Definizioni calde e definizioni fredde della mafia

22 febbraio 2008

Forum http://www.marcotravaglio.it

Post del 22 feb 08

sito chiuso


La ‘ndrangheta sta prendendo il posto di Cosa nostra come mafia principale: come entità provvista di caratteristiche che, facendole trascendere il piano della criminalità organizzata, ne fanno l’antagonista dello Stato. Il contraltare della legalità. Un’ulteriore consacrazione è avvenuta con la relazione della Commissione parlamentare antimafia, rilasciata in questi giorni, per la prima volta dedicata alla ‘ndrangheta. La relazione è stata così riassunta ai giornalisti dal Presidente Forgione, che nel 1994 fu l’autore di “Oltre la cupola – Massoneria, mafia, politica.”, un libro illuminante sulla natura della criminalità organizzata calabrese: “Il contagio delle ‘ndrine da Limbadi e Rosarno all´Australia. Da San Luca a Duisburg. Molecole criminali che schizzano, si diffondono e si riproducono nel mondo. Una mafia liquida, che si infiltra dappertutto, riproducendo, in luoghi lontanissimi da quelli in cui è nata, il medesimo antico, elementare ed efficace modello organizzativo.” “Alla maniera di Al Qaida con un´analoga struttura tentacolare priva di una direzione strategica, ma caratterizzata da una sorta di intelligenza organica, di una vitalità che è quella delle neoplasie, e munita di una ragione sociale di enorme, temibile affidabilità”. Tali commenti della Commissione antimafia ripetono e abbelliscono, con un elegante stile barocchetto, il parere internazionale su questo nostro prodotto: “As One Mafia Fades, Italy Faces Another Organized Crime Group, The ‘‘ndrangheta, Is Responsible For 80% Of Europe’s Cocaine Imports. (CBS e Christian science monitor, 10 nov 2007). “Loretta Napoleoni: «La ‘ndrangheta è l’unica associazione criminosa davvero globalizzata»” (http://www.giovaniemissione.it 17 ago 2007).

La descrizione di Forgione va ad aggiungersi alle altre definizioni della mafia che possono essere chiamate “calde”. Questa è così calda che la mafia passa dallo stato solido a quello liquido, o addirittura gassoso, visto che si paragonano le ‘ndrine a molecole che schizzano liberamente raggiungendo, com’è proprietà dei gas, qualunque zona del contenitore, che in questo caso è il mondo. Più che i libri di Bauman, il sociologo della “modernità liquida”, i fumetti di Batman: siamo a Gotham City, un luogo già inquietante, e un mostro, un moderno Proteo, incombe sulla città; ma c’è chi ci può proteggere: le nostre gloriose istituzioni. Alle numerose definizioni calde si contrappone un numero minore di definizioni “fredde” della mafia. Le definizioni calde esaltano gli aspetti simbolici della mafia, mentre quelle fredde considerano la mafia come un caso. La premessa di una mafia-simbolo porta a conclusioni diverse, e a volte lontane, dalla premessa di una mafia-caso. La più nota definizione fredda è quella di Giovanni Falcone: “La mafia è un fatto umano e, come i fatti umani, ha un inizio e una fine”. Falcone, con questa frase che dovrebbe rappresentare un’ovvietà, ha speso la sua autorevolezza per correggere impostazioni errate. Ha indicato la necessità di desacralizzare la mafia e di ricollocarla nel contesto corretto, quello storico.

La protezione da parte del potere appare come il concetto chiave per definire la mafia. Una doppia protezione: protezione reale sottobanco della mafia, e protezione alla mafiosa dei cittadini dalla mafia stessa in cambio del pizzo del consenso e della sottomissione. Il risultato è che la mafia viene tenuta sotto controllo, viene repressa, ma non viene bloccata né tanto meno viene eradicata. Le spiegazioni calde tendono a spaventare il pubblico e a giustificare il fallimento della lotta alla mafia. Presentando la mafia come l’impero del male, invece di vergognarsi di avere lasciato libero qualche boss per decenni, quando lo si va a prendere si celebra la sua tardiva cattura con un trionfo da vittoria di guerra. (Meriti che a volte poi vengono spesi in operazioni sporche in altri campi). Forse le definizioni fredde possono essere ridotte a questa: la mafia è un’organizzazione di delinquentacci che è stata scelta dal potere per la gestione di alcuni grandi traffici, ed è pertanto protetta dal potere. L’organizzazione è composta, soprattutto nei suoi ranghi superiori, da soggetti di elevatissimo spessore criminale, a volte autentici sociopatici. Il loro successo, o meglio la loro cooptazione, poggia anche su importanti fattori culturali e antropologici, che li rendono particolarmente adatti a gestire grandi traffici. Ma ciò che li rende invincibili, e che perciò li rende mostruosi, è la protezione. Non è che i tedeschi o gli australiani si mettano paura dei tamarri malavitosi che dalle tante montagne e poche pianure della Calabria sono arrivati fin lì, confusi nella diaspora dei calabresi onesti. (La Calabria è sia la regione più povera, sia quella maggiormente anemizzata dall’emigrazione; oltre un milione di calabresi sono emigrati nel secolo scorso, su una popolazione che attualmente è inferiore ai due milioni. Le città col maggior numero di calabresi non sono in Calabria. Altro che “molecole che schizzano”). Non è che i germanici o gli anglosassoni siano smarriti di fronte alla sopraffina scaltrezza dei criminali reggini o catanzaresi. I tedeschi sono, per limitarsi al dopoguerra, quelli che diedero un taglio al terrorismo suicidando la banda Baader-Meinhof dopo un dirottamento. Gli australiani, che hanno origine da una colonia di soggetti che gli inglesi ritennero opportuno deportare all’altro capo del mondo, non hanno fama di gente che si fa mettere i piedi in testa. Appare più realistico pensare che alla ‘ndrangheta siano state assegnate alcune funzioni a livello internazionale, com’è avvenuto per Cosa nostra, che esplose quando entrò nel traffico mondiale della droga. Ma la mitologia magnogreca sulla mafia continua; così oggi abbiamo uno Stato che sostiene di poter portare democrazia, pace, legalità in scenari come l’Afghanistan; ma di non riuscire a fare lo stesso a casa sua, in paesini come Platì o San Luca, luoghi mitici abitati da mostri antropomorfi. Invece che a un cancro, che è dotato di una sua autonoma capacità di crescita e metastatizzazione, la mafia fa pensare ad un’infezione opportunistica, che insorge e si diffonde fino a devastare l’organismo non per la particolare virulenza dei germi, ma per la debolezza delle difese immunitarie, in un soggetto al quale siano stati inoculati farmaci immunosoppressori.

Un’altra definizione fredda di mafia è quella di Lampedusa nel Gattopardo. Il raffinato osservatore della realtà siciliana, che forse, nel dialogo del principe col deputato piemontese, arzigogola un po’ troppo sul carattere dei siciliani, è breve e reciso sui mafiosi: “si capiva subito che Vincenzino era “uomo d’onore”; uno di quegli imbecilli violenti capaci di ogni strage”. La borghesia mafiosa ha un antesignano in Calogero Sedara, furbo e avido, che diverrà senatore. “Sempre fortunato Don Calogero”, perchè il suocero, quando comincia a diventare “importuno e prepotente” viene trovato morto su una trazzera con “dodici ‘lupare’ nella schiena”. Un arrampicatore senza scrupoli, uno delle “iene e sciacalletti” che come tutti i potenti di turno si credono “il sale della terra”.

C’è un interesse a far vedere la mafia come il Male, inteso in senso esistenziale; un interesse ad avere un babau che spaventando i cittadini conferisca legittimità al potere legale e gli permetta di proseguire i suoi affari “perbene”. La mafia permette di avere un babau in carne e ossa. E di averlo in casa: alcuni politici stranieri devono invidiare i nostri politici per questa comodità di cui avvedutamente non si sono liberati. Così come Al Qaida sta permettendo la guerra permanente contro gli Stati canaglia; così come lo stragismo consentì alla classe dirigente, nelle parole di Pasolini, di “rifarsi una verginità antifascista”, e quindi di proseguire l’andreottiano “tirare a campare”; allo stesso modo la mafia siciliana e ora la ‘ndrangheta conferiscono legittimità allo Stato e alla classe dirigente, che ne hanno tanto bisogno; e fanno sembrare meno gravi i tradimenti dei politici e i loschi affari della borghesia che non spara. Lo stesso Forgione, nel denunciare questo nuovo cavaliere dell’apocalisse conclude che “serve un’opera di pulizia, a partire dalle candidature per le prossime elezioni”. Proprio lui, che si è opposto all’esclusione di indagati, imputati o condannati per mafia nella Commissione parlamentare antimafia, e ci ha messo Alfredo Vito e Cirino Pomicino (Antimafia omeopatica. In: Mani sporche. Barbacetto, Gomez, Travaglio. Pg. 730). Siamo sotto elezioni politiche; fa comodo mostrare la ‘ndrangheta come un blob marziano, capace di permeare ogni interstizio, e presentarsi come dei Catone che difendono la Repubblica. Poi ci sarà tempo per lasciare i toni intensi e ispirati e tornare alla routine, con l’antimafia dei pompieri di Viggiù: “L’antimafia è sempre stata così anche in passato” ha risposto Forgione alle critiche sulla sua concezione di Commissione antimafia (Mani sporche, cit.). Un modello organizzativo antico. La mafia sarà liquida, ma le istituzioni hanno più buchi di uno scolapasta.

Il paragonare la ‘ndrangheta al terrorismo e dipingerla con toni magniloquenti fa ricordare un’altra definizione fredda. Quella di Walter Tobagi, sul terrorismo, mentre saliva il panico: “Non sono samurai invincibili”. Si sono perfino pubblicati saggi che danno interessanti interpretazioni psicoanalitiche della mafia. Contributi utili; insistendo sugli aspetti caldi si rischia però di perdere di vista il nocciolo del problema, che è quello della protezione, della continuità e della condivisione di interessi con il sistema di potere legale. Con una caterva di fiction, di cattiva letteratura, si è fatto in modo di rendere la mafia un genere letterario e cinematografico. Le iene e gli sciacalletti, trasfigurati in figure leonine, come i grandi predatori della savana dei documentari naturalistici affascinano chi non subisce le loro zanne e i loro artigli. Mentre le definizioni fredde della mafia non incontrano i gusti del pubblico. Anche perché possono obbligare il comune cittadino a interrogarsi sulla distanza che lo separa dalla mafia; una distanza che per i milioni di clientes della politica, di beneficiati da consorterie varie, risulterebbe ben minore di quella stratosferica delle descrizioni calde. Le descrizioni fredde piacciono ancora meno a quelli che comandano; sempre fortunati, perché Falcone, e anche Tobagi, che si stavano facendo ingombranti, sono stati uccisi. Lampedusa, l’autore di uno degli ultimi grandi romanzi classici, uno scrittore anti-ideologico, che dice qualcosa di essenziale su come va il mondo, e su come va in Italia e nel Sud, è stato fin dall’inizio sullo stomaco al potere, e preti, comunisti, ex-comunisti e liberisti fanno a gara nel denigrarlo e ricacciarlo nella polvere degli scaffali, tra i minori. Ma la mafia, come grave problema, come piaga, è questo: delinquentacci protetti. Un’organizzazione di delinquentacci protetta in quanto ben inserita in un corso storico. La delinquenza ce la mettono i mafiosi, ma la protezione ce la mette il potere. Senza le alte protezioni, la mafia sarebbe ciò che è stata per decenni, un fenomeno locale e che quindi, volendo, potrebbe essere soffocato coi mezzi moderni; com’è avvenuto per il banditismo sardo. Il suo cospicuo portato sociologico sarebbe pure un fenomeno locale, materia per specialisti, ma non la renderebbe invincibile. Con le protezioni di cui gode, la figura del mafioso, e il suo contorno sociologico, sono stati ingigantiti, fino a fargli effettivamente acquisire statura mondiale. Un modo primitivo del potere, un caso particolare, una sopravvivenza del passato, è divenuto uno dei protagonisti dell’era della globalizzazione. Dev’essere stata terribile, una situazione da dramma di Shakespeare, la condizione di quei pochi uomini delle istituzioni che hanno combattuto veramente la mafia, mirando alla radice che la collega al potere legale; e che hanno scoperto che mentre fronteggiavano dei delinquentacci avevano alle spalle un sistema che protegge gli stessi delinquentacci.
_________________
La prima liberta’ e’ la liberta’ dalla bugia

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: