I magistrati alle dipendenze del Ministero della Verità

20 February 2022

19 febbraio 2022
Blog de Il Fatto
Commento al post di E. Dragagna, G. Ripamonti, S. Gandini “Super green pass, alcuni provvedimenti giudiziari stanno dando ragione a chi ne è sprovvisto”

CENSURATO

Mostrate ai magistrati questo: Where’s the evidence for waning vaccine immunity? Gruppo Hart, 17 feb 2022. E i suoi link. Documenta come ciò che viene messo sul piatto della bilancia a favore della vaccinazione obbligatoria probabilmente dovrebbe stare sull’altro, data un’inefficacia del vaccino nel prevenire la malattia e l’efficacia di come viene usato nel diffonderla e nel prolungare i danni da misure.

Il vaccino favorisce l’infezione, che conferisce immunità naturale. Per una malattia ad alta asimmetria, lieve nella gran parte dei casi. (Il vaccino quindi favorisce anche la diffusione del virus). Il bilancio però viene fatto due settimane dopo l’inoculo. Un trucco contabile col quale gli ammalati da vaccino vengono contati come non vaccinati che si sono colpevolmente ammalati. E i naturalmente immunizzati come resi immuni dal vaccino.

Essendo frazioni diverse della popolazione suscettibili a varianti diverse, i “vaccinati”” sono suscettibili a nuove varianti. Ciò viene fatto passare per una forte evanescenza dell’effetto del vaccino; tradotta prontamente nell’obbligo da scienziato pazzo di richiami ravvicinati (che causano altri danni).

Andrebbe mostrata ai magistrati anche la lucida e chiara ricostruzione della fisica della corona d’oro fasulla e dell’Eureka di Archimede che ne dà Tolstoj; che sentiva forte l’obbligo logico ed etico di controllare i pesi sulla bilancia, invece di dare per scontato il loro valore nominale. Qui stabilito dal Ministero della Verità.

[Nota: Il racconto di Tolstoj è “Il peso specifico”. E’ riportato in: La Mala Misura. Antologia di bilance ingannevoli e pesi falsi. A cura di R. Alessandrini. Lunaria 29, 2006.]

§  §  §

19 febbraio 2022
Blog de Il Fatto
Commento al post “Perugia, si indaga sulla morte del biologo no vax Franco Trianca: accusato di omicidio colposo il medico di base che firmò l’esenzione”

Nei test statistici sull’efficacia di un farmaco è corretto verificare non solo la possibilità di una maggiore efficacia rispetto al controllo, ma anche quella di una efficacia minore: si usano test di significatività “two-sided”, bilaterali, e non “one-sided”, unilaterali. Magistrati sostengono questa buona prassi statistica (D.C. Baldus et al. Equal Justice and the Death Penalty: A Legal and Empirical Analysis, 1990). Il Procuratore Cantone invece, legato a Renzi e al vescovo Paglia, che hanno forti agganci col business biomedico, considera solo la possibilità che la morte sia una conseguenza di mancate somministrazioni di farmaci da opposizione al vaccino. Non chiede di conoscere le cause di morte per risalire da queste ad eventuali responsabilità. Non parte dai fatti ma dal presupposto a priori che responsabilità sulla morte di un “no vax” in ambito medico non possano che derivare da omessi trattamenti. Non anche da possibili condotte attive scorrette. Le evidenze sugli scambi di attribuzione di cause tra vaccinati e non vaccinati, es. *, e la possibilità di confirmation bias, da parte dei medici selezionati tramite l’obbligo vaccinale, che condizionino negativamente il trattamento dei pazienti con lo stigma “non vax”, esulano dal campo visivo di una magistratura che si è messa alle dipendenze del neo istituito “Ministero della Verità”. E che lo stigma iatrogeno lo alimenta.

* Where’s the evidence for waning vaccine immunity? Gruppo Hart, 17 feb 2022.

@ Max Costantini. Sackett, padre della EBM (venerato da Cartabellotta; che pratica la metodologia di cui si dice seguace come Napoleone de La fattoria degli animali l’uguaglianza; o i 5S ciò che promettevano per avere il voto):

Diagnostic suspicion bias

A knowledge of the subject’s prior exposure to a putative cause (ethnicity, taking a certain drug, having a second disorder, being exposed in an epidemic) may influence both the intensity and the outcome of the diagnostic process.

E’ stato creato un “lysenkoism bias”. Così chiamo il potenziamento, tramite condizionamenti ed eliminazioni dei medici, dei noti diagnostic suspicion bias, expectation bias, confirmation bias, incorporation bias, a danno di non-vaccinati e vaccinati. Cioè tramite la sospensione dalla professione per non essersi vaccinati, le intimidazioni, il discredito, i ricatti, i premi, il bombardamento ideologico. Un bias a danno della salute di singoli; e determinante per l’inaudito perdurare dell’epidemia con le sue “misure” e i conseguenti danni a salute e società. Bias perverso del quale sono responsabili anche i magistrati, che avallano minacce ed epurazioni, fanno tintinnare le manette e prestano la credibilità della loro carica alla propaganda martellante.

I principi costituzionali se sono vivi vivono tra gli uomini: la loro presenza o assenza al letto del malato sta facendo in molti casi la differenza tra la vita e la morte. Sono i magistrati che li tradiscono che come le stelle stanno a guardare da lontane altezze.

@ Max Costantini. Sì, l’ho letto. Leggi tu e fai leggere questo: “Covid-19: politicisation, “corruption,” and suppression of science. When good science is suppressed by the medical-political complex, people die.” 2020. E’ dello executive editor del British Medical Journal. La gente muore se si sopprime, con la forza dello Stato, la dialettica tecnica. E’ dimostrato che c’è una correlazione positiva invece che inversa tra stringency delle misure e decessi. L’Italia è tristemente il paradigma di questa assurdità. Di questa enorme trave nell’occhio, che i magistrati non vedono. L’altro giorno Gratteri ha chiesto pene “proporzionate e proporzionali alla realtà criminale”. Qui non solo non c’è la minima proporzionalità delle misure. Ma con le epurazioni e la criminalizzazione si stanno abolendo le proporzioni, in senso matematico. Una proporzione è un particolare rapporto tra due quantità dove il numeratore è incluso nel denominatore. Es. su 100 medici attivi, x sono contrari alla narrazione ufficiale. Se gli x medici vengono epurati la proporzione va a zero. Resta un rapporto, ma tra una minoranza di esterni che dissentono e quelli con la tessera che operano. Ciò vale anche per altri addetti e decisori. Il mantenimento di una proporzione matematica, cioè di una minoranza critica all’interno del sistema, può essere un criterio di conformità alla Costituzione e all’interesse del Paese per giudicare su ostracismi e discriminazioni di Stato. Per evitare che la gente muoia.

@ Max Costantini. Avrei anch’io una piccola curiosità sociologica: i magistrati cosa provano ad avere sostenitori della tua caratura?

Quanto a “comprendere” io non ne sono mai sicuro e mi interrogo su questo in continuazione. Nel senso che non mi fido della comprensione immediata, prima facie: peste, tragedia, necessità di intervenire col fuoco. “Ovviamente”, “non vi è chi non veda”, etc. Come hanno spiegato Kahneman e Tversky in “Thinking fast e slow”, la comprensione facile può ingannarci. Bisogna scavare. Es. la scuola di Sackett, l’idolo tradito di Cartabellotta, ha analizzato come non sia semplice definire la normalità rispetto alla malattia – o ad una epidemia. Mostra come alcuni criteri “ovvi” siano fuorvianti. E considera tra i validi quello terapeutico: dove la normalità è segnata dal limite oltre il quale le terapie – le misure di contrasto, per una epidemia – dimostrabilmente “do more good than harm”. E qui oggi siamo in una situazione dove le misure sono peggio che niente, come mostra l’accumularsi di segnalazioni di gravi effetti iatrogeni paradossi e di profezia che si autoavvera; e anche la comparazione con tanti altri paesi che badano a non tenersi questa pietra al collo. Un criterio che dovrebbe avere rilevanza sulla liceità delle misure a nodo scorsoio. Dovrebbero chiederselo anche altri, inclusi i magistrati che vantano amici curiae come te, se hanno capito.

@ Max Costantini. No, non ho risposto al tuo insulto ripetuto ma ne ho preso spunto. Tu sei come quelli che nel raccogliere deposizioni prima scrivono le risposte e poi fanno le domande. La procedura giudiziaria della regina in Alice nel paese delle meraviglie. E non solo della madama immaginata da Carroll.

@ Max Costantini. Paraocchi, invasato, ti è partito l’embolo, partito per la tangente, spassosissimo etc. Dev’essere una bella soddisfazione per Cantone avere fiancheggiatori come te. Ma c’è del vero, non perché io sia come ti prendi cura di insozzarmi ma in senso relativo. Indagare a senso unico su una morte anomala – con una tesi precostituita nel senso gradito al potere – e rispondere come fai tu con insulti e dileggio ad argomentazioni, ha una sua serietà. La serietà dell’assicurarsi la pagnotta senza guardare in faccia a nessuno. In questi giorni Speranza ha deciso che la prova di avvenuta guarigione non è sufficiente ai medici per riavere il loro posto di lavoro; devono comunque vaccinarsi. Accettare una simile aberrazione, medica e morale, è come sottoporsi a uno di quei rituali di affiliazione a gang basati sul degrado fisico e morale. E’ anteporre la pagnotta a qualsiasi altra cosa. Tu confermi come questa particolare serietà sia diffusa negli ambienti che difendi a baguette tratta.

@ Max Costantini. You serious? Rileggiti i tuoi di commenti: tu chiami “estremista” chi avanza una critica; e il tuo non presentare l’ombra di un argomento, uno straccio di confutazione, ma atteggiarti a caporale e bofonchiare senza tregua, lo chiami “non essere mai estremista”. Il tuo è l’estremismo della lotta per la sopravvivenza. La pacatezza del terrore del perdere i favori del padrone. E non sei solo. La magistratura “a prescindere” ha enormi responsabilità col suo stare “in riposte mura” e fare capolino per segnalare di essere dalla parte di chi con la scusa della salute sta arando e spargendo il sale non solo sulla Costituzione, ma sui diritti primi, e sulla stessa pratica del diritto. C’è da chiedersi con quale faccia i magistrati si presentano ai loro colleghi di altre nazioni a insegnare come combattere la mafia, dopo ciò che stanno permettendo e favorendo per il covid.

Sul vedermi come estremista; sul vostro credervi moderati; e su ciò in cui dovrebbe consistere il reale “non estremismo”, a partire da chi occupa il posto di magistrato:

“Quando [tutto] si muove in modo uguale, in apparenza non si muove niente, come su una nave. Quando tutti vanno verso la dissolutezza, sembra che nessuno ci vada … Colui che si ferma mette in evidenza l’esagerazione degli altri, come se fosse un punto fisso” (dal Pensiero 592 di B. Pascal).

@ Max Costantini. CENSURATO.

Tu sei tra i soggetti che nella mia esperienza ronzano attorno alle Procure ( Entomologia forense. L’infestazione da troll delle notizie di reato ). Come questa, che aumenta la lunaticità ufficiale sostenendo di potere e volere verificare un omicidio impossibile; ed emettendo così disinformazione che causa reati reali della massima gravità:

Other places discuss the lunacy of the mandatory approach: it is tyrannical (and not a “very important patient safety argument”), and totally counter-productive. For covid, it is clear to anyone who is willing to look at the data that vaccinated populations are not doing better than unvaccinated ones. What is more, there are well-known scenarios (e.g. Marek’s Disease) where leaky vaccines can result in much worse outcomes for the vaccinated population, both individually and as a whole. These statements are not ‘anti vaccine’; they are ‘pro vaccine safety’ and are questions that should be asked to ensure vaccination programmes are made as safe and effective as possible. And these questions are nothing if not pertinent, when it turns out that in Israel, the most Pfizered nation on earth, it has been claimed that 80% of serious covid cases are ‘fully vaccinated’ and “the vaccine has no significance regarding severe illness”? (Reverse Ferret on Vaccine Mandate. Gruppo Hart, 9 feb 2022).

In UK il minacciato obbligo vaccinale per i medici è stato ritirato. L’infamia nella quale inzuppate il pane è tutta italiana.

 

§  §  §

19 febbraio 2022

Blog de Il Fatto

Commento al post di G. C. Caselli “Pier Paolo Pasolini, ‘Io so’ è un inno alla libertà di stampa e al ruolo degli intellettuali”

Mentre la sua produzione artistica trasmette malessere, da saggista Pasolini applicava una logica e un’acutezza robuste e lineari, lontane sia dal semplicismo sia dagli arzigogoli dei tanti traffichini che si arrabattano. Come se in lui convivessero un tormentato pittore espressionista e un lucido filosofo analitico. Oggi ricordarlo serve a “rifarsi una verginità” mentre si esercitano i tipici mercimoni intellettuali nostrani. Il più recente mio commento censurato da Il Fatto, lo stesso giorno di questo omaggio della magistratura e del giornalismo alla virtù di Pasolini, è riportato in “I magistrati alle dipendenze del Ministero della Verità”, sito menici60d15. Nel commento invito a esporre ai magistrati un’analisi scientifica sulla reale efficacia dei vaccini; sui quali i magistrati vengono chiamati – obtorto collo – a pronunciarsi da cittadini che si vedono tolti il piatto di minestra e la possibilità di guadagnarselo se non si fanno iniettare i comandi cellulari estranei, e gli altri componenti, del farmaco che non estingue l’epidemia, come è palese ed è ammesso; e la può favorire, mostra l’analisi tecnica che mi è stato impedito di segnalare. I giornalisti e i magistrati sono alle dipendenze dello stesso ministero, e come colleghi tra loro si scambiano favori. Dietro ai rintocchi solenni ottenuti ripetendo lo “Io so” stanno i versi di Paolo Conte: “no, certe cose non si scrivono / che poi i giudici ne soffrono…“.

§  §  §

1 marzo 2022

Blog de Il Fatto

Commento al post “Carceri, il giudice scelto per guidare il Dap scrive a Cartabia: “Mie frasi equivocate”. Maria Falcone: “Attenuare 41bis? Segnale pericoloso””

La mafia è una istituzione prevista dalla costituzione non scritta: uno standard negativo e un alibi che fa sembrare lecito e lascia indisturbato il grande malaffare legalizzato. Aiuta a mantenerla l’enfasi sul culto dei martiri. Che andrebbero ricordati e onorati non con gare di poesia e recitazione ma con resoconti quantitativi che mostrino quanto ci si è avvicinati all’eliminazione della mafia, l’unica “terapia” valida. Il magistrato scelto dalla custode della costituzione Cartabia addita la scarsa sostanza dietro ai riti antimafia; ma lo fa pro misure che ravvivano il benchmark mafioso, non per rendere effettiva la guerra.

Del resto, per appoggiare i gravi abusi anticostituzionali, anti-diritto, antidemocratici, anti-etici delle “misure” covid i magistrati stanno tradendo il loro dovere primo di preservare la natura induttiva del loro lavoro; di basare cioè azioni e sentenze sul serio accertamento dei fatti. Trasformano il loro compito in deduzione, povera e servile dietro al pomposo latinorum. E a volte pure zoppicante. Con omissioni e interventi che sono deformi quanto ciò che invece dovrebbero raddrizzare. Proprio come i loro sodali scienziati, medici, giornalisti; accomunati dalla degenerazione nel deduttivo, nell’astratto, nello scolastico, nel teologico, di professioni in primis empiriche e induttive. Il ritorno alla tradizione di favorire il babau mafioso fa comodo anche a molti che ne denunciano la contraddittorietà rispetto alla retorica antimafia.

§  §  §

5 marzo 2022

Blog de Il Fatto

Commento al post di L. Musolino “‘Ndrangheta, arrestato Campisi: era latitante da 2 anni. Il broker della droga era nascosto a Roma. A casa una parrucca e molti libri”

“Oh what a tangled web we weave, when first we practice to deceive” W. Scott.

E’ l’epigrafe di un articolo che spiega i trucchi contabili sulla mortalità dei vaccinati e non vaccinati*. Falsi bilanci criminali che non temono la GdF e le DDA; che stanno dalla parte di Klaus Davi, che strilla in tv istigando ad addossare ai non vaccinati la colpa di una epidemia ottenuta con manipolazioni del genere.

La mafia viene interpretata secondo categorie fumettistiche. Come fa comodo al potere**. Dovrebbe piuttosto essere analizzata con strumenti concettuali che vadano oltre il livello Gomorra. Es. quelli alla base degli structural equations models***. Sotto questo aspetto le letture del mafioso sulla criminalità massonica e sul pasionario dell’antimafia Davi sono del tutto pertinenti alla sua attività criminale. Riguardando variabili latenti, e anche confounders, ovvero poteri che agiscono causalmente sia sulla mafia sia sulle istituzioni antimafia. Come può sperimentare a sue spese, da Lamezia a Brescia, chi sia inviso alle forze, latenti, ma non troppo, che impongono sia la mafia perenne, e quindi l’antimafia perenne; sia questa novità nella storia umana e questa mafiosizzazione della biomedicina, le epidemie rovinose a sorgente stazionaria.

*Public Health Scotland and the misinterpretation of data. Hart, 4 mar 2022.
**I professionisti della metamafia. – L’ipomafia. Sito menici60d15.
***Gli structural equations model per lo studio dei Misteri d’Italia. Sito menici60d15.

§  §  §

12 marzo 2022

Blog de Il Fatto

Commento al post di S. Limiti “Stragismo e golpismo non si incontrarono mai, ma diedero forza al progetto eversivo della P2”

“La storia di una sconfitta”. E’ vero. Eversione, e mafia, sono standard negativi, che fanno sembrare “mediazione” un abbassare il livello di civiltà. Centrato l’esempio di Mussolini che sguinzaglia a tale fine gli squadristi. Ho commentato qui un mese fa, su un singolare post di un autore anticamorra che perorava una cagnotta per i lavoratori del business farmaceutico, che per valutare lo stato di legalità e democrazia bisogna resistere alla tendenza intuitiva di limitarsi all’equivalente concettuale della media aritmetica, ma bisogna considerare anche la mediana. Il Male può essere pesato o contato. La media aritmetica pesa e trova il baricentro. Le stragi, i golpe, i fiumi di sangue, pesano molto. Se ci si limita a pesarli, come vuole chi li orchestra, la soglia della legalità viene abbassata. Pilotando bombe, assassini di migliori, rumore di sciabole si è ottenuto lo scadimento dello standard: oggi, nella tempesta, accettiamo come timonieri figure minuscole e infedeli.

In statistica per evitare indici falsati dal peso dei valori estremi si usa la mediana: non si pesa ma si conta, disponendo i valori in ordine crescente e prendendo come indice il valore a metà. Le bombe, i tagliagole, non devono distrarre dagli sciami di piccoli e medi disonesti e traffichini che operano impunemente, protetti proprio dagli alibi ben costruiti dei misteri d’Italia e della sempreverde mafia: questa “ipomafia” attua il tradimento del Paese prefigurato da golpisti ed eversori.

@ Stokasto. Quanto riporto sull’uso della mediana in statistica è pacifico. In genere l’esempio che viene fatto nei libri di testo è col reddito. Se su 100 persone una guadagna 10 milioni all’anno e le altre 99 guadagnano 25000, un reddito di 124750, la media aritmetica, non rappresenta efficacemente la popolazione. Mafiosi, killer piduisti, etc, sono i “milionari” del crimine, che spostano verso il basso il livello socialmente accettabile di criminalità; ma l’effetto cumulativo degli affari formalmente legittimi, e resi così presentabili, di una classe dirigente che tra una commemorazione e l’altra ci vende non è meno pesante. Quelli colti con le mani nel sacco gridano “invece di occuparsi dei mafiosi…”; mentre Borsellino spiegava come non basta la fedina penale pulita per essere un politico pulito.

Vista la sua giaculatoria su Gauss penso che non sia solo la mia prosa a non essere immediata per lei. Che appare contagiato dal calculemus, l’automation bias. L’illusione, favorevole alle frodi, che la scienza sia una questione di applicazione di algoritmi. E che esenti quindi dal pensare*. Una degenerazione, un rifugiarsi, nel momento deduttivo, praticata anche dai professionisti della giustizia, i magistrati, es. per giustificare le leggi liberticide, nocive e sadiche basandosi sulla premessa a priori della tutela della salute, invece di esaminarne la fondatezza.

*Gigerenzer, Marewski. Surrogate Science: The Idol of a Universal Method for Scientific Inference.2015.

§  §  §

18 marzo 2022

Blog de Il Fatto

Commento al post di E. Dragagna e S. Gandini “Covid, alcuni provvedimenti giudiziari ripristinano la retribuzione ai no vax sospesi”

“[is] fundamental that the legal trial carries credibility and retains force and respect with the public because the various parties, judge, jury, opposing counsels, witnesses and police, are independent one from another”; Rennie, JAMA deputy editor, su come i trial clinici, dove chi giudica è controllato da chi viene giudicato, dovrebbero conformarsi a quelli giudiziari. Avviene l’inverso: i magistrati (es. TAR Lazio) si subordinano alle versioni di una delle parti, quella forte di chi occupa lo Stato.

A parte la manipolazione ad hoc della scala valoriale, tipica della medicina for profit e iatrogena*, i magistrati si arrogano un potere che non hanno, omettendo la verifica dei fatti e prendendo per valido un bilancio platonico, avulso dal reale – per non dire un hand-waving – tra tutela della salute e diritto al proprio lavoro. La pesata, col controllo pesi, dovrebbe essere tra asserito valore sanitario della misura afflittiva da un lato e dall’altro inefficacia, danni e rischi quoad valetitudinem et vitam del vaccino, per il singolo e la popolazione. Dati e studi mostrano quest’altro piatto come occupato, e sempre più pesante. Detto altrimenti i magistrati dovrebbero verificare l’unicità della situazione italiana rispetto al resto del mondo (e indagare sulla raggelante correlazione tra stretta a oltranza e cattivi risultati). Il loro abuso di potere coonesta l’eversione degli altri poteri dello Stato.

*Parker et al. Values in breast cancer screening. BMJ, 2015.

§  §  §

5 aprile 2022

Blog de Il Fatto

Commento al post di C. Troilo “Conosco Giuliano Amato dal 1975, fui con lui a Palazzo Chigi. Ecco cosa penso del suo libro”

Non c’è un ritorno dello Stato come espressione della comunità, ma al contrario interventi pesanti e incostituzionali dello Stato come ordoliberismo, cioè appropriazione e uso dei suoi poteri da parte di grandi interessi privati. Es. le grandi frodi mediche come balzelli a favore degli investitori e a danno della tutela della salute*. O i ricatti e le mazzette mafioidi di Stato per i vaccini covid; o gli opportunity costs, a danno del contribuente e dei malati, per il covid** o per il business delle sovradiagnosi***.

“Chi può escludere che il prolungarsi della pandemia… “ chiede Amato (con un’involontaria allusione di stampo mafioide al suo tristo ruolo da ministro degli Interni verso chi è di ostacolo a grandi interessi illeciti). Lo esclude la corretta induzione comune alla buona scienza e alla buona giustizia: non si danno epidemie che siano sia gravi sia prolungate negli anni. O l’una o l’altra, riportano biologia e storia. Il lysenkismo della Corte costituzionale è un esempio della cattura ordoliberista dello Stato, che terribile e grottesca ricorda la maschera magica**** che rende onnipotente il crimine.

*Le frodi mediche istituzionalizzate come tasse occulte. Sito menici60d15.
**Britain may be wasting nearly 3 billion pounds on Covid Gear. Medscape 1 apr 2022.
***Cumulative Probability of False-Positive Results After 10 Years of Screening With Digital Breast Tomosynthesis vs Digital Mammography. JAMA, 25 mar 2022.
**** The Mask. Wikipedia.

§  §  §

26 maggio 2022

Blog de Il Fatto

Commento al post ” “Ripararsi in stanze senza finestre e chiudere gli accessi d’aria”: inviato ai magistrati il piano per eventuale attacco chimico o nucleare”

“Prima di costruire mura così spesse, ricorda che la differenza tra una prigione e una fortezza è che dalla prigione qualcuno può lasciarti uscire” (cit.). Detto altrimenti, le carceri più efficaci sono quelle ottenute inducendo il prigioniero a rinchiudervisi da solo. La frase citata si riferisce ai meccanismi di difesa dell’ego, che proteggono la fragilità ma ingabbiano. Il tenore grottesco delle “istruzioni” mostra che il regime, che vuole mano libera, considera che almeno una quota di magistrati può essere spinta a segregarsi da sé, mentalmente, col semplice agitare qualche spauracchio.

§  §  §

Vedi anche:

“Scienza inversa”: un concetto da opporre alla parola tappabocca “scienza”

Il sinallagma ipomafioso e la giustizia a cricchetto nell’operazione Shylock

L’esproprio della salute da parte della medicina dei banchieri

Il bulverismo giuridico e giudiziario su questioni mediche

Lo knock-on dell’operazione covid in Lombardia orientale

La fraudocrazia

Nuove P2 e organi interni

 

 

%d bloggers like this: