No Dal Molin ~ Eminenza, Sì o No alla base USA?

2 marzo 2007

Forum http://www.altravicenza.it

Post del 2 mar 2007

cancellato con l’azzeramento del forum


C’è chi si lamenta degli interventi della CEI, e del Vaticano, nel dibattito politico italiano, ma sulla base USA a Vicenza la curia romana non interloquisce; come se la normativa sulle convivenze, caduta a fagiolo, l’assorbisse completamente. I vescovi italiani sono estremamente defilati su una questione di guerra e pace che ha mosso le coscienze di milioni di Italiani.

Cesare esige un nuovo tributo; noi glielo neghiamo contestandolo come iniquo ed empio; l’alta corte del cristianesimo, che sostiene di avere l’obbligo e il diritto di esercitare il magistero morale, fino a emettere direttive vincolanti per i parlamentari cattolici, se ne lava le mani. In questo caso applica la “sana laicità”, e resta, ufficialmente, neutrale. Quando è costretta a dire “qualcosa di cattolico”, come nel caso della diocesi di Vicenza dopo la manifestazione del 17 febbraio, adotta tortuose formule diplomatiche; un “né sì né no” che nei fatti è un “via libera”. Se non ci fossero a salvarle la faccia quei gruppi e singoli che, rappresentando versioni illuminate del cattolicesimo, si sono schierati per il no, alla gerarchia sarebbe difficile non apparire collusa con gli Stati Uniti; soprattutto agli occhi di chi legga le raggelanti rivelazioni degli storici sui rapporti tra Vaticano e militari USA nell’Italia del dopoguerra.

I vescovi potevano ammettere apertis verbis di essere a favore della base. Oppure, pensiamo a come sarebbero cambiati radicalmente i termini della questione se i vescovi italiani ci avessero dato un aiuto, invece di esigere come al solito qualcosa, e si fossero pronunciati, collegialmente, contro la base; se mentre si accaloravano sui timbri e bolli coi quali regolamentare gli affetti e la sessualità avessero speso una parola evangelica contro l’enorme strumento di morte che si vuole posare su Vicenza. Sostengono di essere portatori di una verità superiore, ma questo silenzio non è ieratico. In USA c’è un detto: “il silenzio mentre sta avvenendo qualcosa di importante è una bugia”.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: