Commento all’articolo “Quanti amici ha Totò Riina” di Giorgio Bocca

14 agosto 2009

http://www.espresso.repubblica.it

Lo storico J. Dickie ha scritto (Storia della mafia siciliana, Laterza) che Peppino Impastato vedeva i Carabinieri andare a braccetto coi mafiosi; gli stessi mafiosi che poi l’ avrebbero fatto uccidere. I CC sostennero che Impastato era un terrorista vittima del suo stesso ordigno; e poi che era un suicida. Ci sono due tipi d’ onore: quello parassitario dei mafiosi e quello che non si nutre dell’ onore degli altri.

*  *  *

1 agosto 2014 

Blog de Il Fatto

Commento al post “G8 di Genova, sospensione di pochi mesi per i funzionari di polizia condannati”

“Obbedivano agli ordini” picchiando e torturando ragazzini inermi? E’ qua che il soldato, col suo onore, si distingue, rifiutando l’ordine, dallo squadrista con la sua vigliaccheria e dal pagnottaro con la sua miseria.

*  *  *

@ Slade. Come può un soldato avere onore? Il mestiere delle armi è vicino a quello dell’assassino. Ma se uno ci si trova, lo può esercitare con onore: mettendo a rischio la propria vita combattendo contro altri soldati, o contro altri violenti; per difesa. Si parla tanto di violenza, ma si distingue troppo poco, e troppo si confonde, tra l’aggredire e il combattere a difesa.

Montanelli ha scritto che perso l’onore una unità in divisa è una banda di tagliagole. L’onore è il nome spiccio per identificare ciò che fa la differenza. Non è onorevole la spedizione squadrista della Diaz. Né è giustificabile, come vorresti. Il credito che pensi di acquisire col tuo “massimalismo” teorico antimilitarista lo spendi subito per difendere nella pratica l’aggressione vile e pagnottarda. Tu esponi la versione “tengo famiglia” della “Nuremberg defense”.

Disobbedire a un ordine illegale, che porterebbe a ridursi a piccoli teppisti dalle spalle coperte, a burocrati del Male, permette, come diceva Arrigoni, di restare umani. Ci sono, e ci saranno sempre, anche quelli che dicono “no”, a proprie spese, senza fare tanti conti. C’è chi può parlare di rifiuto usando non il condizionale, ma l’indicativo. Tanti anni fa, in un articolo a favore dell’obiezione di coscienza, scrissi che deve essere una militanza, per la quale occorre chiedere a sé stessi del coraggio. Negare qualsiasi scampo morale al soldato per poi giustificarne gli atti vili non è né da soldati né da non violenti.

*  *  *

@ Slade. Per te chi usa la violenza è sempre e comunque una bestia; non c’è diritto di difesa. Però, continui, se c’è di mezzo la pensione o gli scatti di anzianità i poliziotti e CC che come gli viene ordinato commettono azioni bestiali si possono capire, e non vanno condannati anche se ciò che fanno è illegale.

Per me chi usa la violenza per difendersi da un’aggressione ingiusta non è un “tagliagole”; e può esservi onore nel suo reagire. Si diventa “tagliagole” quando si commettono quelle azioni che tu giustifichi in nome dell’obbedire agli ordini per evitare rogne coi superiori o diosalvi trasferimenti di sede.

Tu sei per il “chiagne e manganella”: la tecnica di scusare posizioni sciacallesche rivestendole con la pelle di pecora di declamazioni di principi altisonanti. Non sorprende che poi tu accomuni l’aggredito con l’aggressore nella categoria della “violenza”.

*  *  *

@ Slade. Più che ripetere mi pare tu voglia cambiare le carte in tavola. Non sono io che non capisco, sei tu che devi aggiustare la tua posizione ancora un po’. Da un lato, ti sforzi di confondere la violenza di chi si difende con quella di chi aggredisce. Manzoni al passaggio dei lanzi fa rimettere all’Innominato convertito le armi a portata di mano. Poi scusi la polizia che ha fracassato gratuitamente le ossa a degli innocenti: obbedivano agli ordini e pensavano al 27. La colpa va cercata in chi ha dato gli ordini, dici. Si può sostenere che obbedire passivamente a un ordine efferato può essere anche più colpevole che emetterlo. Nella realtà c’è un’affinità e ci sono legami di interesse tra chi obbedisce e chi dà ordini illegali. Altrimenti non si potrebbero ordinare certe cose. Pochi mesi fa ho sentito una conferenza di Gratteri, il PM antimafia. Sono critico dell’antimafia, ma ho sentito da Gratteri concetti che andrebbero diffusi: non basta arrestare il presidente di un ente corrotto; del sistema di corruzione fanno parte anche gli assunti, fino a “quello che alza e abbassa la sbarra del parcheggio”. Gratteri ha messo il dito in una piaga nascosta. Con la retorica del povero ma onesto si sottovalutata quanto le persone comuni, i clientes, i lazzari io li chiamo, partecipino consapevolmente e scientemente alla corruzione dei loro padroni o superiori e la rendano possibile, commettendo atti abietti e vili per un piatto di pasta.

*  *  *

@ Slade. Non è “un popolo intero che combatte unito” per la corruzione , la mafia e affini. E’ un popolo atomizzato dove ognuno fa parte a sé, e dà, sotto l’influenza culturale dei media, il peggio di sé; in un atteggiamento gretto, o miope, che gli si ritorce contro. Es. i torturatori della Diaz verranno a loro volta conciati per le feste, impunemente, se incapperanno in una delle tante trappole mediche allestite per fare soldi. Bomba atomica “o peggio” sugli italiani? Basterebbe, credo, rendere pubblico il voto alle elezioni, e punire efficacemente le raccomandazioni come un crimine, per fare assestare la gente, che se non è buona non è neppure così cattiva, a livelli meno stralunati; e più vantaggiosi per lei stessa.

Un conto è il menefreghismo e l’approvazione per le violenze di polizia, un altro è metterle in atto. Anche l’argomento che chi occupa le istituzioni è “specchio della società” è abusato. Andrebbe stabilito il principio che chi, a tutti i livelli, è pagato con denaro pubblico,viene ipso facto pagato anche per comportarsi correttamente. Per simulare onestà e rispetto per il cittadino, se non ha le doti personali che gli renderebbero spontaneo il farlo. Altrimenti sta rubando quel denaro. Questo vale anche per lo stipendio dei poliziotti, a sentire loro da fame, e per quello dei magistrati e di altri corpi dello Stato. Per i politici infedeli ai loro doveri poi dovrebbero essere previste sanzioni pecuniarie specifiche.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: