Questa volta li facciamo fessi

19 aprile 2011

Blog Blogghete

Commento al post “Una donna da sposare (e votare). Le scelte geopolitiche di Marine Le Pen” del 17 apr 2011

Dunque, appoggiare una forza del fronte nemico (suppongo), perché ha detto che vuole rompere con alcune delle alleanze della famiglia politica cui appartiene. Si, dovrebbe funzionare. In Italia ha funzionato: la Lega, buona amica di Le Pen, ha detto all’inizio peste e corna di CIA, massoneria, Berlusconi, tangentisti, mafia, etc. E infatti si è visto come raccolti i voti ci abbia liberato dal giogo.

Ricordo un filmato dove Borghezio consigliava ai lepenisti di dissimulare la propria identità fascista dietro a posizioni moderate; ma è uno che sostiene che la gente dovrebbe preoccuparsi della minaccia degli UFO. Votate e fate votare Marine Le Pen e soci.

Ne “il Padrino” c’è l’episodio iniziale di un mafioso che viene mandato a infiltrarsi nella banda avversaria fingendo di avere disertato. Ma simili trabocchetti avvengono solo nei film. Nel Padrino quei rozzi delinquenti, con la loro inclinazione paranoide, non credono alla diserzione del gangster e l’ammazzano. Tra gli appassionati di film di mafia, tra i lettori accaniti di fumetti, o quelli che passano le ore in sala giochi, si può trovare qualcuno che attribuirebbe un doppio fine a madame Le Pen. Noi, persone perbene e gente di tastiera, a sostegno dell’astuta strategia di votare per i fascisti filosionisti liberisti europei possiamo citare Machiavelli, Sun Tzu, von Clausewitz, i bolscevichi, Mao, fior di think tank occidentali, etc. Se per disgrazia non funzionasse resta Achille Campanile:

IL GENERALE: Sire, abbiamo perduto la guerra, ma possiamo lo stesso dichiararci vincitori.

IL RE (incredulo): E come mai?

IL GENERALE: Siamo passati tutti al nemico.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: