Il fascismo mussoliniano, il fascismo dei banchieri e il fascismo pecorone

18 October 2021

15 ottobre 2021

Blog de Il Fatto

Commento al post ““Non solo Agamben”: oltre 100 filosofi contestano il loro collega e firmano un documento a favore di Green pass e vaccini – Il testo”

 

Ai fini pratici vanno distinte tre varietà di fascismi. Il “fascismo mussoliniano”, che viene usato in questi giorni – bipartisan – per mimetizzare con una farsa i colpi di mano del ben più potente “fascismo dei banchieri”. E per coprire l’asservimento al fascismo dei banchieri, distraendo e attribuendosi grottesche illibatezze antifasciste (Pasolini; si stanno usando vecchi fasci noti essere nella disponibilità dei servizi, locali ed esteri; speriamo che non si torni a usare qualche bomba).

Il fascismo dei banchieri attecchisce bene da noi anche perché siamo la terra del temibile “fascismo pecorone”: “chi lascia fare e s’accontenta, è già un fascista” (Cesare Pavese). Correggendo Montanelli, tanti italiani sono pecore fasciste. Hanno dentro il fascismo dei deboli, che si appecorona al potere. E non sa attaccare se non chi è inerme ed è in sfavore. Il fascismo gretto che spesso sfrutta la possibilità che gli viene offerta di sfogare le proprie frustrazioni e i fondati sensi di inferiorità verso chi è più fortunato di lui quanto a doti morali e intellettuali, e di soppiantarlo nel ruolo.

Con questo attacco squallido a chi può davvero dirsi filosofo i cento accademici scarsi almeno si rendono utili nel dare una scultorea dimostrazione del fascismo delle pecore che rende possibile in Italia il fascismo dei banchieri. A cento anni dal fascismo antico, come allora enunciamo un fascismo al mondo; stavolta con la app per lavorare e vivere lodata in coro dai cento pensatori.

§  §  §

25 ottobre 2021

Blog de Il Fatto

Commento al post di   “Foggia, Mattarella all’inaugurazione dell’anno accademico: “La criminalità si combatte con la formazione delle coscienze in tutto il Paese”

Come la mafia mussoliniana serve a mimetizzare l’asservimento della “sinistra” al fascismo dei banchieri, e a meglio praticare il fascismo dei banchieri ergendosi ad autorità morali in quanto “antifascisti”, così la mafia dei tagliagole serve a mimetizzare l’ipomafia istituzionale, cioè culture e pratiche amministrative mafioidi a fini illeciti abusando dei poteri dello Stato; e serve a meglio praticare l’ipomafia istituzionale ergendosi a maestri di legalità in quanto “antimafia”. Il teppismo fascista e i tagliagole organizzati vengono lasciati crescere quanto basta a usarli per declamazioni che ormai suonano come i rintocchi di campane crettate. Ciò spiega perché vergognosamente dopo decenni di lutti e devastazioni in Sicilia, Campania, Calabria, dopo avere immolato i migliori ed essersi vestiti delle loro spoglie, si lascia proliferare un areale della malapianta in Puglia.

§  §  §

9 novembre 2021

Blog de Il Fatto

Commento al post “Il video di Brunetta in cui spiega agli imprenditori che i controlli a sorpresa verranno aboliti: “Inaccettabili, hanno invasività insopportabile” “

Ricorda la scena finale del film “Anni Ruggenti“ (1962), da rivedere ora che si agita il fascismo mussoliniano per mimetizzare l’asservimento al fascismo dei banchieri: “Camerati, ho preferito telegrafare perché non amo le ispezioni segrete. D’altronde sarebbe stata una mancanza di fiducia in voi, che siete le forze vive della nazione” (il gerarca vero al suo arrivo, accolto dai fascisti forchettoni della città di provincia, dopo che Manfredi è stato riconosciuto).

§  §  §

12 dicembre 2021

Blog de Il Fatto

Commento al post “Piazza Fontana, il Senato twitta la relazione degli ex Msi che rilancia la pista anarchica. Fratoianni: “Oltraggio, fu attentato fascista”

Fu, come si dice, una “strage di Stato”. Ma si dovrebbe dire “strage di Stato commissionata”. Meglio, “strage di Stato commissionata e lasciata impunita”*. Meglio ancora, “strage di Stato commissionata, lasciata impunita e con perenne copertura istituzionale dei mandanti con attribuzione di tutte le responsabilità agli esecutori”. Gli italiani avrebbero da guadagnare, soprattutto oggi, per ciò che attiene al loro futuro, dal superare il timore reverenziale e riconoscere sia il ruolo dei pupari stranieri**, sia – non meno deleteria – la viltà dei burattini istituzionali; invece di accettare, facendosene partecipi, il solito teatrino depistante e autoassolutorio fasci-compagni.

*Salvini G. La maledizione di Piazza Fontana. 2019.
** Willan P. Puppetmasters. The political use of terrorism in Italy. 2002.

13 dicembre 2021

Blog de Il Fatto

Commento al post “Strage di piazza Fontana, Mattarella: “Processi hanno lasciato verità non pienamente svelate. Ma emerge la matrice eversiva neofascista””

La matrice eversiva fu atlantica. La sua manovalanza neofascista emerse già al tempo delle calunnie del questore Guida. Che, ho sentito a una conferenza dalla figlia di Pinelli, era stato addetto al confino quando era nella polizia fascista. E’ vero che c’è dai tempi del fascismo di cento anni fa un filo ininterrotto delle infamie; sia nero, rosso, bianco o altro il colore che assume nei vari tratti. Vige il “tolemaicismo” sui misteri d’Italia, cioè il mettere al centro delle ricostruzioni fattori interni, torturando fatti e logica. I post fascisti reggono il gioco ai “glaxocomunisti”, che si rifanno una verginità gridando alle camice nere, mentre servilmente evitano così la visione corretta, “l’eliocentrismo” nel quale l’ltalia è un satellite di poteri esteri, che ne determinano il corso, con i vari mezzi del potere; es. usando cialtroni rossi o neri come pedine. Questa mistificazione, dettata dai mandanti, è anch’essa una prosecuzione in altre forme di quegli anni che si dicono passati; e che invece servirono tra le altre cose a sostituire una classe politica, quella dei Moro, dei Mattei, dei La Torre, che manteneva il senso degli interessi nazionali con una i cui componenti gareggiano nel fare i tirapiedi ai poteri che ordinarono le bombe nell’Italia prospera di allora e che oggi ordinano gli inoculi dietro ricatto del fascismo dei banchieri, nell’Italia tornata terra di conquista.

 

§  §  §

V. anche: Il canone italiano

%d bloggers like this: