La medicina come rimedio ai limiti della crescita economica

15 settembre 2011

Blog di Aldo Giannuli
Commento al post “I limiti della crescita e la crescita dei limiti” del 15 set 2011

Ci sono concetti che rispetto al senso comune suonano come boutades polemiche e non lo sono. Penso che al problema delineato dal Prof. Giannuli, quello di trovare nuove risorse per allargare ulteriormente i limiti della crescita economica su un pianeta già troppo sfruttato, sia stato trovato un rimedio con la trasformazione della medicina in attività economica di punta: le risorse sono i corpi delle persone; una materia prima facilmente reperibile; legata a una domanda, quella di miglioramento della nostra condizione di primati e di mortali, pressoché illimitata; e ad alta densità di valore aggiunto. Una trasformazione che si regge su un apparato di disinformazione e repressione. Es. :

https://menici60d15.wordpress.com/2011/09/10/radiotossicita-mafiosa-e-legale/

Questa scelta di fare della medicina un pilastro del PIL, più o meno volontaria e consapevole, che ha analogie e anche sovrapposizioni con l’economia di guerra, comporta diversi vantaggi: genera profitti fantastici e crescita anticiclica per il grande capitale; contrasta, malthusianamente, l’esplosione demografica e l’allungamento da benessere della vita media; è una varietà tardiva di fordismo che crea posti di lavoro ben remunerati e poco faticosi. Sarà per questo che, nonostante la sua essenza cannibalesca, piace così tanto ai sindacati, che antepongono il sudore al sangue nella loro scala valoriale.

*     *     *

“In questo mercato opera quella che gli economisti chiamano “legge di Say o degli sbocchi”, secondo cui l’offerta crea la propria domanda. Una nuova scoperta nella diagnostica o nella cura di un male trova subito un crescente numero di richiedenti. … L’Ocse ha stimato una spesa sanitaria media nell’ordine del 9% del Pil; gli Stati Uniti registrano un massimo del 15,3%… . Le spese alimentari, invece, incidono per il 16% sui bilanci delle famiglie americane e per il 18,8% in quelli delle famiglie italiane. Non è quindi infondato sostenere che la spesa sanitaria è destinata quanto meno ad affiancarsi alla spesa alimentare, fino a superarla, quale motore della crescita del reddito e dell’occupazione.” (Paolo Savona, Se la ricerca è al servizio della salute. Sole 24 ore, 17 set 2011).

*     *     *

“La ricerca di Schwartz e Woloshin suggerisce che il pubblico USA crede fermamente, ma infondatamente, che i farmaci approvati dalla US Food and Drug administration sono altamente efficaci e sicuri.

Purtroppo, anche se viene informata che i nuovi farmaci (che non hanno una documentazione storica sulla sicurezza) possono essere più pericolosi che i farmaci vecchi, e che i farmaci per i quali si è mostrato che migliorano i risultati surrogati* non è detto che in realtà prevengano la malattia, una larga  parte del pubblico sceglie comunque questi farmaci; e i farmaci privi di alcuna evidenza di beneficio clinico. … Le raccomandazioni di Schiff et al. offrono uno schema per prescrivere giudiziosamente, in modo da prescrivere meno farmaci (soprattutto farmaci nuovi), avere meno effetti avversi da farmaci, e più salute.”

(D Grady, direttore degli Archives of internal medicine, set 2011. Editoriale di commento all’articolo di Schiff et al. “Principles of conservative prescribing”, ib., sulla necessità di ridurre il consumo di farmaci per migliorare la salute)

*Es. la riduzione della glicemia e della pressione arteriosa  vs la riduzione delle complicanze cardiovascolari nel diabete e nella malattia ipertensiva; la sopravvivenza libera da aumento di volume ed estensione del tumore vs la sopravvivenza tout court nel cancro [ndt].

*     *     *

Blog de Il Fatto

Commento del 20 set 2011 al post di G. Marrucci “Se le case farmaceutiche scoprono gli open data” del 19 set 2011 

Veramente la condivisione dei dati è semplicemente parte dei prerequisiti deontologici e tecnici della ricerca scientifica, in particolare quella biomedica. Questo “Open source” è uno specchietto per le allodole, che serve a moltiplicare, con la ricerca che ristagna, le occasioni di accaparramento di lavoro altrui a fini di profitto privato; e a non parlare delle conseguenze nefaste della ricerca biomedica commerciale, continuando a lasciarla libera di fare quello che vuole:

https://menici60d15.wordpress.com/2011/09/15/la-medicina-come-rimedio-ai-limiti-della-crescita-economica/

L’open source non impedirà la deriva verso farmaci costosissimi e inefficaci. Vengono lanciati farmaci oncologici che costano 3000-7000 euro al mese senza che il cancro venga curato. I profitti beneficiano del cancer burden, che continua ad aumentare. E’ un sistema nel quale gli investitori possono guardare al cancro come quegli speculatori nostrani che sono stati intercettati mentre ridevano per il terremoto dell’Aquila.

Non sorprende che l’autore del pezzo curi la sezione “Buone notizie” di Report: questa è la tipica finta buona notizia stile RAI 3, che sembra progressista e serve il peggior liberismo. La buona notizia vera sarebbe che la gente aprisse gli occhi, che politici, magistratura, forze di polizia e giornalisti smettessero di comportarsi come stipendiati delle multinazionali tradendo il popolo, e venisse invece posto un controllo efficace sulla correttezza etica e scientifica della ricerca biomedica commerciale.

*    *    *

@alepolese. No, Open source non vuol dire gratuito, ma solo codice sorgente pubblico e modificabile (v. Free and open source, Wikipedia). La ricerca deve essere equivalente allo open source secondo la norma di Merton del “communalism”; applicare questa norma sarebbe fare metà del proprio dovere, non un passo per il quale gridare al miracolo. Ma ammettiamo come alepolese erroneamente sostiene che Open voglia dire senza scopo di lucro. Vorrei sapere quale adulto sano di mente, quanti lettori de Il Fatto possono credere che tale scelta possa riguardare il core business delle case farmaceutiche. Si prevede che nel 2014 la vendita mondiale di farmaci raggiungerà 1.100 miliardi di dollari. Questo risultato non è stato ottenuto da studiosi con la testa tra le nuvole: nel 1973 nei giorni successivi all’11 settembre cileno furono ammazzati i medici che avevano nazionalizzato e razionalizzato il mercato farmaceutico. (Oggi in Italia il business farmaceutico e i suoi illeciti possono contare su una rete massonica istituzionale di insospettabili che non è molto lontana dalla mafia). Braithwaite, in uno storico lavoro sul crimine dei colletti bianchi, concluse che quello farmaceutico è il settore più corrotto dell’industria. Diversi commentatori (es J Abramson, Overdosed America) affermano che le case farmaceutiche corrompono anche la scienza. Uno studio del set 2011 sugli Archives of internal medicine mostra che dal 1996 ad oggi il pur compiacente governo USA ha recuperato 12 miliardi di dollari frodati dalle case farmaceutiche.

Credo che Berlusconi e la mafia, i due cavalli di battaglia de Il Fatto, siano solo metà della storia delle piaghe del paese. L’altra parte, quella sommersa, è rappresentata da campagne come questa de Il Fatto, dove giocando con le catchword e falsificandone il significato manca poco che si dipingano le case farmaceutiche come dei cenobi di santi uomini che si spogliano delle loro ricchezze e girano col saio e a piedi scalzi a fare del bene all’umanità.

*     *     *

Blog L’aria che tira

Commento al post di Marco Cedolin “Latouche più radicale di Marx” del 29 set 2011

Mi associo a Cedolin dove accosta giustizia e senso del limite, vedendo quali danni sta facendo la medicina commerciale, che per la sua potente valenza antropologica consente di praticare la crescita economica senza limiti:

https://menici60d15.wordpress.com/2011/09/15/la-medicina-come-rimedio-ai-limiti-della-crescita-economica/

*    *     *

Blog de Il Fatto

Commento al post di L. Lanza “Latouche: Come si esce dalla crisi? Decrescendo”del 7 ott 2011

La decrescita degli altri

Bisogna stare attenti affinché l’augurabile programma di decrescita economica non sia confuso con quello di “decrescita”, cioè di impoverimento, dei ceti medi e bassi da aumentato sfruttamento in un sistema altrimenti immutato. Se viene cooptato dai nostri politici, questo appello alla decrescita corre il concreto rischio di trasformarsi nello “accettate con letizia di stringere la cinghia mentre noi e i poteri che rappresentiamo continuiamo ad abbuffarci a vostre spese e a fare danno al pianeta meglio di prima”. A una declamazione astratta sulla virtù dell’austerità e i mali del consumismo, che riproponga quella di Enrico Berlinguer del 1977 che Lanza cita, si può associare un appoggio pronto, cieco e assoluto alle vie più turpi per proseguire la crescita economica “legale”:

https://menici60d15.wordpress.com/2011/09/15/la-medicina-come-rimedio-ai-limiti-della-crescita-economica/

*  *  *

27 ottobre 2013

Blog de Il Fatto

Commento al post “Anm, Vietti: “Magistrati evitino invasioni”. Carbone: “Incandidabilità è questione etica” del 26 ottobre 2013

Il dr. Maurizio Carbone, segretario dell’ANM, sostiene che la magistratura svolge un ruolo di supplenza della politica anche in campo bioetico. Seguendo da anni i rapporti tra magistratura e questioni mediche, posso dire che tramite omissioni, parzialità, connivenze e interventi attivi la magistratura sta di fatto svolgendo, al fianco della politica, un articolato ruolo di complice in grandi operazioni che dovrebbero essere dette “biocriminalità”.

Poco prima di essere eletto dal Parlmento al CSM, Vietti ha dichiarato: “La sanità oggi deve essere concepita non come una spesa infruttifera per fornire ai cittadini un semplice servizio solidaristico, ma come motore di sviluppo, capace di alimentare sia la ricerca che una occupazione qualificata”. Con un’impostazione politica così radicale, non c’è da meravigliarsi che il servizio giustizia su questioni mediche divenga un servizio all’imprenditoria medica. Ricercare la crescita economica e il profitto tramite le cure mediche è roba da cannibali. Attali, banchiere, anni fa scrisse un libro che si intitola “Vita e morte della medicina. L’ordine cannibale”.

*  *  *

22 maggio 2014

Blog de Il Fatto

Commento al post di L. Vendemiale “Test Medicina, università contro il ministro: “Se li abolisce troppi studenti”

Per accedere alla facoltà di medicina bisognerebbe prima studiare per tre anni fisica, chimica, matematica e biologia, e per un anno psicologia, antropologia, sociologia, economia. Poi bisognerebbe lavorare (venendo retribuiti) per un anno come infermiere generico, a contatto coi pazienti, ruotando tra le varie specialità. Ottenuta la qualificazione con test scritti e oggettivi nelle scienze di base, e svolto il tirocinio infermieristico, si potrebbe partecipare al concorso di ammissione a medicina. I 5 anni preliminari, oltre a fornire la preparazione necessaria, servirebbero anche da filtro e sbarramento; sia sul piano delle capacità cognitive che su quello delle doti umane e caratteriali. Naturalmente, la realtà socio-economica, nella quale sempre più il medico è l’agente di commercio di grandi interessi, fa apparire ridicola una tale proposta.

*  *  *

@ Enrico. Per “diventare medico” ci vogliono più dei 6 o 10 anni di corsi di studi. Completeresti gli studi “graduate” – a numero chiuso, rapportati all’effettiva necessità di medici, non alle necessità dell’Offerta, cioè del business medico – non a 60 ma a 28 anni; e poi puoi cominciare a fare il giovane medico sul serio, anziché diventare uno dei troppi laureati in lettere mediche a 24 anni, per poi arrabattarti tra necessità di formazione professionale e procacciamento della pagnotta e del companatico.

*  *  *

@ Irene Nucci. Ci si può laureare in medicina a 24 anni (18+6).Le materie scientifiche hard compresse nel primo anno sono una penosa burletta; in questo è più razionale, pur con tutti i suoi difetti, il sistema USA, che prevede 4 anni di batchelor, in genere in materie scientifiche, prima di medicina. Le materie scientifiche sono una necessità se si vuole dirsi “scientifici” senza essere una “sòla”; non vedo come si possa discettare es. delle curve gaussiane dei trial senza saper maneggiare gli integrali, o della pressione arteriosa senza conoscere la meccanica dei fluidi; o dei farmaci senza conoscere la chimica. E’ vero che gli aspetti scientifici sono solo una parte di ciò che occorre al medico. L’arte è lunga. La specializzazione è un altro discorso; ma, se ci fosse una solida base, la specializzazione potrebbe venire ridimensionata, mentre oggi viene esaltata per ragioni di profitto, portando ad una segmentazione del lavoro, e ai relativi paraocchi, che non vanno nell’interesse del paziente e mantengono il medico in uno stato di perenne precarietà intellettuale, rispetto alla complessità e all’importanza di ciò che maneggia. Comunque, ripeto, sono discorsi utopistici; la tendenza è all’opposto, e anche in USA si parla di alleggerire il curriculum scientifico a favore di quegli aspetti che si dicono “umanistici”, ma che da soli servono solo a equipaggiare il medico con un agile scilinguagnolo e capacità recitative per una medicina votata al profitto.

*  *  *

@ Irene Nucci. Medici “troppo scienziati” non ce ne sono. E’ una tua impressione. Occorrono sia le capacità umane che quelle tecniche. E se si hanno conoscenze tecniche approfondite, se si sa a fondo di cosa si sta trattando, se si conoscono possibilità e limiti dell’atto medico sul piano biologico, se non si deve vestire una maschera, il rapporto umano col paziente potrà essere più rilassato e autentico. Ma prima ancora che la competenza e quella che chiami “empatia”, occorre l’onestà, e quella è la qualità più difficile da ottenere.

*  *  *

23 maggio 2014

Blog de Il Fatto

Commento al post di E. D’Ospina “Terra dei fuochi: incontro con Don Maurizio Patriciello. La speranza che non si arrende mai”

“Incontrare don Maurizio Patriciello è un dono” secondo Elisa D’Ospina, che si presenta come “scrittrice”. Io ritengo che per molti bambini, per molti genitori, don Maurizio Patriciello sia una disgrazia, dati i messaggi che diffonde, parziali e ingannevoli, che favoriscono le speculazioni più basse sulla sofferenza e sulla paura, complice l’aura di santità diffusa intorno a lui dai vari turiferari. Vedi: Sos cancro dei bambini e sovradiagnosi. Ilva, dal cancro nascosto al cancro inventato. Reperibili su internet.

*  *  *

@ Ilenia. Un tempo si faceva il galoppino ai democristiani, oggi direttamente ai preti. Reperibili su internet ci sono studi scientifici che mostrano milioni di casi di sovradiagnosi di cancro, dovute a fome di propaganda della malattia. E’ di queste ore la notizia che nel PIL verranno incluse anche attività illegali come traffico di droga e prostituzione. I benefici all’economia da diagnosi fraudolente di cancro, favorite dagli allarmi a senso unico ai quali lei inneggia, vi entreranno a pieno titolo.

Io segnalo a chi non si beve a occhi chiusi i raccontini delle spiegazioni ufficiali, a chi dubita che il potere che ha tollerato la camorra sia rinsavito, questo altro pericolo, che si facciano soldi sulla paura e a danno della salute dopo che si sono fatti soldi inquinando il territorio. Chi ritiene di non aver tempo da perdere ad ascoltare altre voci, ragionare e riflettere, si accomodi, segua il piffero dei don Patriciello e vada a fare la fila alla porta dei reparti di oncologia.

*  *  *

3 febbraio 2015

Blog Appello al popolo

Commento al post di M. Poggi “ISDS, l’insopportabile leggerezza degli acronimi”

Grazie per le informazioni su queste forme di governo sovranazionali, il cui peso politico è sottovalutato. La giurisdizione globalista riguarda anche il campo dell’organizzazione della sanità e il genere di cure mediche da praticare: “Gli accordi diverranno più rilevanti se dovessero sorgere contrasti sui termini o le applicazioni, o se i governi cercassero di tornare al servizio pubblico che erogavano prima. E’ in questi casi che gli accordi internazionali su aiuti di Stato, monopoli nell’erogazione dei servizi e normative nazionali appaiono preoccupanti. L’intenzione degli accordi è stata di proteggere gli investitori da trattamenti ingiusti da parte dei governi. Tuttavia, le aziende molto grandi hanno una tale esperienza e capacità in materia di contenzioso legale da riuscire a promuovere i loro interessi e diritti a danno delle singole nazioni e dei governi locali.” (tradotto da: Tritter J. et al. Globalisation, Markets and Healthcare Policy. Redrawing the patient as consumer. Routhledge, 2010).

*  *  *

4 marzo 2016

Blog de Il Fatto

Commento al post di S. Noto “Marcello De Cecco e Sergio Ricossa, un destino parallelo”

Ricossa era nell’organigramma di governo stilato da Edgardo Sogno nelle sue trame golpiste: per lui era previsto il posto di ministro del tesoro. Era però uno studioso che aveva capito i pericoli del liberismo, e la conseguente necessità di un’etica, nel rapporto tra economia e medicina, molto più di tanti “disinistra”: “Il chirurgo ed il medico devono essere amici nostri e della moderazione. Se lo sono, mostriamoci riconoscenti più che possiamo fino ad offrire loro di pagarli per interventi e cure che non hanno realizzato. Se sono amici, non accetteranno i nostri soldi. Accetteranno la nostra stima, la nostra volontà di promuoverli al grado di saggi e sapienti, che è molto di più di professore» (Sergio Ricossa, La Voce, 27 luglio 1994).

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: