No l’amore no

2 novembre 2010

Blog Uguale per tutti

Commento al Post “L’amore e la legge” di Felice Lima del 31 ott 2010

L’amore, base della vita privata, è anche una delle inevitabili e indispensabili componenti della vita civile; ma, con tutto il rispetto e la considerazione per le opinioni di Felice Lima, non credo che l’amore, anche l’amore inteso in un’accezione alta, sia sempre e necessariamente una forza positiva nella sfera pubblica; fondare poi sull’amore la legge riconduce a ideologie di tipo religioso che hanno dato cattiva prova, soprattutto quanto a giustizia. Allego, come possibile antidoto ad ebbrezze consolatorie sulla “civiltà dell’amore”, due brani, che mi pare descrivano quello che realmente avviene anziché le pie illusioni dei puri di cuore; le falsità di chi persegue il potere facendo leva sull’animo umano, e le visioni di compromesso dei più, di noi che stiamo nel mezzo:

“Col messaggio cristiano (…) amare l’altro, amore, sguardo e conoscenza sono diventati possibili in un orizzonte completamente nuovo. Ma esiste anche un nuovo pericolo: il tentativo di gestire, di assicurare, di garantire questo amore con la sua istituzionalizzazione, sottomettendolo a legislazione, trasformandolo in legge, e proteggendolo mediante la criminalizzazione del suo contrario”. I. Illich, In: Pervertimento del cristianesimo.

“Con questa parola (l’amore) si spiega tutto, si accetta tutto, perché non si cerca mai di conoscerne il contenuto. E’ la parola d’ordine che apre i cuori, i sessi, le sacrestie e le comunità umane. Copre di un velo falsamente disinteressato, persino trascendente, la ricerca della dominanza e il cosiddetto istinto di proprietà. E’ una parola che mente continuamente e questa menzogna è accettata con le lacrime agli occhi, senza discutere da tutti gli uomini. Procura una veste onorata all’assassino, alla madre di famiglia, al prete, ai militari, ai carnefici, agli inquisitori, agli uomini politici. Chi osasse (…) denudarla fino in fondo dei pregiudizi che la ricoprono, non sarebbe ritenuto lucido, ma cinico. Dà tranquillità di coscienza, senza grossi sforzi né grossi rischi, a tutto l’inconscio biologico.
Decolpevolizza: infatti, perché i gruppi sociali sopravvivano, cioè mantengano le strutture gerarchiche, le regole della dominanza, occorre che le motivazioni profonde di tutti gli atti umani siano ignorate.(…) Ai problemi che la vita pone in ciascuno di noi, non ho trovato (…) nulla in grado di dare risposta. Me l’ha data Cristo, ma (…) ho il sospetto che cambi il volto secondo il cliente.(…) Anche per lui, secondo me, la parola amore è sprecata. Nel contesto in cui è usata andrebbe bene anche la parola odio. C’è tanto amore nell’odio, quanto odio nell’amore, è una questione di endocrinologia. E’ più facile dire che si ama la specie umana, l’Uomo con la U maiuscola, che amare, e non solo far finta di amare, il proprio vicino di casa. Ma è anche più facile amare moglie e figli quando fanno parte degli oggetti gratificanti del nostro territorio spaziale e culturale, che amare il concetto astratto di Umanità nel suo insieme. Bisognerebbe non avere affatto territorio, cioè non avere sistema nervoso, oppure considerare territorio l’intero pianeta, per vivere in pace. (…). Amare l’altro dovrebbe significare ammettere che possa pensare, sentire, agire in modo non conforme ai nostri desideri, alla nostra gratificazione, accettare che viva secondo il suo sistema di gratificazione personale e non secondo il nostro. Ma l’apprendimento culturale, nel corso dei millenni, ha legato il sentimento amoroso a quello di possesso, di appropriazione, di dipendenza (…) a tal punto che colui che si comportasse così nei confronti dell’altro, sarebbe giudicato solo indifferente.”. H. Laborit, Elogio della fuga.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: