L’uso della poesia nella pubblica amministrazione

25 gennaio 2008

Forum http://www.marcotravaglio.it

Commento al post: “Che bello Neruda….peccato non sia lui!”

sito chiuso


Espressioni come quella risultante dalle intercettazioni della sig.ra Mastella, “E’ un uomo morto”, non sono rare nell’amministrazione degli ospedali pubblici. Ricordo bene quando, assistente fresco di nomina, un primario, democristiano in transito verso la CDL, mi preconizzò una “morte lenta”. Si riferiscono in genere alla morte civile: all’annientamento morale, che certo non allunga la sopravvivenza fisica. Sono frasi che fanno parte di un sistema vecchio e collaudato; bisognerebbe chiedersi perché i magistrati aprono gli occhi solo ora, quando è in atto un cambiamento epocale – sostenuto anche da politici come Livia Turco – che ridimensiona il potere discrezionale baronale a favore di quello delle multinazionali, non meno arbitrario e ancora più pericoloso.

Questo paragonare un dipendente pubblico ad un morto che cammina non è eccezionale nei vari rami dell’amministrazione pubblica, che secondo la barzelletta n. 97 della Costituzione dev’essere gestita in maniera tale da assicurare buon andamento e imparzialità. Conservo una copia della stessa poesia declamata in aula da Mastella, ma intitolata “Lentamente…”, che, nella stessa città padana nella quale il primario prognosticava una morte lenta all’assistente, ha distribuito alle insegnanti un dirigente scolastico, democristiano e cattolico come Mastella. Se un direttore scolastico commette favoritismi e favorisce vessazioni, e alle segnalazioni dei danni che così provoca risponde con l’inerzia, ma invia una circolare-poesia dove è scritto che coloro che preferiscono il nero su bianco e vogliono mettere i puntini sulle “i” andranno incontro ad una morte lenta, forse ha con la cetra un rapporto neroniano.

Il particolare contenuto della poesia, che dice anche che muore lentamente chi è infelice sul lavoro, può spiegare il successo che, pur essendo apocrifa, ha incontrato tra i nostri burocrati, e come sia quindi finita tra le mani di Mastella: si presta bene a quel minacciare per allusioni che è uno dei tratti che accomunano i mafiosi del sottobosco politico-amministrativo ai mafiosi riconosciuti. Come Michele Greco, detto “il Papa”, gran sacerdote del parlare mafioso, che dal gabbione dell’aula-bunker augurò “la pace”, sostenendo di citare il Signore, ai giudici che si accingevano a deliberare. La poesia dello pseudoNeruda è un esempio del bagaglio di alte professionalità che giustifica i lauti stipendi di amministratori pubblici come quelli selezionati da Mastella a Benevento o dai suoi amici ai piedi delle Alpi. Nell’ambito artefatto e surreale dei rapporti amministrativi la poesia dovrebbe essere come un cane in chiesa, ma l’uso caporalesco della poesia ha una tradizione in Italia. Il rude regime fascista finanziò sottobanco anche i poeti, con assegni mensili di importo diverso a seconda della loro fama. Circolava il commento che i poeti nazionali del tempo andavano perciò distinti in “millelirici”, “duemilalirici” e “tremilalirici”.
_______________
La prima liberta’ e’ la liberta’ dalla bugia.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: