono ai reali interessi del Paese; mentre si autoaffonda il Paese. Io rispetto chi difende in armi la PROPRIA bandiera; ma servirne due è peggio che non servirne nessuna, ed è manifestazione dell’indole del servo, che rigenera il fascismo mettendosi sempre al servizio chi vede come il più forte.

§  §  §

18 giugno 2022

Blog de Il Fatto

Commento al post “Cloe Bianco, il ministero dell’Istruzione avvia una procedura di approfondimento sulla morte della professoressa”

In Cristo si è fermato da Eboli, Carlo Levi, al confino per antifascismo, su un prete lì trasferito per “certe libertà con gli allievi del seminario”: “pecora nera […] in un branco di lupi”.

Il branco di lupi pratica e occulta il “childism”, “pregiudizio istituzionale e ingiustizia sistemica contro i bambini, nelle decisioni politiche sul covid”*. Si riportano aumenti dei disturbi psicologici, dei suicidi, danni allo sviluppo e alla formazione, tra i minori con le misure covid. Dure in Italia. E danni fisici da misure a da punture di mRNA, ingiustificate sul piano medico. Il governo, scandinavo sulla promozione dell’omosessualità, è ducesco nell’abusare le giovani generazioni. Impone la mascherina a scuola come pedagogia della sottomissione. Presidi concussori premono sugli alunni perché si vaccinino. Gli insegnanti costretti a un vaccino inefficace, e pericoloso, pena l’allontanamento dal lavoro. Su questo scempio “l’opposizione”, che si inalbera sul professore con la gonna, sta buona. I sindacalisti si mettono al servizio di questo fascismo; i magistrati, di questa camorra. Passivi i genitori sulle coercizioni applicate ai loro figli. Gli studenti subiscono mansueti e “protestano” a comando, stavolta per la triste storia di Cloe. Gli omosessuali si elettrizzano a questo non considerare altra discriminazione che la loro, per disegno politico, non per reale civiltà, che viene altrimenti calpestata.

*We must call out childism in covid-19 policies. BMJ, 29 ott 2021.

@ Michelangelo Scali. Non basta la mascherina, che ci fa primi nel mondo civile per stigma servile. Ci vuole anche il tuboscopio. “Stare sul punto”. E’ tipico della finta sinistra che nel riflettere sulla tragica vicenda di una persona che “non stava al suo posto” si pretenda di ridurla a un evento puntuale, e di fissare il ristretto diametro del tuboscopio, il tubo di cartone da usare come cannocchiale attraverso il quale guardarlo, ciechi all’immediato quadro di cui è parte, tragico e scandaloso.

@ Michelangelo Scali. Cloe è morta, altrimenti mi appellerei a lei, che insegnando fisica sapeva che in matematica “il punto” non ha dimensioni. Che ti devo dire. Ci sono stati gay, come quelli di Act Up, che lisciando il potere biomedico hanno collaborato a disastri. Come fai tu. Attivisti gay come Lauritsen, l’autore di “Poison by prescription”, che invece si sono spesi contro le frodi mediche. Gay come Pasolini che predisse il degrado ora in corso, e gay come Edgar Hoover che lo anticiparono. Corri a salire sul carro della parata Pride. Per quanto variopinto e trasgressivo esteriormente, è quello cupo e tetro di chi comanda.

@ Michelangelo Scali. Dei soliti, espressione dei poteri che già si servirono del ’68 per scardinare il vecchio ordine e sostituirlo con uno non migliore e funzionale ai loro interessi (Lasch, Pasolini). Per esempio di Ursula, la stessa dei vaccini obbligatori e della guerra alla Russia attuata tramite l’autocastrazione economica: “Lgbt, Von der Leyen: “la legge ungherese è vergognosa. non serve a proteggere i bambini, è un pretesto per discriminare”. “Se l’Ungheria non aggiusterà il tiro, la Commissione utilizzerà i poteri ad essa conferiti in qualità di garante dei Trattati.” Il Fatto, 7 luglio 2021. O del noto Tavistock: Tavistock Appeal: Puberty Blockers Give ‘Children Time to Choose’. Medscape, 24 giu 2021. Con questi protettori si diviene strumento di oppressione mentre restano discriminazioni.

@ Michelangelo Scali. Ah, se ha permesso a papà di andare all’università, allora … Il trattamento fascista di studenti e insegnanti in nome del covid? E che c’entra con Cloe, e poi è buona scienza, e noi che mica siano cavernicoli lo capiamo. Il “punto” è che a scuola si possa praticare a piacimento il cross dressing senza che nessuno si azzardi a dire una sillaba.

Molti gay sono un po’ self-centered. “Il punto” è il loro ombelico. L’individualismo, la propensione a privilegiare il privato rispetto al collettivo – accorgendosi dei diritti civili solo se finalizzati a questo scopo – costituiscono un punto di contatto ideologico col liberismo, che facilita l’alleanza. Sì, io sono nostalgico. Nostalgico di antifascisti veri – non come quelli posticci che servono il fascismo dei banchieri. Es. Salvemini, che osservò che tanti sono troppo istruiti rispetto alle loro capacità intellettive. Ma sto insistendo nello scandalizzarti, sollecitando il tuo bigottismo politically correct. Prendi esempio del tuo amico, che pratica il suprematismo gay e dice che dovete avere pietà di me: compatiscimi e ricongiungiti alla sfilata.

§  §  §

V. anche: Il canone italiano

%d bloggers like this: