Quando è lo stupido che guarda alla luna

30 marzo 2011

Blog di Aldo Giannuli

Commento al post “La luna e il dito. Della primavera araba e della nostra inadeguatezza” di A. Rivera del 30 mar 2011

Boh. E gli interessi dei Liberatori? Come l’energia, forse a partire da quella solare:

https://menici60d15.wordpress.com/2011/03/29/energia-solare-e-take-over-della-libia/

Il contrasto alla Cina; l’estensione alla sponda nordafricana dell’economia di mercato occidentale (penso anche al mercato della medicina; anche in relazione alla spinta per la “civilizzazione” della nostra sanità meridionale, e ai delitti forse non solo mafiosi che l’hanno accompagnata).

“Primavera araba”? O forse voglia dei fiumi di latte e miele e delle urì sempresane del nostro Paradiso consumista; a costo di sostituire a dei vistosi dittatori locali le ombre dei poteri stranieri, seguendo il nostro fulgido esempio di asservimento (tanta sinistra per prima) agli USA & c. ?

L’epiteto di stupido affibbiato a chi non accetta le razioni di verità del comando militare Alleato – chi le cucina in mille salse invece è un vero intellettuale di sinistra – fa riflettere che forse in certi casi è il babbeo (o il furbo) che guarda la luna quando gliela indicano; mentre occorrerebbe studiare meglio il ditino, e guardare in faccia il suo possessore.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: