Commento al topic: Lui e Cristo

11 giugno 2007

www. annozero.rai.it

non reperibile


“Il 15 maggio 2003 (tre mesi dopo il rapimento) gli americani comunicano agli 007 italiani che «Abu Omar si troverebbe al Cairo interrogato dai Servizi egiziani ». Sei giorni dopo affermano che «è agli arresti in Egitto interrogato in località segreta». Nonostante questo Pollari ha sempre ripetuto che «il Sismi non ha alcuna notizia circa la scomparsa di Abu Omar». Tra le carte c’è anche una lettera con la quale Pio Pompa invita Don Verzè a intervenire affinché «l’amico N» ottenga la nomina «dopodiché noi Raffelliani saremo in grado di gestire con una rete riservata, progetti di interesse per il San Raffaele». Secondo alcune interpretazioni «l’amico N» sarebbe lo stesso Pollari, all’epoca vicedirettore del Cesis. Con una nota il San Raffaele ha dichiarato di essere “estraneo a ogni trama, intrighi e affari oscuri”. (Corriere della Sera 18 nov 2006). “Alle 3 del pomeriggio Pollari e’ gia’ in Procura e mette a verbale: ‘L’interrogazione mi fu data da tale Pio Pompa (…), attualmente consulente del Sismi, la cui collaborazione e’ classificata segreta. Pompa mi era stato presentato nella tarda primavera o nell’estate del 2001 da don Luigi Verzè, con cui Pompa collaborava e con cui forse collabora”.” (Espresso 17 nov 2006).

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: