“Ogni gruppo pensa che la sua m… non puzza”

10 febbraio 2008

2 febbraio 2008

Forum http://www.marcotravaglio.it 

Commento al post “La lista nera degli ebrei”.

sito chiuso


Gli Italiani corrono sempre in soccorso ai vincitori, e quelli che difendono fuori misura gli ebrei ora che gli ebrei sono potenti sembrano non gli oppositori, ma i discendenti morali degli Italiani che fecero finta di nulla quando gli ebrei erano deboli e furono sopraffatti dalle infami leggi razziali. (“E’ come sparare col cannone ad un uccellino”commentò il gerarca Bottai, che sosteneva che bastavano atti amministrativi con false motivazioni, come l’accusa di inettitudine, per allontanare gli ebrei da ruoli dirigenziali). Quelli che si sbracciano a difendere gli ebrei oggi, quando gli ebrei si sanno difendere da soli, sono gli stessi che mostrano il massimo zelo contro i nuovi discriminati, i nuovi proscritti. Il ”blacklisting” nel mondo accademico oggi non ha per oggetto gli ebrei in quanto tali, tutt’altro. Ed è cosa ben diversa dalla pubblicazione dell’elenco degli esponenti di uno dei gruppi che, minoritario in Italia, fa parte della “santa alleanza” che nel mondo influenza la comunità scientifica. La pubblicazione della lista è potenzialmente pericolosa, per come è stata inserita in un attacco frontale agli ebrei: un gruppo etnico che, mediante Israele, da decenni è in guerra contro nemici che sognano il suo annientamento; e che, per quanto potente, storicamente è a rischio di essere indicato come capro espiatorio. Ma è una pubblicazione che sarebbe anche utile, nell’ambito di un discorso sulla ricerca, se si volesse un sistema imparziale e trasparente. Si sarebbero dovuti pubblicare assieme gli elenchi degli universitari massoni, di quelli clericali, di quelli di nomina partitica, delle reti di parentele; di quelli che hanno legami finanziari con l’industria, eccetera. Gli ebrei attualmente non sono più a rischio di blacklisting nelle università; e anzi, chi conosce la situazione delle università in USA sa che i professori ebrei ora hanno voce in capitolo quando si stila, contrariamente ai principi etici della ricerca, l’elenco dei buoni e dei cattivi.

L’espressione “lista nera” è esagerata e tendenziosa. “Gli ebrei italiani verificheranno attentamente chi parteciperà alla manifestazione e chi no. Non c’è dubbio che chi eviterà di partecipare e non ci sarà, sarà considerato un nemico non solo di Israele ma anche degli ebrei italiani” (Pacifici, portavoce della comunità ebraica romana; Corsera, 31 ottobre 2005). Quest’affermazione, su un sit-in di protesta davanti all’ambasciata iraniana, è già più vicina al concetto di “lista nera”: la schedatura dei soggetti da considerare ostili, che può essere usata anche a scopo intimidatorio. Quando uno è davvero blacklisted scompare: non ha accesso né visibilità. Per comprendere, o ricordare, cos’è il blacklisting in un sistema formalmente democratico, si possono leggere le biografie di due scienziati ebrei che, pur avendo raggiunto i massimi livelli, apportando contributi fondamentali, finirono nell’ombra per le loro idee, in anni nei quali essere ebreo costituiva inoltre un reale handicap per gli studiosi: quelle di Leo Szilard (W. Lanouette. Genius in the shadows. Scribners, 1992 ) e di Norbert Wiener (F. Conway, J. Siegelman. L’eroe oscuro dell’età dell’informazione. Codice, 2005). La lettura delle idee scientifiche del padre della cibernetica, malviste dalla CIA, può anche servire a rifarsi la bocca mentre i vari poteri che oggi comandano nelle università sfilano sui media per denunciare le discriminazioni che subiscono. Sembra che, come nel finale di un film di Fantozzi, dove il ragioniere dopo morto va all’inferno anziché in paradiso perché il direttore totale, morto pure lui, ha scambiato i curriculum, ora i potenti si impossessino anche di quelle vesti di vittima che in realtà impongono agli altri, e che secondo il Discorso della montagna dovrebbero garantire un risarcimento, addirittura sotto forma di beatitudine, nell’aldilà.

Non si può tacere che Israele attualmente è invischiato in situazioni gravi, che sarebbero fonte di dolore per gli ebrei che furono vittime della persecuzione, se potessero vederle. Sul piano logico, è una fallacia sostenere che siccome un popolo è stato perseguitato, e perseguitato orribilmente, i suoi discendenti non possono essere persecutori. E, di converso, il fatto che un gruppo perseguiti non significa che non sia stato perseguitato, e che non sia a rischio di tornare a subire la stessa sorte. La relazione di persecuzione è simmetrica: si può essere perseguitati e perseguitare. Questa verità di ragione appare avere riscontro nella storia dell’umanità. Con gli ebrei, è particolarmente complesso distinguere e districare le diverse relazioni e il loro verso. Speriamo che almeno in Italia i contendenti si limitino a scambi verbali, e che anche i più agguerriti non si procurino pezze d’appoggio con altri metodi. Credo – un’opinione facilmente contestabile, e che probabilmente non farà piacere né agli ebrei né ai loro nemici – che gli ebrei vadano considerati, e siano, esattamente un popolo come tutti gli altri. Senza offesa, sono come noi e come gli altri; che è tutto dire. Non ci sono popoli buoni e popoli cattivi. Così mi rispose un medico ebreo di Boston sul conflitto tra israeliani e palestinesi: “Problem is each group thinks its s… doesn’t stink”. “Il problema è che ogni gruppo pensa che la sua m… non puzza”.
_________________
Propter Sion non tacebo

*  *  *

23 gennaio 2015

Blog de Il Fatto

Commento al post di E. Castano “Giornata Memoria, annullata mostra sulla Shoah: “Ci sono disegni di bimbi di Gaza” “

Un grande matematico (ebreo) Cantor, ha dimostrato come vi siano vari gradi di infinito; come alcuni infiniti siano “più grandi” di altri. Forse si può dire lo stesso degli eccidi; che ve ne sono alcuni ancora più gravi degli altri, come sostengono gli ebrei per il tentativo di genocidio che hanno subito. Restano però tutti atti infinitamente gravi e, come per gli infiniti matematici di Cantor, non li si può misurare col metro comune. Chissà se, là dove sono, i bambini ebrei uccisi dai nazisti e i bambini palestinesi uccisi dagli ebrei giocano assieme, senza badare alle pagliaccesche questioni di precedenza di noi vivi.

 *  *  *

28 gennaio 2015

Blog de Il Fatto

Commento al post di F. Colombo “‘American Sniper’, il cecchino Clint ricorda ‘La tregua’ di Primo Levi”

I facili sbrodolamenti hollywoodiani sui presunti mal di pancia di un soldato del più potente esercito invasore, che sceglie volontariamente il compito di sparare a freddo, da lontano, anche su civili; di sparare anche, a sua discrezione, su donne e bambini, un’attività non migliore di quella del sicario o del boia, o dello psicopatico, a Furio Colombo ricordano la lucida freddezza di Primo Levi nel riportare l’orrore vissuto della deportazione e del lager, riflesso nel peregrinare di uno scampato.

*  *  *

@ ninuzzu. Parlavo solo dell’accostamento tra questo filmetto di propaganda e i libri di Primo Levi. Ho l’impressione che lei non distingua molto bene tra fiction e realtà. Non bisognerebbe fare l’avvocato, o il giudice, di un personaggio da videogame, considerando al posto dei fatti una trama ritagliata ad hoc per glorificare la barbarie senza esporsi troppo. Nella realtà di sicuro sì, hanno ucciso a freddo civili, gente normale come me e lei, in massa o uno alla volta, dopo essere piombati nella loro terra senza giustificazione. Mi pare che il trailer enfatizzi proprio la scena dove il soldato scelto mette nel suo crosshair una donna e un bambino. Diversa gente si eccita per queste cose. A me a pensare che si è spostato di dodicimila chilometri da casa sua in Texas per una battuta di caccia verso persone che non gli avevano fatto nulla viene un vago senso di nausea; simile a quello che provai quando da bambino vidi per la prima volta la foto tristemente famosa di quell’altro bambino con le mani alzate davanti a una SS che gli puntava il fucile nel ghetto di Varsavia.

*  *  *

@ ninuzzu. Se un domani presunti terroristi di Belluno riuscissero – incredibilmente – a radere al suolo il più importante palazzo di Pechino, e qualche ministro leghista, le labbra ancora umide di grappa, inneggiasse a ciò, sarebbe giusto che i cinesi si impadronissero dell’Italia mettendola a ferro e fuoco? Film come questo educano a ragionare male. E a razionalizzare impulsi violenti: in USA, e ovunque nel mondo, prima c’è la voglia di aggredire e uccidere, unita all’interesse economico a farlo, e quindi si costruiscono storie per renderla presentabile.

*  *  *

@ ninuzzu. Folle di italiani accolsero festanti il proclama di Mussolini di entrata in guerra nel 1940. Si ficcarono allegramente nel disastro non avendo capito nulla; istupiditi dalla propaganda come lo sono quelli che oggi si bevono i messaggi ideologici e propagandistici contenuti nel film di Eastwood. Sollecitare in noi stessi certi istinti e lanciare attacchi odiosi verso gruppi etnici a loro volta non privi di tendenze bellicose e di derive estremiste è giocare col fuoco. Riguardo alla strage di Charlie Hebdo, la sua natura, come per l’11 settembre, è incerta; ma di sicuro se bombardiamo civili a fini imperialistici poi non possiamo aspettarci che i loro correligionari musulmani, parlo delle persone normali, ci guardino con simpatia. Il culto della guerra, la ricerca di un nemico, è da irresponsabili per chi ci guadagna, e da perfetti stupidi per i comuni cittadini.

*  *  *

4 febbraio 2015

Blog de Il Fatto

Commento al post di G. Simonelli “‘American Sniper’, un film che di originale ha solo i tre minuti finali”

Fritz è un giovane tedesco che per ingenuità giovanile e idealismo male orientato si è arruolato nelle SS. Inviato sul fronte russo, vede gli orrori, la stupidità, la crudeltà della guerra e sente sempre più come contrastino con i suoi principi sul dovere e l’onore. Conosce il dolore e la paura, i propri e quegli degli altri. Perde le certezze degli antichi punti di riferimento, senza conquistarne di nuovi. Stanziato negli ultimi mesi di guerra a Roma, la città del tradimento, gli arriva la notizia che tutta la sua famiglia, meno la sorella più piccola, è scomparsa sotto i bombardamenti alleati. Ha uno scontro verbale con il tenente che comanda il suo plotone, che lo minaccia di deferirlo alla corte marziale per i suoi discorsi disfattisti e di sfiducia nel Reich. Poco dopo vede cadere il commilitone suo migliore amico in un attentato di partigiani in abiti civili. Ecco perché quando quella donna rincorre il loro autocarro, sul quale hanno caricato dei partigiani catturati, d’impulso le spara, uccidendola; il rimorso immediato è acuito dalla vista del bambino e del prete accorsi accanto al cadavere. Tornato in Germania, con un’altra raffica salva in extremis la sorella da un soldato russo. Il film si chiude con Fritz che attonito e smarrito, la divisa lacera, tenendo per mano la sorellina guarda le rovine di Dresda. (Immaginario remake di Roma città aperta, se ipoteticamente ci fosse interesse a riabilitare i nazisti).

*  *  *

@ Hobbes. E’ una sua idea, purtroppo diffusa, che tutte le storie siano come “Rashomon”. Una sorta di “relativismo epistemico”. Che spesso, come qui, gioca sullo scambio tra casi individuali e corsi storici. La descrizione della realtà, e i conseguenti giudizi morali, non dovrebbero cambiare a seconda “dei punti di vista”; tanto più se i punti di vista sono presentati dalla cinepresa retta da chi ha interesse a dare una certa versione.

*  *  *

@ Hobbes. Suvvia, lei è troppo pessimista, per non dire nichilista. La vita è “Rashomon”? Citare “Rashomon” nella pratica è un modo colto per praticare il “se la canta e se la suona”. La vita non è un mero gioco di specchi. E’ anche un contrastare chi a botte di “angolazioni” giustifica tutto, anche l’indifendibile, e celebra tutto, anche ciò che è abietto. Pascal nelle sue Lettere Provinciali mostra l’assurdità dei sofismi coi quali i gesuiti arrivavano a giudicare leciti la violenza e l’omicidio per futili motivi.

*  *  *

@ Hobbes. “La hanno raccontato le loro vite”. Le testimonianze personali sono rispettabili. Però nell’arte, incluso il cinema, nella scienza, nella militanza intellettuale, bisogna riuscire ad andare oltre il racconto, oltre il narrativo, anziché adagiarvisi ripetendolo; e cogliere, con gli strumenti propri delle singole discipline, il reale, che anche nel caso delle vicende umane esiste, e va identificato.

*  *  *

@ Peters. Opere sui repubblichini come l’autobiografico “A cercar la bella morte” di C. Mazzantini sono apprezzabili perché contrastano gli eccessi di retorica e le distorsioni storiche della Resistenza (o meglio, di quelli che hanno prosperato sulla Resistenza), e spingono quindi verso il vero. Qui stiamo invece parlando della storia scritta a Hollywood dai vincitori. Meglio, dagli aggressori. Grazie per i complimenti alla mia proposta di trama. Ma soprattutto grazie per essersi esposto, mostrando come basti imbastire un raccontino di maniera da quattro soldi per ottenere consenso. E come molti siano quindi banderuole vulnerabili all’indottrinamento, e si sentano anzi difensori di valori estetici mentre non distinguono la realtà dalla narrativa. E mentre chiamano “arte” le bugie che fanno comodo e “propaganda” le verità che non fanno comodo. Nell’era del marketing, la narrativa strumentale, la sollecitazione a buon mercato di corde emotive, non è arte, ma veleno; veleno scientificamente sintetizzato.

*  *  *

@ Peters. Non so quale ideologia mi attribuisce; non aderisco a nessuno schieramento di potere, ho simpatie per altri aspetti della cultura USA, e sono critico sull’immissione di nuove etnie in Europa. “L’ideologia” sarebbe il criticare come propagandistico un film che riguarda un conflitto che ha contribuito a creare una instabilità generale in Medio Oriente, tuttora in corso; un film altamente ideologico, che esalta la parte che aggredendo ha innescato una catena di lutti che continua mentre parliamo. Si dovrebbe astenersi dal “contenutismo”, dice lei, e guardare solo a come il film è confezionato. Non capisco cosa proibisca di considerare entrambe le cose; e perché va respinto come “ideologico” il considerare l’ideologia che il film promuove. Sprofondarsi nel velluto della poltrona fregandosene del rapporto tra un film che tratta di fatti terribili e attuali e la terribile realtà, sulla quale il film incide eccitando l’opinione pubblica e i fanatici, occidentali e islamici; il non badare ad altro che al piacere, alle sensazioni estetiche che si possono estrarre dalla visione di un film partigiano su una tragedia ancora in corso, mi pare una posizione di mediocrità presuntuosa; o una perversione, che non viene resa migliore dallo scambiarsi impressioni sull’esperienza quando le luci si riaccendono.

*  *  *

@ Peters. Una volta sentii dire a un regista cinematografico, a una conferenza pubblica, che Veltroni avrebbe a suo tempo siglato un accordo riservato con il governo USA per garantire l’accesso e l’ampia visibilità dei film USA in Italia. Lei dice di avere “orrore” delle guerre lanciate dagli USA, ma si vuole “battere” perché non si dica che vi sia un rapporto con la politica estera USA di questo film, che si intitola “American sniper” e urla un messaggio guerrafondaio. Mi scusi, ma lei “si batte” per imboscarsi. Lei corre in soccorso ai cow boy contro gli indiani. Lei carica lancia in resta verso il banco del pop corn. Lei spera in qualche biglietto omaggio per soddisfare la sua inestinguibile – a quanto dice – sete di pellicola.

*  *  *

@ Peters. A me il cinema piace; ma non vesto “panni reali et curiali” quando guardo un film. E io “guardo dentro al film”. I film USA hanno spesso questa rogna, di voler convogliare un messaggio ideologico volto a favorire grandi interessi. Contengono un’anima metallica che li rende spesso scomodi e spigolosi, e detrae dai loro meriti artistici. Questo film, che di artistico ha poco, esalta la violenza ignorante e vile; stimola le fantasie omicide dei giocatori di videogames. Sentimenti che sostengono un gorgo di guerre che dura da tanti anni e ora si sta avvicinando all’Europa. E’ meglio che si fermi lei, che per leccare il peggio degli USA viene a importunami dicendomi di stare zitto mentre si atteggia a esteta. Non so quanta sincerità possa esserci nelle sue posizioni, ma le trovo doppiamente sgradevoli. Non si distragga con me, torni alle sue funzioni nel tempio della decima musa, il fuoco sacro potrebbe spegnersi.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: